Tipress
LUGANO
25.08.21 - 06:000
Aggiornamento : 10:09

Alla Clinica Luganese ci si attrezza per la nuova ondata: «Richieste soddisfatte solo in parte dal Cantone»

La direzione informa sui numeri del reparto Covid in allestimento e invita tutti i collaboratori a vaccinarsi

I non vaccinati non potranno partecipare alla festa aziendale (e questo è il meno), ma il vero spauracchio potrebbe arrivare in autunno con le limitazioni d'accesso alle strutture che «potrebbero causare ai collaboratori anche costi non indifferenti».

LUGANO - Crescono i contagi e, negli ospedali ticinesi, ci si attrezza per quella che si annuncia come la quarta ondata. Un aggiornamento dal fronte è contenuto in una «comunicazione confidenziale» della Clinica Luganese Moncucco inviata lunedì 23 agosto a tutti i collaboratori. Un'ondata attesa ma che, si legge nella lettera firmata dal direttore Christian Camponovo e dal direttore sanitario Christian Garzoni, «non possiamo però negare si stia manifestando decisamente prima di quanto era ipotizzabile». 

L'attesa - «In previsione di questa nuova ondata e dopo molteplici sollecitazioni da parte nostra e dell’EOC, il Governo cantonale - nota il documento - ha finalmente deciso di stanziare dei fondi per aumentare le capacità di presa a carico dei pazienti Covid più gravi».

La previsione - Grazie al vaccino i numeri previsti non sono fortunatamente più quelli dello scorso inverno, che saturarono i due reparti dedicati ai malati di coronavirus. «In Clinica prevediamo per i prossimi mesi di riservare ai pazienti Covid al massimo un reparto di cura (circa 30 letti) e 6 o 7 letti di cure intense, mantenendo così una buona capacità di accogliere i nostri abituali pazienti». Certo la Moncucco si sarebbe aspettata di più da Bellinzona: «Le nostre richieste sono purtroppo state soddisfatte solo parzialmente, ma comunque - da subito - possiamo aumentare di un paio di unità i letti di cure intense che, tra ottobre e aprile del prossimo anno, saranno ulteriormente incrementati fino a un totale di 10 letti». Altri 10 letti aggiuntivi di cure intense, si legge ancora, saranno creati nelle varie sedi dell’Eoc.

L'invito a vaccinarsi - Lo scopo della comunicazione interna è però manifestamente quello di «invitare coloro che fino a oggi non si sono fatti vaccinare a rivalutare la questione». Il tasso di vaccinati tra gli operatori sanitari della Clinica Luganese (secondo i dati pubblicati dall’Ufficio del medico cantonale) è già tra i più alti, pari all’86% (nelle sedi Eoc si scende al 77%). Ma la direzione della Clinica privata si attende di più. Senza nascondere che anche i vaccinati possono sviluppare forme gravi di Covid, «a ogni modo il vaccino resta - ad ora - il miglior mezzo per combattere il virus e i suoi effetti e per contenere il rischio di diffusione di nuove varianti». 

Festa per soli immuni - La strada per gli operatori sanitari che non si vaccinano rischia inoltre nei prossimi mesi di farsi disagevole. Non tanto perché non potranno partecipare alla festa aziendale che la Moncucco organizza questo fine settimana: «Abbiamo deciso - si legge nella lettera - di limitare la partecipazione alle sole persone vaccinate, che sono al momento quelle che hanno una probabilità minore di ammalarsi e di diffondere il virus agli altri.

Dispiace chiaramente escludere una parte degli interessati (...)». La stretta che incombe è piuttosto un’altra: «È probabile che nel prossimo futuro l’accesso alle strutture sociosanitarie sia permesso solo in presenza di un certificato Covid». Una limitazione che, sottolinea la comunicazione interna, «potrebbe causare ai collaboratori anche dei costi non indifferenti». Da qui l’invito a vaccinarsi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VIDEO
LOCARNO
42 min
Sparatoria a Solduno, il video dell'arresto
Emergono nuovi dettagli sul fatto di sangue di ieri sera. Le condizioni della 22enne restano gravi.
CANTONE
1 ora
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
FOTO
CANTONE
2 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
5 ore
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
MAROGGIA
18 ore
I segreti delle impronte digitali
Perché tanta gente comune è attratta da questo tema? Lo spiega Federica Keller, esperta in analisi delle mani.
CANTONE
19 ore
Quei nomi che mettono “a rischio” la reputazione della Supsi
Vanno e vengono tra la Supsi e la tanto discussa Fidinam coinvolta nei Pandora Papers
FOTO
MASSAGNO
20 ore
Svelato il nuovo look del Lux
Da domani il cinema di Massagno sarà nuovamente aperto al pubblico dopo la ristrutturazione.
MENDRISIO
23 ore
Sfonda la vetrina con il Suv
Incidente questa mattina davanti alla stazione di Mendrisio. Un brutto spavento, ma nessun ferito
CONFINE
1 gior
Turisti del tampone, oltre frontiera per risparmiare
In Germania costa 14 euro, in Italia 15. Ma c'è chi per i ticinesi rialza il prezzo anche del 60 per cento
CANTONE
1 gior
Covid, i pazienti in cure intense salgono a due
I ricoverati a causa del virus restano nove.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile