Immobili
Veicoli
TIPRESS
CANTONE
20.08.21 - 08:020
Aggiornamento : 15:46

Congedi nelle carceri, con la pandemia aumentate le richieste

Nel 2020 le domande sono state 54, con un aumento del 45 per cento rispetto all'anno prima

Ma i giudici non sono diventati più generosi. Quasi un terzo delle istanze è stata respinta. Alla Stampa su 137 detenuti attuali, solo 4 beneficiano delle uscite

LUGANO - Confini bloccati, divieti, chiusure. Durante la pandemia siamo stati tutti un po' più "prigionieri". Ma come se la sono passata i detenuti veri e propri? Curiosamente, sembra essere aumentata la voglia di mettere il naso fuori, nel mondo dei liberi un po' meno liberi del solito. In Ticino le richieste di congedo sono state 54 nel 2020, l'anno del Covid, più 45 per cento. Ma non tutte sono state accolte. 

Nel 2019 le richieste erano state 37, l'anno prima 33 e 11 l'anno prima ancora. I permessi concessi dall'autorità competente, il Giudice dei provvedimenti coercitivi (Gpc), sono stati invece più stabili: i congedi negati sono stati il 36 per cento l'anno scorso, il 25 per cento nel 2019, il 37 per cento nel 2018 e il 19 per cento nel 2017. 

Numeri dietro a cui si nascondono speranze, frustrazioni, lamentele. E anche un bel po' di lavoro di avvocati e magistrati. Un esempio su tutti: la richiesta di congedo di Marco Siciliano, condannato all'ergastolo per il delitto di Obino, è arrivata fino al Tribunale federale che, a fine giugno, ha respinto un ricorso del detenuto. Un'interpretazione «molto restrittiva» della norma secondo l'avvocato di Siciliano Matteo Quadranti, che sottolinea come «in particolare il criterio del pericolo di fuga sia spesso opinabile». 

Con i confini semi-chiusi e la mobilità collettiva ridotta ai minimi, in effetti, difficile andare lontano. Fatto sta che, pandemia o no, le regole sono regole: «I detenuti possono richiedere il congedo solo dopo avere scontato metà della pena, la libertà condizionata dopo i due terzi» ricorda il direttore delle strutture carcerarie Stefano Laffranchini. «Ogni passaggio sottosta a una decisione del giudice». Alla Stampa su 137 detenuti attuali, solo 4 beneficiano delle uscite. Nella sezione aperta (Stampino) si trovano al momento 30 detenuti, e «quasi tutti possono uscire periodicamente». 

La buona condotta è solo uno dei fattori che vengono valutati. «L'obiettivo è di evitare ogni rischio di recidiva» spiega Marco Albisetti Bernasconi, presidente dell'Ufficio del Gpc. «Anche la gravità del reato ha un peso specifico di rilievo: se è grave, può bastare un lieve rischio di recidiva per negare un congedo». Il basso numero dei permessi concessi in Ticino, secondo Albisetti Bernasconi, non è tanto dovuto al rigore quanto al basso numero di richieste: «Siamo un cantone di frontiera. I detenuti senza agganci in Ticino non hanno per lo più motivo di richiedere dei congedi». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
La 'ndrangheta chiede permesso
Un frontaliere 59enne sarebbe prestanome del clan Raso-Gullace-Albanese. In Ticino ha ottenuto un prestito Covid
CANTONE
10 ore
Scuole medie, bocciata la sperimentazione
Il Gran Consiglio ha affossato il credito di 237'000 franchi richiesto dal Governo.
CANTONE
15 ore
«È arrivato il momento di chiederci se possiamo convivere con il virus»
Anche Marco Chiesa invoca il "Freedom Day"
CANTONE
16 ore
Due nuovi cantieri all'orizzonte in Ticino, Governo «soddisfatto»
La Confederazione ha dato l'ok per il collegamento A2-A13 Bellinzona-Locarno e il potenziamento dell'A2 Lugano-Mendrisio
CANTONE
20 ore
La legge sull'apertura dei negozi resta in vigore
Non è però prevista una commissione consultiva. Lo ha deciso il Tribunale federale
CANTONE
22 ore
Salgono i contagi, ma calano i ricoveri
Si registra anche una ulteriore vittima del virus, per un totale di 1'090 da inizio pandemia.
CANTONE
1 gior
Pochi decessi, ma «il numero dei contagi resta rilevante»
L'Ufficio del medico cantonale sulla situazione pandemica: «Molto dipenderà dalla variante circolante in futuro»
CONFINE
1 gior
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
1 gior
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
1 gior
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile