SUPSI
La Val Piora e il Lago di Cadagno.
+1
QUINTO
18.08.21 - 11:020

Il Lago di Cadagno: «Un piccolo oceano Proterozoico»

Dalle nostre Alpi giungono nuove ipotesi sull’evoluzione della vita sulla Terra.

Dei batteri rinvenuti nel lago rappresentano un sistema «simile» all'oceano Proterozoico.

QUINTO - Comprendere l'evoluzione della vita sulla Terra partendo da un laghetto leventinese. È quanto hanno fatto i ricercatori del Max Planck Institute di Brema, della SUPSI, dell’Istituto Federale Svizzero di Scienza e Tecnologia dell’Acqua (EAWAG) e del Politecnico Federale di Zurigo (ETHZ) al Cadagno. Uno sforzo premiato dalla pubblicazione integrale sul Nature Communications.

«Ecosistema unico» - Le caratteristiche oltremodo «speciali» del Lago di Cadagno sono da tempo conosciute dai ricercatori della SUPSI che collaborano con il Centro Biologia Alpina di Piora. «Il lago è infatti costituito da due strati distinti e sovrapposti che lo rendono un ecosistema unico ed estremamente prezioso», spiega il direttore dell'Istituto di microbiologia Mauro Tonolla. Lo strato superiore riceve acque cristalline dallo scioglimento delle nevi, mentre lo strato inferiore è alimentato da sorgenti sottolacustri che lo arricchiscono di sali minerali quali zolfo, calcio, carbonato, magnesio.


SUPSI
«Ecosistema unico»

«I due strati d’acqua non si mescolano», chiarisce Raffaele Peduzzi, presidente della Fondazione Centro Biologia Alpina, «grazie alla differenza di densità, determinando una stratificazione stabile del lago, anche definita come meromissi creogenica». Nella parte superiore troviamo ossigeno, ma poche sostanze nutritive, mentre lo strato inferiore è anossico e ricco di solfuro. Fra i due strati ve n’è uno intermedio, chiamato chemoclino, caratterizzato dalla compresenza di piccole quantità di ossigeno e di solfuro. È qui che troviamo i protagonisti di questa scoperta, ovvero i solfobatteri purpurei fototrofi.


SUPSI
«I due strati d'acqua non si mescolano».

«Una vera sorpresa» - «Per la prima volta abbiamo avuto la prova diretta che questi microrganismi, che compiono la fotosintesi anaerobica ossidando il solfuro, fissano anche l'azoto in modo molto efficiente», spiega Nicola Storelli, ricercatore dell’Istituto di microbiologia della SUPSI e uno degli autori della pubblicazione su Nature Communications. Ciò significa che questi batteri sono in grado di convertire l'azoto gassoso in composti azotati che possono essere poi utilizzati anche da tutti gli altri organismi viventi. Per questa reazione essi usano l'enzima molibdeno-ferro nitrogenasi (MoFe, nif), considerato il più efficace presente in natura. «La vera sorpresa è stata quella di constatare che nonostante la bassa concentrazione di molibdeno nel Lago di Cadagno - proprio come nell'oceano Proterozoico - questo enzima è ugualmente attivo», conclude il ricercatore.


SUPSI
«Una vera sorpresa. È un piccolo oceano Proterozoico».

Un modello per l'evoluzione - Per lungo tempo è stato ipotizzato che fossero i più evoluti cianobatteri, avendo altre forme di nitrogenasi senza molibdeno, i principali responsabili di questa attività che ha reso disponibile l'azoto alla biosfera del nostro pianeta. Ora però questa ricerca dimostra che i solfobatteri purpurei, metabolicamente più antichi dei cianobatteri, potrebbero in effetti aver contribuito in modo sostanziale alla fissazione dell'azoto negli oceani della Terra primordiale (da 2.5 miliardi a 541 milioni di anni fa). Il Lago di Cadagno e questi batteri rappresentano dunque un sistema del tutto simile all'oceano Proterozoico e fungono da modello per saperne di più sui processi biogeochimici della Terra primordiale.


Istituto Max Planck per la microbiologia marina/M. Philippi
I Solfobatteri purpurei nell'acqua del Lago di Cadagno (sopra) e la loro attività di fissazione dell'azoto unicellulare misurata con nanoSIMS (sotto, i colori caldi indicano un'attività elevata).

SUPSI
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 3 mesi fa su tio
Magone ;-((((((((
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
Vaccino per partire, «ma anche per fare il bucato»
Per i non vaccinati Stati Uniti e Australia sono diventate impossibili, e la Germania invivibile.
LUGANO
10 ore
A luglio torneranno gli Swiss Harley Days
I primi tre giorni del mese saranno all'insegna delle due ruote, in riva al Ceresio
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
«In Ticino la richiesta di uffici crollerà»
Uno studio di Credit Suisse prevede che in Svizzera la domanda di uffici tornerà a crescere.
CANTONE
12 ore
Altre tre classi in quarantena, in tutto sono 53
Il Decs ha aggiornato l'elenco delle sezioni costrette al confinamento a causa del Covid-19.
CHIASSO
13 ore
Il centro di vaccinazione momò cambia casa
L'attuale struttura di Canavée (Mendrisio) verrà spostata al Palapenz (Chiasso).
CANTONE
1 gior
Selvaggina, più che alla radioattività occhio al piombo
Il Laboratorio cantonale ha analizzato diversi "prodotti" della terra alla ricerca di radioattività e metalli pesanti
LOCARNO
1 gior
Anche Locarno si mette la mascherina
Raccomandata in centro e nelle zone molto frequentate, nel villaggio di Locarno On Ice ingresso solo con il 2G
LOCARNO
1 gior
Dopo il pestaggio sarà rafforzato da subito il pattugliamento
La decisione presa dal Municipio al termine della seduta odierna.
LUGANO
1 gior
Naturalizzazione negata all'imam? Decisione da rivedere
Il Tribunale amministrativo federale ha accolto il ricorso dell'imam di Viganello, rimandando l'incarto alla SEM
FOTO
CANTONE
1 gior
Nuove officine FFS da 580 milioni di franchi
Aumenta l'investimento, anche a causa della «crescita delle attività nel futuro stabilimento»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile