Immobili
Veicoli
Deposit
CANTONE
17.08.21 - 06:000

«Durante la pandemia in molti hanno scelto un altro lavoro»

Scarseggia la manodopera attiva negli esercizi pubblici. Tutta colpa del Covid

E i gerenti ricorrono a "ragazzi di fatica" per rispondere all'aumento dei turisti. «Abbiamo reclutato giovani studenti, anche solo per due o tre settimane, per affrontare i picchi» spiega un ristoratore

ASCONA - Cercasi cuoco, gerente donna massimo 50 anni, aiuto cuoco-lavapiatti, barista donna massimo 35 anni, camerieri, camerieri, camerieri. Basta dare un'occhiata agli annunci sui principali portali di lavoro ticinesi, per accorgersi che la pandemia ha lasciato un’eredità scomoda per i ristoratori. La manodopera scarseggia. 

Il problema non è solo ticinese, ma è stato segnalato nelle località turistiche di diversi paesi (Italia, Stati Uniti) e pare abbia a che fare con il mestiere in sé. «Durante i vari lockdown molte persone hanno cambiato lavoro, e non vogliono tornare a sobbarcarsi le rinunce che il nostro settore richiede» spiega il presidente di Gastroticino Massimo Suter. «Riportarli nei ristoranti non è semplice». 

In Ticino a complicare le cose c'è - per fortuna - il boom di turisti legato alle restrizioni di viaggio. Nel Locarnese, in particolare, già l'estate scorsa «l'arrivo inaspettato di tanti clienti ha colto un po' tutti impreparati» ricorda Bruno Iacomini dell'Antico ristorante Borromeo di Ascona. «Abbiamo dovuto potenziare l'organico, non senza difficoltà». 

In mancanza di personale specializzato, si ricorre a "ragazzi di fatica". «Abbiamo reclutato giovani studenti, anche solo per due o tre settimane, per affrontare i picchi» continua Iacomini. Un altro punto dolente è quello dei salari: «poco più alti» rispetto alla vicina Italia, dove i lavoratori della ristorazione sono ugualmente ricercati, sottolinea Suter. «Il frontalierato per poche centinaia di franchi in più non è attrattivo come in altri settori, considerando anche gli orari impegnativi». 

Sabati e domeniche, turni serali e notturni. Le condizioni di lavoro nel settore sono scoraggianti per molti, ma «ci sono dei margini di miglioramento per le aziende» continua Suter. «Ad esempio anticipare le chiusure. Una mossa che però suscita spesso critiche dalla clientela». Un'altra è la specializzazione. «Investire sulla formazione è un'ottima risposta, ancor più in questo momento, sia per le aziende che per i dipendenti: porta a un miglioramento del servizio e anche a importanti scatti salariali».  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
40 min
Pensionati del Cantone: «Decisione scandalosa»
Il Vpod promette un autunno "caldo" di proteste contro i tagli alle rendite
ROSSA (GR)
1 ora
Trovato morto un escursionista dato per disperso
L'uomo ieri non si era presentato al lavoro. È precipitato da una parete rocciosa sopra il Lagh de Calvaresc.
LAMONE
2 ore
Poliziotti sotto indagine: «Diamo massima fiducia. L'inchiesta è chiusa»
Il Municipio di Lamone e la Commissione intercomunale della Polizia del Vedeggio si esprimono sugli agenti indagati.
CANTONE/UCRAINA
4 ore
Ricostruire l'Ucraina, partendo da Lugano? «Va fatto nel modo giusto»
L'appello delle Ong svizzere al Consiglio federale: «Non decidano solo i Governi, si ascoltino le popolazioni colpite»
CANTONE
5 ore
Covid, terapie intensive vuote
È la prima volta da oltre 10 mesi. Negli ospedali ticinesi restano ricoverate 43 persone
CANTONE
8 ore
Nebbia sul frontaliere che si porta a casa l’auto della ditta
Nasce il Registro dei Veicoli Immatricolati all’Estero. Chi non si iscrive, rischia il sequestro del veicolo.
LAMONE
8 ore
Quattro poliziotti finiscono sotto indagine
Si tratta di un terzo dell'effettivo della Polizia del Vedeggio. E sarebbe coinvolto anche il vicecomandante.
CANTONE
10 ore
Il taglio record nel bosco... dopato dallo scirocco
Una notte tempestosa all'origine del primato ticinese della produzione legnosa
LOSONE
20 ore
Il "re del karaoke" insegna calcio e inglese ai ragazzini
Sfida estiva per lo showman Jimmy Smeraldi: «Abbino pallone e apprendimento della lingua. Ci divertiremo».
CANTONE
23 ore
Turisti spaventati dai lupi? «Il problema non esiste»
I lupi, contrariamente a quanto affermato da Germano Mattei, non influenzerebbero negativamente il turismo ticinese.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile