TIPRESS
Il caso: ad alcuni frontalieri è stato chiesto di presentare il Green Pass in dogana.
CONFINE / CANTONE
08.08.21 - 14:280
Aggiornamento : 20:18

La polizia italiana ha chiesto ad alcuni frontalieri di presentare il Green Pass in dogana

«Al momento non risulta alcun tipo di obbligo al rientro in Italia» spiega l'esperto Sergio Aureli.

La richiesta alle autorità: «Chi di dovere faccia chiarezza al più presto per non ingenerare confusione».

COMO - Le segnalazioni sono girate nelle scorse ore sul gruppo Facebook "Frontalieri Ticino": la polizia italiana, ai valichi di frontiera con il Canton Ticino, avrebbe chiesto a vari lavoratori di presentare il Green Pass, ovvero la certificazione di avvenuta vaccinazione o guarigione dal Covid-19.

Il Green Pass, da venerdì, va presentato per accedere a una vasta offerta di servizi e attività: bar e ristoranti al chiuso ma anche spettacoli e concerti, piscine e palestre, fiere e congressi, senza dimenticare teatri e cinema. Ma non vengono menzionate le frontiere. Eppure l'agente citato dalla testimonianza dell'utente social ha sostenuto che la certificazione «serve anche per i frontalieri» e ha citato una circolare in tal senso «delle ultime ore».

L'esperto: «Al momento non risulta» - È quindi cambiato qualcosa per le decine di migliaia di lavoratori italiani che si recano in Ticino per lavoro? Dovranno presentare il certificato vaccinale alla frontiera? «Al momento non risulta alcun tipo di obbligo legato al Green pass, al rientro in Italia, per i lavoratori frontalieri» ha spiegato a La Provincia di Como l'esperto di questioni transfrontaliere Sergio Aureli. «Di sicuro non c’è in ingresso in Svizzera e - ripeto - non mi risultano provvedimenti neppure in ingresso nel nostro Paese, sempre alla voce “frontalieri”».

Aureli aggiunge: «Non vedo come a un posto di frontiera possa essere chiesto a un lavoratore al rientro alla propria residenza o comunque alla propria abitazione di mostrare il Green pass. È bene comunque che si sgomberi il campo da possibili fraintendimenti e per questo chi di dovere faccia chiarezza al più presto per non ingenerare confusione».

Il quotidiano comasco osserva che, nel dibattito di queste ore, viene citato un vademecum di Ats Insubria che afferma: «Gli obblighi di Certificazione Verde non si applicano ai lavoratori frontalieri in ingresso e in uscita dal territorio nazionale per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro nella propria residenza, abitazione o dimora».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
ASCONA
5 ore
«Così ho perso lentamente la mia amica»
Nelly Morini racconta il dramma dell'Alzheimer nel romanzo Clarianne, ispirato a una storia vera.
MESOCCO (GR)
11 ore
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
FOTO
LOCARNO
15 ore
Un Nicolao tutto blu è tornato in città
Dopo lo stop dello scorso anno, il Nicolao color blu ha potuto tornare in azione, portando regali ai più piccoli.
CANTONE
16 ore
Quattro giorni consecutivi di nebbia: «Non capita tutti gli anni»
Facendo un bilancio del mese di novembre, MeteoSvizzera ha rilevato un'anomalia per quanto riguarda il sud delle Alpi.
FOTO
MELIDE
1 gior
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
CANTONE
1 gior
Un paio di cose da sapere quando si prenota la terza dose
Da «Ci si può prenotare anche se vaccinati da meno di 6 mesi?» a «Siamo sicuri che mi danno il farmaco giusto?».
CANTONE
1 gior
Qualche fiocco di neve in arrivo in serata?
Sarà in ogni caso una breve parentesi. Ma la neve, fino a basse quote, potrebbe tornare durante la settimana
Lugano
2 gior
Più Donne chiede delucidazioni sul caso dell'ex funzionario del Dss
Dopo che la loro interrogazione non ha avuto seguito dai vertici, tornano con un'interpellanza che contiene 15 domande
CANTONE
2 gior
I più scattanti con il "booster" agli over16
A questa cifra vanno aggiunte le persone che si sono rivolte alle farmacie e agli studi medici
RIAZZINO
2 gior
Al Vanilla la musica resta spenta
Il Consiglio federale è andato incontro alle discoteche. Ma la struttura di Riazzino mantiene la propria decisione
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile