Al ristorante con le restrizioni? «I clienti sono stufi»
20min/Simon Glauser (immagine illustrativa)
CANTONE
04.08.21 - 06:000
Aggiornamento : 10:19

Al ristorante con le restrizioni? «I clienti sono stufi»

Il settore è confrontato con gli avventori che non vogliono più fornire i dati di contatto, «dicendo che sono vaccinati»

Il presidente di GastroTicino: «I lavoratori della ristorazione fanno solo quello che devono fare ma vengono visti come i “cattivi”»

Al ristorante

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BELLINZONA - Andare al ristorante tra restrizioni e l'obbligo di fornire i propri dati? Molti avventori non ne possono più e si rifiutano di rispettare tutte le disposizioni (o le rispettano con fatica). Una situazione, questa, che di recente ha messo all'erta le autorità sanitarie del Canton Berna: nell'ambito dell'attività di contact tracing è infatti stato constatato un numero «incredibilmente basso» di clienti registrati nei ristoranti, come riferito da 20 Minuten. Da qui la decisione di un giro di vite, con un incremento dei controlli e la minaccia d'introdurre ulteriori provvedimenti, come l'obbligo di certificato Covid.

Anche in Ticino attualmente si rileva, da parte degli avventori, una certa insofferenza per le restrizioni nei ristoranti. «Sono molti coloro che tendono a non voler più fornire i propri dati di contatto» afferma Massimo Suter, presidente di GastroTicino. E lo fanno con tanto di giustificazione: «C'è chi dice di essere vaccinato». Ma il provvedimento vale per tutti, vaccinati e non vaccinati.

E in generale, Suter osserva che gli avventori sempre più spesso tendono a ignorare le misure ancora valide nei ristoranti, per esempio l'obbligo, nei luoghi chiusi, di consumare stando seduti o d'indossare la mascherina quando si gira tra i tavoli.

La paura del certificato Covid - Una situazione in cui poi ci vanno di mezzo i lavoratori della ristorazione, «che fanno soltanto quello che devono fare ma vengono visti come i “cattivi”» sottolinea ancora il presidente di GastroTicino. La speranza è che quindi per il settore non si renda mai necessaria l'introduzione dell'obbligo di certificato Covid, come avviene per esempio in Italia: «Lo temiamo a livello organizzativo e di messa in pratica, perché se già ora risulta difficile raccogliere i dati di una persona per gruppo, non oso immaginare se tutti dovessero presentare il loro documento per poter entrare».

Le misura attuali - Le misure anti-coronavirus sono in continua evoluzione, anche nei ristoranti. Prima dello scorso 26 giugno, la raccolta dei dati di contatto era obbligatoria sia negli spazi esterni sia in quelli interni della ristorazione, per ogni cliente. Con gli ultimi allentamenti, la misura è poi stata limitata ai tavoli al chiuso ed è richiesta per una persona per gruppo di ospiti. Col maltempo che da diverse settimane imperversa anche sul Ticino, mangiare all'interno dei ristoranti è quasi d'obbligo. E quindi anche confrontarsi coi provvedimenti in vigore.

Norme rispettate - In generale, come ci fa sapere la polizia cantonale, «dalle verifiche effettuate la maggior parte degli esercenti rispetta le normative in vigore». Dall'inizio dell'anno, il Servizio autorizzazioni, commercio e giochi, ha proceduto all'ispezione di 256 esercizi pubblici, denunciando 19 casi al Ministero pubblico per il non rispetto di differenti punti delle ordinanze Covid.

Anche in Ticino si osserva comunque una criticità legata alla registrazione dei dati di contatto: «È stato riscontrato - ci dice il capitano Elia Arrigoni a capo del Servizio autorizzazioni, commercio e giochi - che risulta difficile il controllo da parte del personale». Non mancano pertanto casi in cui i dati risultano essere incompleti o non corretti. Da una parte «il personale di servizio non ha il tempo per controllare i dati», dall'altra «non sempre è possibile fare affidamento sulla responsabilità individuale da parte degli avventori».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
BREGGIA
29 min
Gli alberi stanno tornando in piazza
Le piante erano state rimosse lo scorso marzo per i lavori di valorizzazione a Cabbio
MENDRISIO
2 ore
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
LUGANO
3 ore
Oltre 7'200 veicoli controllati durante "Bimbi sicuri"
La maggioranza degli utenti della strada si comporta con prudenza, ma c'è qualche eccezione...
LUGANO
6 ore
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
CANTONE
8 ore
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
9 ore
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
LUGANO
12 ore
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
FOTO
CANTONE
12 ore
Fare del tempo libero un lavoro: alla Supsi si può
Il Bachelor in Leisure Management è un unicum in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il responsabile Alessandro Siviero.
AUSTRIA
21 ore
Il vetraio Luca si porta a casa il bronzo
Una competizione memorabile per la Nazionale Svizzera delle professioni, che ha ottenuto 14 medaglie
CANTONE
22 ore
«C'è chi ha chiesto di entrare senza certificato, né mascherina»
Alle lamentele di alcuni familiari, che segnalano incongruenze nelle nuove normative, risponde il direttore di LIS.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile