Ti Press (archivio)
Il medico cantonale Giorgio Merlani
CANTONE / SVIZZERA
30.07.21 - 06:370
Aggiornamento : 12:26

«È troppo presto per dire chi ha fatto meglio»

In Svizzera la seconda ondata è stata cinque volte più pesante della prima. In Ticino il rapporto è più bilanciato.

L'Ufficio del Medico cantonale precisa però che si tratta di un tema «lungo e complesso» e che ci vorranno anni per avere un bilancio definitivo.

BELLINZONA - Negli scorsi giorni l’UFSP ha pubblicato un'infografica piuttosto eloquente, che mostra come la seconda ondata pandemica in Svizzera sia stata circa cinque volte più pesante della prima in termini di morti. Ma è il virus a essere diventato più letale con il tempo o più semplicemente i decessi sono proporzionali al numero di contagi (che nella seconda ondata sono stati superiori alla prima)?

Due lunghezze d'onda diverse - Abbiamo rivolto la domanda all’Ufficio del Medico cantonale. Il quale sottolinea che si tratta di un tema «lungo e complesso» e precisa che si deve considerare il differente periodo (e la differente lunghezza) delle due ondate. «Sappiamo che i mesi freddi sono più favorevoli alla diffusione del virus e che la prima ondata di coronavirus è arrivata sul finire dell’inverno del 2020. La seconda, comunque attesa, è invece arrivata già in autunno. L’inverno è stato quindi lungo e l’arrivo della variante "alpha", più contagiosa e letale, ha peggiorato la situazione nei primi mesi del 2021».

Una semplice equazione - Per quanto riguarda la mortalità, al momento è «difficile e prematuro» stilare un bilancio, anche perché dipende chiaramente dal numero di contagi avvenuti nelle fasce di popolazione più vulnerabili. L’inizio della campagna di vaccinazione - il 4 gennaio 2021 - ha permesso in questo senso di mettere in sicurezza le case per anziani, dove i nuovi contagi e i nuovi decessi sono sensibilmente calati già a tre settimane dalla prima dose. «A dimostrazione che la vaccinazione è efficace», precisa l’autorità sanitaria. L’equazione in questo caso è infatti «molto facile»: più persone vaccinate, meno circolazione del virus e di conseguenza meno contagi, ospedalizzazioni e decessi. «Se saremo in molti a essere vaccinati, lasceremo meno spazio al virus per diffondersi», è l’appello accorato dell’Ufficio del Medico cantonale.  

L'aspetto psicologico - Tornando al perché della seconda ondata maggiormente mortifera rispetto alla prima, l’Ufficio non ritiene comunque che la situazione sia stata sottostimata, ma piuttosto che la lunghezza dell’onda abbia avuto un notevole impatto anche a livello psicologico sulla popolazione: «Abbiamo imparato tantissimo dalla prima ondata, ma trovare un equilibrio tra libertà individuale e misure di contenimento non è stato facile». Insomma, forse l’estate aveva illuso qualcuno sulla scomparsa del virus. Ma non gli esperti.

Il Ticino ha fatto meglio? - In Ticino il rapporto fra le due curve è stato decisamente più bilanciato, visto che nella seconda ondata ci sono stati 645 decessi, mentre nella prima 350. Una spiegazione è evidentemente l’elevato numero di decessi registrato durante la prima ondata a sud delle Alpi rispetto al resto del Paese, che non è invece stato risparmiato durante la seconda. «È però ancora troppo presto per trarre conclusioni definitive e anche per affermare “chi ha fatto meglio”. Probabilmente ci vorranno diversi anni per avere un bilancio più preciso», conclude l’Ufficio del medico cantonale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
49 min
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
3 ore
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
4 ore
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
19 ore
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
20 ore
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
20 ore
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
23 ore
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
1 gior
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
1 gior
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
1 gior
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile