Bellissimo, ma cos'è?
screenshot lettore
GIUBIASCO
25.07.21 - 10:400
Aggiornamento : 13:40

Bellissimo, ma cos'è?

Curioso avvistamento nei giorni scorsi sul piano di Magadino. Birdlife: «È una buona notizia»

GIUBIASCO - Ha attirato l'attenzione dei curiosi, nei giorni scorsi, sul Piano di Magadino. Un uccello dall'aspetto tropicale, ma che in realtà non è nuovo alle nostre latitudini ed è scampato di recente all'estinzione. Diverse le segnalazioni di lettori che a tio.ch/20minuti hanno chiesto di quale specie si trattasse, e cosa ci facesse qui. 

In particolare, gli avvistamenti sono avvenuti tra giovedì e venerdì a Giubiasco. Abbiamo girato domande e foto all'associazione Birdlife Svizzera, che si occupa di promuovere la protezione degli uccelli e delle specie a rischio. 

La risposta: il simpatico pennuto dal becco adunco non è fuggito da uno zoo, ma rientra in un importante progetto di ripopolamento patrocinato dall'Unione Europea. Si tratta dell'Ibis eremita, una specie considerata a rischio estinzione. In Europa se ne contano un migliaio di esemplari in colonie semi-selvatiche o in cattività.

Tipico delle scogliere e delle zone rocciose del Mediterraneo, cosa ci fa nel Sopraceneri? «Il Ticino è tornato ad essere negli ultimi anni una tappa nella rotta migratoria di questi uccelli dall'Austria al Mediterraneo» spiega Chiara Scandolara di Birdlife Svizzera. «Un tempo erano molto rari, praticamente estinti come specie nidificante. Di recente abbiamo avuto più osservazioni, ma resta una specie poco comune». 

Nel 2016 aveva fatto parlare molto di sé un esemplare, soprannominato Hannibal: aveva preso casa al Lido di Locarno, e mostrava «molta confidenza» con gli uomini. Fin troppa. L'animale non è pericoloso, e comunque questa volta si tratta di un altro individuo, anzi due: Gipsy e Akuma, maschio e femmina. Entrambi sono dotati di segnalatore Gps, e tramite il sito Waldrapp.eu è possibile seguirne i movimenti. Non resta che augurare loro buona permanenza in Ticino, e buona continuazione. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
13 sec
I tatuaggi, il lusso, il sesso, gli scatti d'ira e quella ragazza con tanti soldi
Morte in hotel: il 31enne accusato di avere ucciso una giovane inglese è davanti alla Corte delle assise criminali.
CANTONE
1 ora
Stabili positivi e ricoverati, ma c'è un nuovo morto
I pazienti Covid restano 19, di cui 7 si trovano in terapia intensiva.
CANTONE
2 ore
«La lentezza degli aiuti da parte delle autorità è costata vite umane»
Le riflessioni del Segretario UNIA Ticino, Giangiorgio Gargantini, a oltre un anno e mezzo dall'inizio della pandemia.
FOTO
BELLINZONA
4 ore
Violento scontro tra auto e muro durante la notte
L'incidente è avvenuto intorno all'una di mattino sulla cantonale.
CANTONE
5 ore
Gioco erotico o assassinio? Al via il processo sul delitto al La Palma
Alla sbarra un 31enne tedesco che dovrà rispondere dell'omicidio della sua compagna inglese di 22 anni.
CANTONE
5 ore
Dal vaccino alla poppata, una traversata lunga 9 mesi
Le risposte del Primario di ginecologia e del Pediatra neonatologo ai dubbi che assillano le donne incinte
CANOBBIO
11 ore
“Tutti in gioco” è sempre più in partita tra divertimento e Vip
 «È una grande gioia» spiega l'ideatrice Simona Gennari «vedere i progressi di tutti gli allievi»
CANTONE
14 ore
«Vogliamo che Agno diventi lo scalo dei furbi?»
Giancarlo Seitz sulla sicurezza dello scalo luganese: «Da due anni non c'è più nemmeno la Polizia cantonale».
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
L'estate sta finendo... è arrivata la prima neve
In Ticino il limite delle nevicate è sceso a 2'200 metri. A Goms, in Vallese, qualche fiocco è arrivato a 1'300 metri
LUGANO
16 ore
«Hanno lanciato sassi, per questo gli agenti hanno sparato»
Il Comandante della polizia di Lugano: «Tutta l'operazione si è svolta nel rispetto delle norme di proporzionalità».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile