tipress
LUGANO/ZURIGO
13.07.21 - 08:010
Aggiornamento : 10:43

Il Papa a caccia di 11 milioni sul Ceresio

Riciclaggio, una girandola di conti tra Lugano e Zurigo. Il Tribunale federale ha confermato un importante dissequestro

Tre ex dirigenti della banca vaticana condannati per riciclaggio, e la Santa Sede punta gli occhi sui caveau dell'Ubs. Paolo Bernasconi: «Strada ancora lunga, ma Francesco fa sul serio»

LUGANO/ZURIGO - Anche i "banchieri di Dio" sono uomini fatti di carne. E la carne è debole. Gli imputati di questa storia hanno uno 81 anni, l'altro 97, un altro ancora è morto prima della sentenza, e sconteranno le pene - se caso - nell'aldilà. Ma gli strascichi della loro vicenda legale sembrano destinati a rimanere a lungo tra noi, assieme ai soldi: 11 milioni di euro bloccati a Lugano e Zurigo.

Il Tribunale Vaticano ha condannato il 21 gennaio scorso l'ex presidente dello Istituto opere religiose (Ior) Angelo Caloia a 8 anni e 11 mesi di carcere per riciclaggio, appropriazione indebita aggravata e peculato, con obbligo di risarcimento. Anche l'ex avvocato della banca vaticana Gabriele Liuzzo ha ricevuto la stessa condanna. L'ex direttore generale Leilo Scaletti è stato stralciato dal processo, perché deceduto nel 2015 (a 89 anni).   

È la prima volta che la giustizia della Santa Sede emette delle condanne di reclusione - ancorché non applicate, per limiti di età - per reati finanziari. I tre imputati avrebbero venduto una trentina di immobili del Vaticano a prezzi stracciati, tra il 2002 e il 2007, facendo la "cresta" sulla differenza. Una parte dei proventi illeciti è stata riciclata in Svizzera con la collaborazione del figlio di Liuzzo, Lamberto (condannato a 5 anni e mezzo di carcere). 

E qui entra in gioco il Ticino. Perché i soldi - 11 milioni appunto - sarebbero transitati dal Ceresio, e precisamente da una filiale di Ubs nel Luganese. Il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) ha bloccato la somma su segnalazione dello Ior. «Abbiamo ricostruito i movimenti bancari in una girandola di conti tra Lugano e Zurigo, sempre presso la stessa banca», spiega a tio.ch/20minuti l'avvocato Paolo Bernasconi, che rappresenta lo Ior come parte lesa nei processi svizzeri. 

La procura a Bernasconi è firmata da Papa Francesco di proprio pugno. «Il Vaticano ha compiuto una svolta importante sul fronte della trasparenza e della legalità, e fa sul serio. L'impegno in questo processo ne è la dimostrazione». Ma la strada è ancora lunga: settimana scorsa un nuovo capitolo, con il Tribunale federale che ha rifiutato una richiesta di annullare il dissequestro dei conti, disposto a seguito della sentenza romana dal Ministero pubblico federale. 

Secondo i giudici di Mon Repos, il procedimento estero prevale su quello elvetico, e taglia la proverbiale testa al toro. A Zurigo però lo Ior ha intentato contro i suoi ex dirigenti una causa civile, che prolungherà il blocco del denaro ancora per un po'. Secondo Bernasconi, ci vorrà «ancora molto tempo» prima che il maltolto milionario possa tornare finalmente "nel grembo della Chiesa".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
57 min
Stabili positivi e ricoverati, ma c'è un nuovo morto
I pazienti Covid restano 19, di cui 7 si trovano in terapia intensiva.
CANTONE
2 ore
«La lentezza degli aiuti da parte delle autorità è costata vite umane»
Le riflessioni del Segretario UNIA Ticino, Giangiorgio Gargantini, a oltre un anno e mezzo dall'inizio della pandemia.
FOTO
BELLINZONA
4 ore
Violento scontro tra auto e muro durante la notte
L'incidente è avvenuto intorno all'una di mattino sulla cantonale.
CANTONE
4 ore
Gioco erotico o assassinio? Al via il processo sul delitto al La Palma
Alla sbarra un 31enne tedesco che dovrà rispondere dell'omicidio della sua compagna inglese di 22 anni.
CANTONE
4 ore
Dal vaccino alla poppata, una traversata lunga 9 mesi
Le risposte del Primario di ginecologia e del Pediatra neonatologo ai dubbi che assillano le donne incinte
CANOBBIO
11 ore
“Tutti in gioco” è sempre più in partita tra divertimento e Vip
 «È una grande gioia» spiega l'ideatrice Simona Gennari «vedere i progressi di tutti gli allievi»
CANTONE
13 ore
«Vogliamo che Agno diventi lo scalo dei furbi?»
Giancarlo Seitz sulla sicurezza dello scalo luganese: «Da due anni non c'è più nemmeno la Polizia cantonale».
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
L'estate sta finendo... è arrivata la prima neve
In Ticino il limite delle nevicate è sceso a 2'200 metri. A Goms, in Vallese, qualche fiocco è arrivato a 1'300 metri
LUGANO
16 ore
«Hanno lanciato sassi, per questo gli agenti hanno sparato»
Il Comandante della polizia di Lugano: «Tutta l'operazione si è svolta nel rispetto delle norme di proporzionalità».
CANTONE
18 ore
Semine e Locarno, nessun arbitro per tre settimane
La Commissione arbitrale della FTC ha deciso che non invierà fischietti fino al 10 ottobre.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile