Ti-Press
CANTONE / SVIZZERA
09.07.21 - 06:570
Aggiornamento : 09:00

Numeri d'emergenza fuori uso

In diversi cantoni svizzeri (tra cui il Ticino) è impossibile contattare polizia, pompieri e ambulanza.

Numeri sostitutivi sono reperibili sul sito di AlertSwiss. Swisscom: «Stiamo lavorando per risolvere il problema».

BERNA - Da questa notte, in diversi cantoni svizzeri, i numeri per le chiamate d'emergenza a polizia, pompieri e ambulanza (112, 117, 118 e 144) sono fuori uso a causa di una panne telefonica. Il disservizio, comunicato ieri in tarda serata da AlertSwiss, concerne anche il Ticino. «La Centrale Cantonale d'allarme - si legge sull'applicazione - è raggiungibile ai seguenti numeri di telefono 076.679.81.12, 079.592.38.42, 078.750.01.12 e 076.679.81.17».

Gli altri cantoni interessati da questi disagi sono Argovia, Basilea Città e Campagna, Berna, Friburgo, Grigioni, Ginevra, Giura, Lucerna, Neuchâtel, Sciaffusa, San Gallo, Svitto, Uri, Vallese, Vaud e Zurigo.

I numeri sostitutivi per questi cantoni sono reperibili sul sito di AlertSwiss.


AlertSwiss

Swisscom: «Al lavoro per risolvere il guasto» - I tecnici sono al lavoro nei vari cantoni per tentare di risolvere questa situazione. Swisscom, sul proprio sito, precisa che le chiamate sui telefoni fissi sono «compromesse». «Vengono effettuate e poi terminate dopo alcuni secondi», precisa l'operatore specificando che il problema riguarda le linee fisse, i numeri aziendali e i numeri di emergenza, ma non la rete mobile. La durata del guasto non è ancora nota, ma Swisscom sta «lavorando a pieno ritmo per risolvere la situazione».

AlertSwiss
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
gaucho64 2 mesi fa su tio
NON È POSSIBILE CHE SUCCEDANO DI QUESTE COSE IN SVIZZERA NELL ANNO 2021 !!!!!!!! È UNA VERGOGNA !!!!!!!!
F/A-19 2 mesi fa su tio
@gaucho64 Ecco un’altra isterico, non è possibile che nel 2021 in una ricca Svizzera ( si fa per dire ) ci siano sempre più persone che perdono la testa per così poco.
Lore61 2 mesi fa su tio
@gaucho64 Probabilmente non ha nemmeno idea di come funziona il sistema di trasmissione, se pensi che sia infallibile... Vivi proprio nel mondo degli illusi alla ricerca della sicurezza al 100%, quando nemmeno il nostro pianeta è sistema solare può garantire! Come scrive qualcuno, guarda il tuo stile di vita se ci tieni a campate a lungo...
Tato50 2 mesi fa su tio
@F/A-19 Magari anche la vita, ma per quel che vale ;((
Gandi81. 2 mesi fa su tio
@F/A-19 Sinceramente ha ragione, le linee telefoniche per le emergenze dovrebbero essere garantite. Non e che parla della linea telefonica normale ma dei numeri d'emergenza. Se hai li un caro che sta morendo e i numeri d'emergenza non funzionano voglio vedere se la pensi ancora così.
Don Quijote 2 mesi fa su tio
@Gandi81. In questo contesto ha ragione F/A-19, i numeri di emergenza sono molto affidabili ma non infallibili, un guasto ogni 20 anni ci sta, dopotutto, anche la natura o se preferisci il creatore, fa tanti errori, figuriamoci un dispositivo complesso costruito dall’uomo. Purtroppo, la gente è sempre più viziata e lamentosa, magari sta morendo perché per 30 anni ha fumato, bevuto e mangiato esageratamente, e adesso il problema diventa un guasto e non il suo stile di vita.
F/A-19 2 mesi fa su tio
@Gandi81. Magari chi chiama è perché ha creato un’incidente, magari per distrazione è andato contro ad un palo con la moto od in bici, se poi si è fatto male non bisogna dare la colpa al servizio telefonico. Purtroppo siamo un popolo malato, sempre a dare la colpa a qualcuno. Incidente domestico per mille cause, il più delle volte per stupidità od imprudenza, ci si fa male o si perde anche la vita, cosa facciamo noi? Diamo la colpa alla scala troppo lunga, al filo della corrente spelato, al coltello troppo tagliente, alla lama della motosega che era in movimento ma mai alla nostra imprudenza. Se poi uno non si salva la colpa è di chi non è arrivato in tempo a salvarlo. Popolo malato, meriterebbe una pandemia ma di quelle vere dove certa gente dovrebbe venir castigata per benino, niente a che vedere con quel virus forse creato dall’uomo fatto per portarsi via i deboli senza distinzione tra buoni o cattivi.
volabas56 2 mesi fa su tio
@Tato50 esatto
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
8 ore
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
10 ore
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
CANTONE
11 ore
Suter con la maglia UDC, Speziali: «Non è il Massimo»
Botta e risposta tra il presidente PLR Speziali e il presidente di GastroTicino che passa all'UDC
CANTONE
11 ore
«Il 9 aprile è stato un giorno molto triste»
Si è concluso il processo per il delitto di Muralto. La sentenza sarà pronunciata venerdì 1. ottobre
CANTONE
13 ore
Il permesso B? «Non è un reale domicilio»
Il Tribunale federale ha chiarito un punto importante per gli stranieri che chiedono una residenza in Ticino
FOTO
CANTONE
13 ore
Un expo virtuale ticinese, una prima mondiale
Ated-ICT Ticino e il partner ADVEPA hanno lanciato un progetto all'avanguardia per le aziende ticinesi
CANTONE
14 ore
La difesa: «L’imputato ha già pagato»
L’avvocato Ravi ha chiesto una condanna per omicidio colposo e la scarcerazione immediata.
FOTO
ASCONA
15 ore
New Orleans e Ascona, il gemellaggio celebrato da un'opera di street art
Realizzato da due sorelle valmaggesi, il dipinto verrà presentato questo sabato a suon di jazz e... jambalaya
CANTONE
16 ore
Ha ucciso per soldi? «Non è credibile»
Il processo per il delitto di Muralto del 9 aprile 2019 si è oggi riaperto con l’arringa difensiva
CANTONE
16 ore
Meno ricoverati e casi in Ticino, ma c'è un altro morto
Stabili i positivi, oggi 26. Non ci sono nuove quarantene di classe.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile