Christian Castelli
LUGANO
05.07.21 - 09:350

Un ticinese per il fondo pensione dell'ONU

Il luganese Christian Castelli è stato nominato di recente: è il primo svizzero della storia a farne parte.

LUGANO - Le autorità dell’ONU, United Nations Staff Pension Committee (la commissione elettorale del fondo pensione delle Nazioni Unite) hanno reso noto che Christian Castelli, di Lugano, è stato eletto quale primo ticinese e svizzero, quale membro del loro Board.

Il fondo pensione è governato dallo United Nations Joint Staff Pension Board la cui funzione principale è quella di fornire raccomandazioni per l'approvazione del bilancio e le regole della governance da parte dell'Assemblea Generale dell’ONU. Riferisce inoltre sulla solvibilità a lungo termine del Fondo e formula osservazioni e suggerimenti sulla politica d'investimento.

Il fondo a cui aderiscono oltre al Segretariato delle Nazioni Unite, unisce 23 fra fondi e programmi delle Nazioni Unite, è composto da 33 membri: 11 membri rappresentano gli organi di governo delle organizzazioni membri, 11 membri sono nominati dai direttori amministrativi delle organizzazioni membri e 11 membri sono eletti dai partecipanti in servizio.

Castelli si è laureato all’Università Bocconi di Milano conseguendo poi un Master in Business Administration presso la Copenhagen Business School. Dopo aver concluso la sua carriera politica in Ticino negli anni 90’ in Ticino, ha proseguito la carriera in seno a varie organizzazioni internazionali. Ha lavorato nei Balcani, in Medio-oriente, Africa e Stati Uniti.

Il Fondo pensione delle Nazioni Unite è uno dei 50 fondi più capitalizzati al mondo, con assets stimati in circa 90 miliardi di dollari (ultimo dato disponibile al pubblico 74 miliardi a fine 2019), oltre il doppio di quanto gestito dal primo pilastro della previdenza di vecchiaia e superstiti in Svizzera. A titolo di paragone il fondo AVS/AI/APG ha assets valutati per circa 37 miliardi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
1 min
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
31 min
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CANTONE
2 ore
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
3 ore
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
LUGANO
9 ore
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
9 ore
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
9 ore
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
LUGANO
20 ore
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
CANTONE
1 gior
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
CANTONE
1 gior
Il settore turistico ticinese ha retto il duro colpo della pandemia
Le autorità fanno il punto della situazione: i pernottamenti sono aumentati, anche grazie a campagne e promozioni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile