tipress
LOCARNO
11.06.21 - 06:300

Anche Schindler taglia: «A rischio 40 posti»

Il sindacato Ocst punta il dito contro il colosso degli ascensori: «Nessuna apertura al dialogo»

L'azienda però non fornisce numeri locali: entro fine anno «è prevista una leggera riduzione degli effettivi» tramite soprattutto riallocazioni e pensionamenti

LOCARNO - Una cinquantina qui, una quarantina là. Brutte notizie sul tavolo del sindaco di Locarno, in questi giorni: oltre all'addio di Novartis - con soppressione di 50 posti di lavoro entro il 2023 - un altro dossier spinoso è quello della Schindler di via della Pace.

Il colosso degli ascensori ha iniziato un percorso di riorganizzazione che - avvertono i sindacati - prevederebbe il taglio di 40 posti di lavoro entro fine anno. Secondo l'Ocst, che cita fonti interne all'azienda, a essere colpiti sarebbero soprattutto impiegati amministrativi.

L'azienda contattata non fornisce numeri, ma parla di «una leggera riduzione degli effettivi» in vista. «La riduzione avverrà per lo più tramite riallocazioni, pensionamenti e prepensionamenti». Nell'ambito della riorganizzazione - comunicata la scorsa estate - lo stabilimento di Locarno «assumerà il ruolo di centro di competenza nel campo dell’elettronica, spostandosi dalle attività di natura più logistica». 

Le voci parlano di un obiettivo di 350 dipendenti fissi, rispetto ai 390 attuali. Insomma non proprio bruscolini. Ma l'azienda - che impiega 66mila collaboratori nel mondo, 5mila in Svizzera - non fornisce cifre regionali e sottolinea come «rispetto al numero totale dei collaboratori la fluttuazione rimane comunque contenuta». 

È comunque abbastanza per fare infuriare i sindacati - Unia e Ocst - che da alcuni giorni hanno organizzato un volantinaggio ai cancelli dell'azienda. Marco Pellegrini (Ocst) accusa il colosso di «mancanza di collaborazione» e di avere «creato un clima di grande preoccupazione tra i dipendenti». A inizio mese Schindler ha risposto picche alla richiesta di aprire un tavolo di consultazione. «È un peccato, e non capiamo questo atteggiamento di chiusura» chiosa il sindacalista. «Se non hanno nulla da nascondere, ci incontrino e spieghino come stanno le cose. I dipendenti - alcuni in azienda da decenni - hanno diritto di sapere».  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
5 ore
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
6 ore
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
CANTONE
8 ore
Suter con la maglia UDC, Speziali: «Non è il Massimo»
Botta e risposta tra il presidente PLR Speziali e il presidente di GastroTicino che passa all'UDC
CANTONE
8 ore
«Il 9 aprile è stato un giorno molto triste»
Si è concluso il processo per il delitto di Muralto. La sentenza sarà pronunciata venerdì 1. ottobre
CANTONE
9 ore
Il permesso B? «Non è un reale domicilio»
Il Tribunale federale ha chiarito un punto importante per gli stranieri che chiedono una residenza in Ticino
FOTO
CANTONE
10 ore
Un expo virtuale ticinese, una prima mondiale
Ated-ICT Ticino e il partner ADVEPA hanno lanciato un progetto all'avanguardia per le aziende ticinesi
CANTONE
10 ore
La difesa: «L’imputato ha già pagato»
L’avvocato Ravi ha chiesto una condanna per omicidio colposo e la scarcerazione immediata.
FOTO
ASCONA
11 ore
New Orleans e Ascona, il gemellaggio celebrato da un'opera di street art
Realizzato da due sorelle valmaggesi, il dipinto verrà presentato questo sabato a suon di jazz e... jambalaya
CANTONE
12 ore
Ha ucciso per soldi? «Non è credibile»
Il processo per il delitto di Muralto del 9 aprile 2019 si è oggi riaperto con l’arringa difensiva
CANTONE
13 ore
Meno ricoverati e casi in Ticino, ma c'è un altro morto
Stabili i positivi, oggi 26. Non ci sono nuove quarantene di classe.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile