Depositphotos
CANTONE
08.06.21 - 18:360
Aggiornamento : 09.06.21 - 09:14

Affitto alto per la casa nuova, ma non senza difetti

Le pigioni sono sempre più care: negli ultimi quindici anni in Svizzera sono aumentate di oltre il 20%

Ma è possibile chiedere una temporanea riduzione, nell'attesa che la problematica venga risolta

BELLINZONA - Se vuoi cambiare casa non è il periodo migliore. La giungla dei prezzi per gli immobili in affitto rende azzardato qualsiasi tentativo di ricerca. «Da almeno cinque mesi sto cercando un appartamento in centro a Lugano e ormai per un trilocale non si riesce a trovare nulla sotto i 2'300 franchi» ci scrive un nostro lettore.  

Per le pigioni sembra in effetti non rallentare la corsa verso l'alto, nemmeno con la crisi del coronavirus. Negli ultimi quindici anni in Svizzera sono aumentate di oltre il 20%. È quanto fa sapere l'Associazione svizzera degli inquilini (ASI) sulla base dei più recenti dati dell'Ufficio federale di statistica.

Eppure sul territorio si continua a costruire, anche in Ticino. «Attualmente non conviene più mettere i soldi in banca, quindi si investe nel mattone. Anche realizzando abitazioni di lusso» osserva l'avvocato Céline Dellagana-Rabufetti, segretaria generale dell'ASI della Svizzera italiana. Queste abitazioni restano poi spesso sfitte per svariati mesi. «Ma sembra che ai proprietari convenga così, piuttosto che abbassare l'affitto e trovare subito degli inquilini».

Casa nuova, difetti nuovi - Ma pur trattandosi di abitazioni di nuova costruzione, si constatano situazioni in cui gli inquilini sono confrontati con difetti. «All'inizio le condizioni dell'appartamento vanno verificate, poi ci sono i difetti occulti che emergono soltanto vivendoci». Può trattarsi per esempio di un'infiltrazione d'acqua, come pure di rumori fastidiosi. Situazioni, queste, con cui ha a che fare anche l'associazione. Come bisogna dunque procedere? «Il difetto va subito notificato e ne va chiesta l'eliminazione». È anche possibile chiedere una temporanea riduzione dell'affitto, fintanto che la questione non è risolta.

I tassi ipotecari in calo - La riduzione della pigione può essere chiesta anche nel momento in cui calano i tassi ipotecari di riferimento. Tassi che dal 2000 sono drasticamente diminuiti. Eppure, sul fronte degli affitti sembra non essere cambiato molto. «In pratica - afferma il presidente ASI Carlo Sommaruga - le pigioni avrebbero dovuto scendere notevolmente, ma è stato constatato che solo una piccola parte di questa diminuzione è giunta agli inquilini». Come si spiega? «Gli inquilini - ci spiega Dellagana-Rabufetti - non chiedono la riduzione, perché hanno paura che vi siano delle ripercussioni». Insomma, si teme la disdetta del contratto di affitto. «Una disdetta che comunque sarebbe abusiva e quindi da contestare» conclude.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
SteveC 5 mesi fa su tio
La speculazione è purtroppo nel DNA di alcune, troppe persone, qui da noi come in altri posti. A quando la deduzione delle spese d’affitto dalle imposte? Così la situazione si livellerebbe un po’.
Gus 5 mesi fa su tio
Ma smettetela; gli inquilini (certi) ci distruggono gli appartamenti e noi paghiamo
Ro 5 mesi fa su tio
@Gus Hai perfettamente ragione. Sono un inquilino ma devo dire che ci sono alcuni che sono “ feccia “ nel vero senso della parola. Se fossi un proprietario non gli affitterei neppure uno sgabuzzino. Anche per questo gli affitti aumentano purtroppo. Bisognerebbe che i proprietari premino gli inquilini rispettosi è corretti.
dan007 5 mesi fa su tio
Haha e così siamo in Svizzera ma a Londra e peggio quindi abituatevi a pagare caro
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
2 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
4 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
5 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
9 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
10 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
11 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
11 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
13 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
CANTONE
21 ore
La Rsi replica alle critiche: «Informazione sempre al centro»
Forma cambiata, ma «mantenendo qualità e quantità».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile