Tipress
CANTONE
26.05.21 - 09:570

I precursori dello yoga stesi dal Covid e dall'effetto parrucchiere

Il centro che ha diffuso la disciplina in Ticino è costretto a chiudere: «Fatale il prolungarsi della pandemia»

Dietro il fallimento di un'attività decennale oltre alla concorrenza dei piccoli, c'è anche il fenomeno degli insegnanti che una volta appresa l'arte si mettono in proprio: «Abbiamo seminato forse troppo bene»

LUGANO - Nessuno tocca ferro quando fa “Shavasana”, la posizione del cadavere. Sarà perché lo yoga insegna che ci si risolleva sempre. C’è però amarezza nelle parole di Enrique dello Yoga Roof, nel commentare una chiusura d’attività che non cancella quanto di buono fatto in dieci anni. L’anniversario non è stato felice per lo studio che, con i suoi due centri, chiuderà i battenti domenica 30 maggio: «Abbiamo seminato forse troppo bene» aggiunge Enrique, contattato da Tio/20Minuti. 

I precursori - Per diverso tempo lo yoga in Ticino sono stati loro. Poi il fenomeno è cresciuto diventando quasi di moda e poi… Poi è arrivata la pandemia che ha complicato tutto: «Le ragioni sono riconducibili ad un paio di anni difficili, dato l’aumento dell’offerta, che contavamo di superare. Ma con il prolungarsi delle chiusure nel 2021… non ce l’abbiamo fatta» hanno annunciato gli stessi fondatori Enrique e Mara sulla pagina Facebook dello Yoga Roof.

Ovunque tu sia, ma non online - A dispetto delle parole che campeggiano sul loro sito, “muoviti respira medita, ovunque tu sia!”, replicare l’attività a distanza non è stato pagante: «La concorrenza online è molto forte. Esiste un’offerta dall’estero, dall’Italia in particolare, che può applicare tariffe più basse per le lezioni» dice Enrique.

La grandezza diventa peso - «Il paradosso è che uno studio come il nostro, che nella sua grandezza aveva un punto di forza, in una situazione come l’attuale ha sofferto di più. Gli affitti per due spazi, gli stipendi, oltre quelli degli insegnanti, i costi fissi, i contributi Avs, le assicurazioni l’Iva, alla fine era troppo». 

In centinaia affacciati sul Ceresio - Non sono pochi a ricordare il momento d’oro dello Yoga Roof a Lugano con eventi molto frequentati come il solstizio d’estate alla Foce: «C’erano sempre un centinaio di persone. Ma la partecipazione era forte anche in altre occasioni molto scenografiche, come quelle in Riva Caccia» rammenta il fondatore dello studio.

Il tappetino è corto - «Dopo un decennio - prosegue - ci siamo resi conto che quello dello Yoga un mondo dove è difficile fare impresa. Perché non circolano molti soldi e se ci sono finiscono, ad esempio, nelle tasche di chi produce tappetini o delle catene con più filiali. È sempre stata una delle nostre frustrazioni».

L'effetto parrucchiere - Hanno seminato troppo bene, si diceva all’inizio. Non solo nel rendere popolare la disciplina, ma anche nel formare altri insegnanti. Con l’andar del tempo questo è stato un problema. «Lo yoga è un mondo come quello dei parrucchieri. Chi impara la professione alla fine si porta via i clienti. Basta affittare un locale. Questo è stato un problema grosso con cui ci siamo confrontati a ondate. In altri momenti le abbiamo superate, tirando la cinghia, con il Covid una ripresa è stata impossibile» conclude il fondatore dello Yoga Roof.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
19 min
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
LUGANO
1 ora
Oltre 7'200 veicoli controllati durante "Bimbi sicuri"
La maggioranza degli utenti della strada si comporta con prudenza, ma c'è qualche eccezione...
LUGANO
4 ore
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
CANTONE
6 ore
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
7 ore
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
LUGANO
10 ore
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
FOTO
CANTONE
10 ore
Fare del tempo libero un lavoro: alla Supsi si può
Il Bachelor in Leisure Management è un unicum in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il responsabile Alessandro Siviero.
AUSTRIA
19 ore
Il vetraio Luca si porta a casa il bronzo
Una competizione memorabile per la Nazionale Svizzera delle professioni, che ha ottenuto 14 medaglie
CANTONE
20 ore
«C'è chi ha chiesto di entrare senza certificato, né mascherina»
Alle lamentele di alcuni familiari, che segnalano incongruenze nelle nuove normative, risponde il direttore di LIS.
CANTONE
23 ore
Guasto sulla linea e i treni vanno in tilt
Disagi importanti per chi oggi pomeriggio viaggia su rotaia con ritardi che continuano a protrarsi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile