20min/Celia Nogler
CANTONE
18.05.21 - 06:000
Aggiornamento : 13:17

Farmacie “sotto assedio” per andare in Italia

La vicina penisola ha riaperto le porte ai turisti stranieri. Ma solo se in possesso di un test negativo (anche rapido)

I ticinesi scalpitano per partire. Sono una settantina le attività autorizzate a effettuare l'esame. E ora sono sotto pressione

Viaggi in Italia

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BELLINZONA - Da domenica 16 maggio per un viaggio in Italia è sufficiente un test negativo (anche rapido). E i ticinesi scalpitano per poter partire. Con l'abolizione dell'obbligo di quarantena, in men che non si dica nel nostro cantone le farmacie autorizzate a effettuare l'esame sono state prese d'assalto.

«Dalle otto di stamattina il telefono suona ogni trenta secondi» ci confermano dalla Farmacia Internazionale a Ponte Tresa, situata a due passi dalla frontiera, dove si effettuano circa una ventina di test al giorno. Ma lo stesso vale anche altrove. Per esempio a Mendrisio, alla Farmacia Fuoriporta: «Le richieste sono alle stelle, soprattutto in vista del weekend». E si parla in particolare di persone in partenza per rivedere parenti che non vedono da molto tempo, ci dicono ancora da Mendrisio.

Le richieste erano molte già prima che l'Italia riaprisse le porte al turismo straniero. Ma ora «siamo sotto assedio e facciamo salti mortali per riuscire a fissare gli appuntamenti» ci dice Federico Tamò della Farmacia Malè di Bellinzona, che è anche portavoce dell'Ordine dei farmacisti del Cantone Ticino (OFCT). «Per ottenerne uno bisogna calcolare due-tre giorni di attesa ed è meglio muoversi per tempo, soprattutto se si vuole partire nel weekend». I giorni più richiesti sono infatti il giovedì e il venerdì, in particolare questa settimana in vista della Pentecoste.

Una settantina di farmacie autorizzate - Al momento su tutto il territorio ticinese sono una settantina le farmacie autorizzate a effettuare i test rapidi antigenici (vedi elenco allegato). Su un totale di duecento attività presenti nel cantone. «Si tratta già di un buon numero, con filiali ripartite bene sul territorio» afferma Tamò. Che però ammette: «In questo momento si potrebbe sicuramente averne qualcuna in più, per offrire una maggiore disponibilità alla popolazione». Ma non è così semplice: va infatti garantita la sicurezza del personale e degli utenti. «Non tutte le farmacie hanno gli spazi necessari come previsto dalle norme».

Un test a settimana è gratuito - Per quanto riguarda i costi, la Confederazione si fa carico di un test rapido a settimana «che viene effettuato per motivi propri». Tra questi - come ci spiega ancora Tamò - rientra anche un viaggio. Ma va ricordato che non tutti i paesi consentono l'ingresso con un test rapido, come avviene in Italia. La Spagna e la Francia, per esempio, richiedono attualmente un test PCR non più vecchio di 72 ore. E il test PCR necessario per un viaggio è sempre a pagamento: si parla di 150 franchi.

Regole da cambiare - All'ingresso in Italia, il test negativo è obbligatorio per tutti. Anche per coloro che hanno già completato la vaccinazione o per chi ha già contratto il Covid. Questo al contrario di quanto aveva inizialmente previsto il Governo della vicina penisola, che parlava dell'introduzione di un Covid Pass nazionale anche per i turisti già a partire dalla metà di maggio. «Questa situazione non è sostenibile - ci dicono dalla Farmacia Signer di Stabio - da parte dell'Italia è necessario un cambiamento delle regole, in modo che le persone vaccinate o guarite dal Covid non debbano effettuare il tampone».

Allegati
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
5 min
Covid, in Ticino otto contagi e nessun decesso
Nel nostro cantone l'ultima morte legata alla pandemia risale allo scorso 27 maggio
LUGANO
25 min
A Lugano tira un'aria così così
Su 323 località europee, la città è 161esima per inquinamento da polveri sottili
FOTO
CANTONE
32 min
Il littering c'è, ma non è colpa delle mascherine
In nove punti del Ticino sono stati raccolti oltre 21 chili di rifiuti in dieci giorni
GUARDA IL VIDEO
ITALIA / SVIZZERA
1 ora
Milano si tinge di rossocrociato, ma a festeggiare è l'Italia
Diversi simpatizzanti elvetici si sono dati appuntamento davanti al maxi-schermo del Centro svizzero per l'atteso Derby.
CANTONE
1 ora
Smemorati del test PCR basta una dose per il Certificato
Hanno debellato il virus accontentandosi di un test rapido, ecco come possono ottenere l'attestato di persona guarita
CADENAZZO
4 ore
«Meglio le prostitute dei militari»
L'incendio al Monna Lisa frutto «dell'abbandono deciso dal Cantone». Parla (con rabbia) l'ex proprietario Fässler
CANTONE
4 ore
I giovani meno propensi a vaccinarsi? «È fisiologico»
Solo 937 minorenni si sono annunciati per la vaccinazione. 77 di loro hanno ricevuto almeno la prima dose.
LUGANO
14 ore
Moncucco sulla Santa Chiara: «Non faremo tagli al personale»
La clinica luganese denuncia delle «importanti inesattezze« nel comunicato oggi trasmesso dalla struttura locarnese.
CADENAZZO
16 ore
Le Forze Speciali hanno sbagliato qualcosa
All'ex postribolo Monnalisa era in corso un'esercitazione "top secret" dei corpi scelti
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
18 ore
Auto in fiamme davanti alla Sezione della Circolazione
L'incendio è divampato questo pomeriggio in via ala Monda a Camorino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile