Immobili
Veicoli
tipress
CHIASSO/MENDRISIO
09.05.21 - 21:580
Aggiornamento : 10.05.21 - 08:57

Sputi in faccia al controllore sul TiLo

Momenti di tensione ieri sul treno tra Chiasso e Mendrisio. Protagonista un gruppo di giovani

Dietro all'intervento di polizia, un'aggressione a un funzionario ferroviario. Le Ffs: «Episodio grave, ma per fortuna raro. Siamo vicini ai nostri collaboratori»

CHIASSO - Una bravata. Degenerata velocemente in un atto di spavalderia aggressiva. Con un controllore preso addirittura a sputi in faccia. Nuovi dettagli sull'episodio che ha portato all'intervento di polizia avvenuto ieri sera alla stazione di Mendrisio. 

All'origine dell'inseguimento, che ha portato al fermo di quattro giovani poi denunciati a piede libero, ci sarebbe una richiesta d'intervento lanciata dal personale di un Tilo a Chiasso, attorno alle 21 di ieri sera. Il motivo: al momento in cui il treno stava per lasciare la stazione, il quartetto avrebbe bloccato le porte d'ingresso al convoglio. 

Una bravata, come detto, che però ha preso presto una piega inaspettata. Un funzionario addetto al controllo del treno interviene, redarguisce i giovani, ma questi reagiscono accerchiandolo e prendendolo a insulti. Nessuna aggressione fisica, stando a quanto appreso, ma un giovane si spinge fino a sputare in faccia al funzionario.  

Il controllore si allontana, il treno riparte con a bordo i giovani passeggeri che - forse - pensano di cavarsela senza conseguenze. Invece alla prima stazione, Mendrisio, trovano ad aspettarli la Polizia dei Trasporti con rinforzi della Polizia cantonale e Comunale di Mendrisio. Tentano la fuga sui binari: inseguiti dagli agenti, vengono fermati all'esterno della stazione in via Bernasconi. 

Un episodio «grave» per le FFS: l'azienda, precisa la portavoce Ottavia Masserini, «non è disposta a tollerare simili comportamenti». Le aggressioni al personale di bordo «sono per fortuna poco frequenti» e vengono perseguite d'ufficio. L'ex regia federale «è vicina ai propri collaboratori in questi momenti e ha fornito tutto il supporto necessario al funzionario coinvolto». Le ferrovie sottolineano comunque che «la stragrande maggioranza dei nostri passeggeri si comporta in modo corretto e rispettoso nei confronti del servizio e dei nostri collaboratori». 

Gli episodi di tensione tra passeggeri e personale FFS sono comunque aumentati negli ultimi tempi, avverte il sindacato Sev. «La tensione e l'aggressività sono sicuramente cresciute nei mesi della pandemia, con confronti verbali in cui spesso si alzano i toni, legati principalmente all'obbligo della mascherina» spiega il portavoce ticinese Angelo Stroppini. Il sindacato rivendica l'importanza della presenza di almeno due agenti durante i controlli, e invoca «una maggiore presenza di personale nelle stazioni» puntando il dito contro la privatizzazione del personale di pulizia decisa dall'ex regia federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Bimbo prega per fare trovare un lavoro al papà
Il commovente messaggio di un bimbo luganese pubblicato sui social da don Emanuele Di Marco, direttore dell'oratorio.
CANTONE
12 ore
«Dei genitori non ci portano più i loro bambini»
Parte dei club sportivi ticinesi hanno deciso, come in vigore per le scuole, di imporre la mascherina ai bambini.
POSCHIAVO (GR)
12 ore
La Valposchiavo fa il pieno di turisti
Nel 2021 ha registrato oltre 80'000 pernottamenti: un record
CANTONE
20 ore
Nuovi positivi a scuola e nelle case anziani
Sono 17 le classi attualmente in confinamento. Nelle strutture per anziani sono 116, in totale, gli ospiti positivi.
CANTONE
23 ore
Telelavoro, ecco quanti sono i furbetti in Ticino
L'Ufficio dell'ispettorato del Lavoro snocciola qualche numero e spiega: «Si rischiano sanzioni e denunce»
LUGANO
1 gior
In primavera si punta di nuovo sul lungolago (chiuso)
Lo scorso anno la chiusura domenicale è stata un successo. L'iniziativa sarà riproposta a partire da Pasqua
CANTONE
1 gior
Una fattura dal medico del traffico, più di cinque anni dopo
Decine di persone si sono viste richiedere il pagamento dell'IVA (entro 10 giorni) per le prestazioni ottenute nel 2016.
CANTONE
1 gior
Pronzini: «Questa candidatura è una provocazione»
L'MPS chiederà il rinvio della nomina del CdM ad hoc prevista lunedì in Parlamento
CANTONE
1 gior
Caos ferroviario a causa di un guasto
Sulla rete ferroviaria ticinese treni soppressi o in ritardo. La perturbazione è terminata
AGNO
1 gior
La Fiera di San Provino salta (di nuovo)
Per il terzo anno consecutivo il tradizionale evento di Agno, previsto a marzo, non si terrà.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile