tipress
Daniela Soldati all'interno della clinica Santa Chiara
LOCARNO
25.04.21 - 19:010

«Il signor De Rosa non ci ha fatto l'elemosina»

La clinica Santa Chiara verso una possibile vendita. A causa dei costi Covid sostenuti (e non rimborsati)

La direttrice Daniela Soldati: «Da mesi chiediamo al Cantone di pagare il dovuto. Non hanno fatto nulla. E ora siamo a questo punto»

LOCARNO - Gli aspiranti acquirenti volteggiano sopra la clinica Santa Chiara di Locarno. Dopo il gruppo Swiss Medical Network - proprietario già dell'Ars Medica di Gravesano e della clinica Sant'Anna di Sorengo - nei giorni scorsi si è fatta avanti la clinica Moncucco. È pronta a staccare un assegno - stando al Caffè - di circa 5 milioni di franchi per rilevare la concorrente locarnese. 

Offerte che al malato, in un momento travagliato, non si sa se diano più sollievo o fastidio. La direttrice della Santa Chiara Daniela Soldati contattata da tio.ch/20minuti preferisce non commentare. «Sarà eventualmente il consiglio d'amministrazione, una volta riunitosi, a fare delle comunicazioni». Quanto alle difficoltà finanziarie in cui versa la struttura, punta il dito contro Bellinzona. «Una cosa è certa - precisa - ed è che siamo in questa situazione a causa dei mancati pagamenti da parte del Cantone per i costi legati all'emergenza Covid». 

I ritardi nei pagamenti. 

«No, i mancati pagamenti. Ad oggi la situazione non si è ancora sbloccata. È esattamente quella di tre settimane fa, quando le cifre sono state rese pubbliche». 

Quanto ha inciso la pandemia sul bilancio della clinica?

«Abbiamo avuto un danno complessivo di 4,2 milioni di franchi. Ripartiti in 2,3 milioni di costi e 1,8 milioni di mancati ricavi».

La responsabilità della vostra crisi, quindi, sarebbe interamente del Cantone?

«Certo. Abbiamo ricevuto un decimo del dovuto, quando tutti gli altri cantoni della Svizzera hanno già saldato il conto» 

È una situazione che tocca tutte le cliniche private, però.

«Tutte. Il Cantone ha pagato soltanto un decimo del contributo globale mensile, per cinque volte». 

Altre realtà però hanno retto. La clinica Moncucco, ad esempio, che ora vuole acquistarvi. 

«La differenza tra la Moncucco e noi è che loro i letti Covid che hanno messo a disposizione del Cantone li hanno riempiti. Noi no. A noi hanno fatto mettere a disposizione 37 posti letto che sono rimasti vuoti, per sette ottavi». 

Un cortocircuito. 

«Non potevamo ricoverare pazienti normali, e non avevamo pazienti Covid, quindi ci siamo trovati senza entrate. I pazienti Covid sono stati mandati a Bellinzona, nonostante nel dispositivo Covid secondo le risoluzioni governative il San Giovanni fosse stato completamente escluso a questo scopo. A noi hanno fatto aprire dei letti rimasti vuoti, e Bellinzona che non ne doveva aprire, ha ricevuto i pazienti». 

Il direttore del DSS Raffaele De Rosa ha sottolineato però che, nel complesso, l'anno scorso la Santa Chiara ha ricevuto pagamenti per 10,4 milioni di franchi dal Cantone. Non pochi. 

«È quello che dice De Rosa, ed è vero. Ma li abbiamo ricevuti come rimborso per i pazienti stazionari ricoverati in regime Lamal. Abbiamo ricevuto il dovuto e non un centesimo di più. Non è che il signor De Rosa l'anno scorso ci abbia fatto l'elemosina. Sono soldi dovuti per un'attività prevista da contratto di prestazione. I costi Covid sono tutta un'altra storia». 

Quando contate di ricevere il resto dal Cantone?

 «Non so se i soldi arriveranno, ma non arriveranno presto. Sono mesi che chiediamo al DSS di fare qualcosa. Hanno tutte le fatture e tutta la nostra documentazione in mano da agosto. Ma non hanno fatto nulla». 

Nel frattempo, dei potenziali acquirenti si sono fatti avanti...

«È chiaro. In questo momento siamo a terra. Vedremo come andrà a finire. In ogni caso, in questa vicenda ci sono diverse cose che andranno chiarite al momento opportuno».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CONFINE
1 ora
Covid, più controlli tra Svizzera e Piemonte
Il Verbano Cusio Ossola aumenta la sorveglianza sul confine, con l'introduzione del super Green Pass
RIVERA
2 ore
La Lega si riorganizza, ma c'è di mezzo la variante
L'appuntamento doveva tenersi questa domenica al Centro istruzione della Protezione civile
POSCHIAVO (GR) / SVIZZERA
3 ore
Valposchiavo fra i migliori borghi turistici del mondo
L'Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) ha accolto tutte le tre candidature presentate dalla Svizzera.
BELLINZONA
8 ore
Niente Rabadan nel 2022
Lo ha deciso ieri sera il Comitato, prendendo atto della «preoccupante evoluzione della situazione pandemica»
CANTONE
9 ore
In Ticino 160 nuovi contagi e altre cinque classi in quarantena
Negli ospedali ticinesi si contano attualmente 64 pazienti Covid, di cui otto in cure intense
RIAZZINO
21 ore
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
1 gior
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
1 gior
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
1 gior
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
1 gior
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile