20min/Simon Glauser
CANTONE / SVIZZERA
16.04.21 - 21:300

A corto di soft-drink per la riapertura delle terrazze

La decisione del Consiglio federale sta mettendo sotto pressione i fornitori della ristorazione

Le scorte non mancano, ma alcune bevande dolci hanno una data di scadenza a breve termine

LUGANO - Il tanto atteso annuncio del Consiglio federale è stato fatto nel tardo pomeriggio di mercoledì: da lunedì 19 aprile scattano nuovi allentamenti, tra cui anche la riapertura delle terrazze di bar e ristoranti. Negli esercizi pubblici sarà quindi nuovamente possibile effettuare consumazioni seduti ai tavoli, purché si trovino all'esterno.

Un annuncio che ha subito messo in fibrillazione un intero settore, che ora sta preparando le scorte in vista di un aumento degli avventori. Ecco quindi che i fornitori sono sotto pressione. «Da giovedì pomeriggio registriamo un forte aumento delle ordinazioni» ci conferma, per esempio, Michele Cattaneo della Brughera Drinks di Mezzovico, una delle principali aziende che in Ticino rifornisce la ristorazione.

Per loro il lavoro non si era fermato, in quanto si occupano anche di rifornire stazioni di servizio, alberghi e servizi di delivery. Ma ora l'attività ha sicuramente ingranato qualche marcia. «L'impennata di ordinazioni è dovuta in particolare al fatto che durante il periodo di lockdown, bar e ristoranti si erano attrezzati per l'asporto con le bottiglie in plastica. Ora ci vengono chieste quelle in vetro».

Nei magazzini della Brughera Drinks i prodotti non mancano. Anche si riscontra qualche difficoltà con alcuni soft-drink. Si parla, per esempio, della Coca Cola Zero: «Non è che ci manca, ma la ristorazione ci chiede date di scadenza a lungo termine. Ma la Coca Cola sta ancora smaltendo le scorte vecchie, che scadono già a maggio. E ci tocca rimandarle al produttore» ci spiega ancora Cattaneo.

E infatti anche i produttori sono improvvisamente sotto pressione, come conferma per esempio Gérard Schaller di Feldschlösschen, interpellato da 20 Minuten. «Da una produzione che era a livelli molto bassi, siamo passati all'attività a pieno regime». E dall'azienda i rifornimenti partono ora anche sabato, in modo che per lunedì tutto sia pronto.

La situazione è più tranquilla al Birrificio Ticinese San Martino di Stabio, dove comunque c'è soddisfazione per la riapertura delle terrazze. «La richiesta non è ancora molta» afferma però il responsabile Markus Schild, spiegando che l'azienda lavora soprattutto con intermediari e negozi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
AIROLO
48 min
Qui comincia il secondo Gottardo
Sono iniziati i lavori al tunnel autostradale tra Airolo e Göschenen. Ecco la road-map
BELLINZONA
5 ore
Migliaia di api uccise: «Cattiveria e stupidità non hanno limiti»
Il fatto è accaduto sui Monti di Marno, sopra a Carasso. L'apicoltore: «Sporgerò denuncia, ma non mollo e vado avanti».
CANTONE
14 ore
Tre condanne per gli scontri alla Valascia
Due ticinesi e un vodese si sono visto comminare una pena pecuniaria per i fatti avvenuti il 14 gennaio del 2018.
LUGANO
17 ore
Un testamento da 16 milioni, ma per il Tf è carta straccia
Dopo una battaglia durata decenni il Tribunale federale respinge un documento datato 1936 ritrovato in un cassetto
LOCARNO
19 ore
Festino alle medie, il docente licenziato ricorre al Tram
La decisione dell'ex insegnante di storia e italiano è stata comunicata dal suo legale, l'avvocato Carlo Borradori.
CANTONE
20 ore
Raddoppiano gli aiuti Ponte Covid
Da giugno l'importo massimo del primo richiedente sarà aumentato a 2'000 franchi.
LUGANO
20 ore
Giovane ammanettato al Maghetti, due agenti sotto accusa
Nei confronti di due poliziotti della Città di Lugano sono state proposte condanne a pene pecuniarie e multe.
FOTO
LUGANO
22 ore
Cristiano Ronaldo a Lugano in segreto
L'attaccante della Juventus sulle rive del Ceresio per uno spot. Non è passato inosservato.
CANTONE
1 gior
Sono 60 i nuovi positivi in Ticino, ma nessun decesso
Nei nosocomi ticinesi si contano attualmente 5 ammissioni e 5 dimissioni.
CANTONE
1 gior
Traffico e spaccio di cocaina, maxi operazione nelle Tre Valli
Partita nel 2018, l'inchiesta ha portato all'arresto di cinque persone e alla denuncia di una cinquantina di consumatori
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile