Tremano le discoteche: «Ci hanno dimenticati»
Keystone
CANTONE/SVIZZERA
15.04.21 - 08:130
Aggiornamento : 11:20

Tremano le discoteche: «Ci hanno dimenticati»

Dopo la chiusura dell’Hiltl club di Zurigo c’è apprensione nella movida ticinese. «Pesante anche sul piano morale».

Le discoteche sono chiuse praticamente da un anno e i rappresentanti del settore lanciano un disperato grido d'allarme.

BELLINZONA - È un addio quello della discoteca Hiltl di Zurigo. Dopo 14 anni di attività, si chiudono i battenti. L’ha comunicato lunedì sera, attraverso gli account social, il team del locale. «È a malincuore che abbiamo deciso di non riaprire più l’Hiltl club dopo la pausa forzata impostaci dal Covid», recita il messaggio. Una decisione, quella presa dalla gestione dell’Hiltl, motivata «dal continuo prolungarsi di questa situazione difficile e dalla mancanza di prospettive» con la quale il settore si sta confrontando. 

Un settore di cui si parla poco - «Mi spiace e lo capisco, perché in questo momento c’è chi non vede un futuro in questo tipo di attività» commenta Daniel Perri, responsabile delle discoteche Vanilla di Riazzino, Rotonda di Gordola e Pix di Ascona.

Nessuno spiraglio di luce in vista - Nel frattempo, il Consiglio federale ha annunciato ieri alcuni allentamenti, in vigore da lunedì prossimo. Tra questi, l'apertura delle terrazze di bar e ristoranti e quella delle palestre. Ma sulla movida neanche un accenno. «Il nostro è un settore dimenticato», spiega Perri, «e di cui si parla spesso in negativo». 

Noi ci siamo fermati, il Covid no - Nessuno, aggiunge Perri, «ha avuto il coraggio di dire che anche se siamo chiusi praticamente da un anno a questa parte, il Covid ha fatto comunque il suo corso». Sì, perché sull’arco del 2020 il locale ha potuto fare ben poche serate, spalmate su circa un mese di attività e con un limite di persone da rispettare. 

Dura anche moralmente - E rispetto alle prospettive future: «Purtroppo al momento ci troviamo in un limbo, ed è molto pesante. Certamente a livello economico, ma anche sul piano psicologico e morale. Siamo dei pesci fuor d’acqua. Io è più di un anno che vivo alla giornata», conclude amareggiato Perri. 

La chiave per la sopravvivenza? La diversificazione - «Noi resistiamo», così il gerente della società Woodstock Marco Acocella. Per sopperire alla perdita d'introiti del disco-bar bellinzonese, la gestione ha deciso di puntare su una maggiore diversificazione dell’attività, investendo in un ristorante, in un lido e in un centro sportivo. Stessa formula anche per la società Surfim SA, proprietaria di Vanilla: «Avendo bar, ristoranti e appartamenti riusciamo a portare avanti il tutto», chiarisce Perri. 

Non solo discoteche - Non sono però solo i proprietari delle discoteche a soffrire. «Dobbiamo stare attenti con le chiusure. Non solo per noi in sé, ma anche per l’indotto che sta dietro alla nostra attività. Noi siamo importanti per l’economia ticinese», aggiunge Acocella. Sono in effetti diverse le aziende che collaboravano con il Woodstock: «Si occupavano del food and beverage, della sicurezza e degli eventi. ll 50-60% dei nostri incassi andavano a loro. E ora sono messi male quanto noi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 3 mesi fa su tio
In altri paesi hanno trovato delle alternative con delle discoteche all'aperto e dei mini palchi a distanza di sicurezza per poter ballare. Da noi si potrebbe sfruttare lo spazio degli aeroporti!
seo56 3 mesi fa su tio
Ma che dimenticato. Ci manca solo che aprono anche quelli!!!!!
Dario Lampa 3 mesi fa su tio
Nessuno ha dimenticato nessuno. Anche a me manca uscire a ballare o a bere qualcosa. Ma sarebbe folle riaprire un'attività del genere in questo momento. Chissà a fine anno con tutti vaccinati... Forza e coraggio e vacciniamoci!
egi47 3 mesi fa su tio
In questo momento solo un pazzo potrebbe dare il permesso di riaprire.
don lurio 3 mesi fa su tio
Possono riaprire solo se soddisfano tutto quanto consentito dalla legge.Gerente con patante , Rispetto al vicinato con i rumori. Igiene nel locale ed esterno al termine pulire le adiacenze fino a 200 m. nelle vicinanze del locale, presenza di sicurezza del locale. Personale qualificato.
Um999 3 mesi fa su tio
Non vi hanno dimenticato, sarebbe da folli aprire proprio le discoteche.
seo56 3 mesi fa su tio
@Um999 Esattamente
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
5 ore
Fischi a Valenzano Rossi: il PLR Lugano li condanna «fermamente»
La sezione cittadina ha espresso «massima solidarietà» alla municipale contestata il 1° d'agosto.
LUGANO
8 ore
«Non la prendo sul personale»
Karin Valenzano Rossi fischiata in piazza Riforma si toglie qualche sassolino dalla scarpa
LOCARNO
10 ore
Ci mancavano le zanzare
Dopo gli allagamenti è boom nel Piano di Magadino. La Confederazione ha inviato una missione insetticida
URI / CANTONE
12 ore
Più di due ore per superare il San Gottardo
Al portale nord della galleria sono stati raggiunti i 16 chilometri di coda, a quello sud si è arrivati a sette
LUGANO
13 ore
«Ci danno degli imbecilli, ma ciò dice più di loro che di noi»
Per gli organizzatori, la "cifolata" di ieri è stata un successo. E non solo per la presenza dei molinari.
FOTO
ITALIA
15 ore
L'A9 diventa un lungo cantiere, Como a rischio collasso
Le prossime settimane saranno di sofferenza per chi viaggia, sia in direzione sud che nord.
CANTONE
15 ore
Un'altra settimana di maltempo
Piccole parentesi di sole, molte di pioggia.
CANTONE
17 ore
Ottanta positivi in 72 ore
Dal decesso di giovedì non si registrano nuove vittime a causa del virus
FOTO
LUGANO
18 ore
Raccolta una montagna di occhiali usati
L'iniziativa del Lions Club Lugano è stata un successo: «Le 9'517 paia raccolte vanno oltre ogni più rosea aspettativa».
LUGANO
18 ore
L'eco dei "cifolatori" di Piazza Riforma
L'inedita cornice di fischi durante l'allocuzione di Karin Valenzano Rossi non ha mancato di generare reazioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile