Archivio Tipress
CANTONE
12.04.21 - 20:070
Aggiornamento : 13.04.21 - 10:15

Vino e birra si potranno acquistare anche alla sera

Il Parlamento ha approvato il controprogetto relativo all'iniziativa che chiedeva di togliere il divieto di vendita

La novità era stata introdotta il 1. gennaio 2020 con la legge sull'apertura dei negozi

BELLINZONA - Alla sera non si vendono bevande alcoliche. Tale divieto era scattato il 1. gennaio 2020 con la nuova legge sull'apertura dei negozi. Ma la situazione è destinata a cambiare. Oggi il Gran Consiglio ticinese ha infatti accettato - con 42 voti a favore, 29 contrari e 3 astenuti - il controprogetto all'iniziativa di Andrea Censi (Lega) e Fabio Käppeli (PLR), che chiedeva di revocare tale divieto. Di fatto, il Parlamento ha detto “sì” al relativo rapporto di maggioranza, che proponeva di eliminare il divieto per le vino e birra, ma non per liquori e superalcolici.

Il dibattito - Per il correlatore di minoranza Fiorenzo Dadò (Ppd) gli orari attuali di vendita «sono ampiamente sufficienti» e «diversi sono i campanelli d'allarme di una preoccupante recrudescenza del degrado» specialmente tra i giovani. Gli studi effettuati in altri cantoni in cui vige un divieto analogo «dimostrano i benefici della limitazione serale della vendita». 

I contrari all'iniziativa hanno mostrato in aula foto degli alcolici venduti nei negozi dei distributori di benzina, dove «la presenza di vini ticinesi e prodotti del territorio è eufemisticamente rarefatta» per cui «è illusorio pensare che una proroga serale della vendita dia un sostegno all'economia ticinese». Il rapporto di maggioranza, secondo Ps e Ppd, «sottovaluta largamente l'effetto negativo che la vendita serale potrebbe avere sui giovani».

Per gli iniziativisti il rapporto Sirica-Dadò ha invece dei toni «terroristici e improntati a un paternalismo protezionista» nelle parole di Fabio Käppeli, a nome del gruppo Plr. «In Ticino le norme sulla limitazione della vendita dell'alcol sono tra le più restrittive in Svizzera» ha sottolineato Andrea Censi (Lega). «Vietare la vendita dopo le 19, dopo le 21 il giovedì e dopo le 18 il sabato è un pasticcio legislativo, e non riguarda solo i benzinai ma anche le capanne montane e i take-away, arrecando a queste realtà un grave danno economico».

La posizione del Governo - Il Consiglio di Stato aveva deciso di rimettersi alla decisione del Gran Consiglio. «Rispetto al momento in cui il Parlamento ha adottato la legge sui negozi, a livello nazionale c'è stato uno sviluppo: è stato tolto il divieto di vendere bevande alcoliche nelle aree di servizio situate lungo le strade nazionali» ha ricordato il consigliere di stato Christian Vitta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
ORIGLIO
6 ore
Test a tappeto alla scuola Steiner
Negli scorsi giorni presso l'istituto di Origlio sono stati riscontrati diversi casi di coronavirus.
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
8 ore
Un rimorchio si ribalta a Camorino
L'incidente è avvenuto questa sera nei pressi della rotonda degli svincoli autostradali. Nessuno è rimasto ferito.
LUGANO
10 ore
Ex Macello: la Città prosegue sulla via dello sgombero
La municipale Valenzano Rossi: «Aspettiamo l'inizio della prossima settimana per essere certi che non ci siano ricorsi»
CANTONE
10 ore
Il Caffè verrà chiuso quest'estate
La notizia è stata anticipata da LeTemps che raccoglie giudizi preoccupati per la decisione
GNOSCA
11 ore
«La polizia ha stufato con questi spari»
Al poligono di Gnosca è una "sparatoria continua" per i residenti. Che puntano il dito contro la Comunale di Bellinzona
FOTO
CANTONE
13 ore
Oltre il 13,7% dei ticinesi è completamente vaccinato
Stamani la prima dose è stata somministrata anche al presidente del Governo Manuele Bertoli, che rientra tra gli over 55
DALPE
15 ore
Lavori di carpenteria in barba alle norme di sicurezza
Durante un'operazione di polizia effettuata ieri presso una stalla di Dalpe sono state controllate cinque persone.
SVIZZERA / CANTONE
16 ore
Fossili da record dal Monte San Giorgio
I resti di cinque esemplari di ittiosauri sono rispuntati dalle cantine di musei di Zurigo, Milano e Tubinga
AIROLO
18 ore
Qui comincia il secondo Gottardo
Sono iniziati i lavori al tunnel autostradale tra Airolo e Göschenen. Ecco la road-map
CANTONE
19 ore
Altri 62 positivi in Ticino, ricoverati ancora in calo
Fortunatamente non si contano ulteriori vittime. I nuovi ammessi sono 2, mentre le dimissioni si elevano a 5.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile