Archivio Tipress
CANTONE
12.04.21 - 20:070
Aggiornamento : 13.04.21 - 10:15

Vino e birra si potranno acquistare anche alla sera

Il Parlamento ha approvato il controprogetto relativo all'iniziativa che chiedeva di togliere il divieto di vendita

La novità era stata introdotta il 1. gennaio 2020 con la legge sull'apertura dei negozi

BELLINZONA - Alla sera non si vendono bevande alcoliche. Tale divieto era scattato il 1. gennaio 2020 con la nuova legge sull'apertura dei negozi. Ma la situazione è destinata a cambiare. Oggi il Gran Consiglio ticinese ha infatti accettato - con 42 voti a favore, 29 contrari e 3 astenuti - il controprogetto all'iniziativa di Andrea Censi (Lega) e Fabio Käppeli (PLR), che chiedeva di revocare tale divieto. Di fatto, il Parlamento ha detto “sì” al relativo rapporto di maggioranza, che proponeva di eliminare il divieto per le vino e birra, ma non per liquori e superalcolici.

Il dibattito - Per il correlatore di minoranza Fiorenzo Dadò (Ppd) gli orari attuali di vendita «sono ampiamente sufficienti» e «diversi sono i campanelli d'allarme di una preoccupante recrudescenza del degrado» specialmente tra i giovani. Gli studi effettuati in altri cantoni in cui vige un divieto analogo «dimostrano i benefici della limitazione serale della vendita». 

I contrari all'iniziativa hanno mostrato in aula foto degli alcolici venduti nei negozi dei distributori di benzina, dove «la presenza di vini ticinesi e prodotti del territorio è eufemisticamente rarefatta» per cui «è illusorio pensare che una proroga serale della vendita dia un sostegno all'economia ticinese». Il rapporto di maggioranza, secondo Ps e Ppd, «sottovaluta largamente l'effetto negativo che la vendita serale potrebbe avere sui giovani».

Per gli iniziativisti il rapporto Sirica-Dadò ha invece dei toni «terroristici e improntati a un paternalismo protezionista» nelle parole di Fabio Käppeli, a nome del gruppo Plr. «In Ticino le norme sulla limitazione della vendita dell'alcol sono tra le più restrittive in Svizzera» ha sottolineato Andrea Censi (Lega). «Vietare la vendita dopo le 19, dopo le 21 il giovedì e dopo le 18 il sabato è un pasticcio legislativo, e non riguarda solo i benzinai ma anche le capanne montane e i take-away, arrecando a queste realtà un grave danno economico».

La posizione del Governo - Il Consiglio di Stato aveva deciso di rimettersi alla decisione del Gran Consiglio. «Rispetto al momento in cui il Parlamento ha adottato la legge sui negozi, a livello nazionale c'è stato uno sviluppo: è stato tolto il divieto di vendere bevande alcoliche nelle aree di servizio situate lungo le strade nazionali» ha ricordato il consigliere di stato Christian Vitta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
28 min
Poliziotti attaccati da una ventina di giovani: due arresti
In totale sono sette le persone che sono state medicate al Pronto soccorso.
RIVA SAN VITALE
29 min
Frontale a Riva: due feriti
Gli occupanti delle due automobili coinvolte avrebbero riportato lesioni non gravi.
CANTONE
1 ora
Tre casi di variante Delta in Ticino
Il medico cantonale Merlani e il direttore del Dss De Rosa in conferenza stampa: segui la diretta
LUGANO
2 ore
'Ndrangheta: un arresto a Grancia
Un altra persona è stata arrestata nel canton Argovia, su mandato della magistratura italiana
FOTO
BELLINZONA
5 ore
La pandemia lo trasforma in un gaucho
La sfida imprenditoriale del 33enne Nahuel Gonnet. Ora fa il grigliatore argentino professionista.
CANTONE
6 ore
In Ticino cinque nuovi contagi e anche oggi nessun decesso
Nelle strutture sanitarie si contano attualmente tre pazienti Covid
LUGANO
7 ore
Autogestiti: «La loro sede in un'altra località del Cantone»
L'UDC chiede la creazione di una task force cantonale.
VIDEO
MENDRISIO
9 ore
Le abili mani in dogana che ci fanno sentire più sicuri
È una sfida con chi ogni giorno si inventa un sistema per eludere i controlli doganali.
BELLINZONA
10 ore
Dopo i sorpassi di spesa, l'appalto a prezzi stracciati
I lavori all'ex Petrolchimica preventivati per 200mila franchi sono stati deliberati dal Municipio per 62mila franchi
FOTO
MAROGGIA
10 ore
Il cammino per la rinascita del Mulino prosegue
Sono passati quasi sette mesi dal terribile rogo, ma la vicinanza e la solidarietà della gente sono sempre grandi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile