«Quella tristezza profonda si sta trasformando in aggressività»
KEYSTONE
Un'immagine scattata di recente a San Gallo.
CANTONE
08.04.21 - 19:500
Aggiornamento : 21:51

«Quella tristezza profonda si sta trasformando in aggressività»

Timori per le masse che non rispettano più le norme anti Covid. Intervista alla psicoterapeuta Giulia Raiteri.

La specialista è stata ospite di Piazza Ticino: «Parlare di disordini mi fa sorridere. La popolazione trasgredisce come se non avesse altra soluzione, come se fosse arrivata a un limite di sopportazione».

LUGANO - Preoccupazione un po' in tutta la Svizzera per le norme anti Covid-19 che non vengono più rispettate. Da Lugano a San Gallo, passando per Zurigo, la situazione è più o meno la stessa. La polizia è costretta a scendere a compromessi con la massa. In vista dei prossimi weekend la tensione è alta. Così come la paura di disordini. «Parlare di disordini mi fa sorridere – sostiene Giulia Raiteri, psicoterapeuta intervenuta su piazzaticino.ch –. "Disordini" è un termine da associare a situazioni di protesta puntuali. La gente, dal mio punto di vista, trasgredisce come se non avesse altra soluzione, come se fosse arrivata a un limite di sopportazione». 

Quando c'è una parte così grande della popolazione che ignora la legge, ci si trova in difficoltà. Così si è espressa la polizia di Lugano di recente. Cosa ne pensa?
«La pandemia va avanti da più di un anno. C'è un'aggressività che sale progressivamente. Per un lungo periodo la gente è stata scioccata, spaventata, sbalordita di fronte a quello che stava succedendo. Si è poi innestata una sorta di tristezza profonda, mai sfogata, che ora si sta trasformando in aggressività». 

Tutto questo si poteva prevedere?
«In questi mesi si è parlato tanto della salute fisica. Troppo poco degli effetti psicologici di questa condizione. Noi psicoterapeuti non abbiamo più buchi nelle nostre agende. Siamo molto sollecitati. Aumentano gli aspetti di matrice depressiva, ansiosa. Chi aveva disagio psichico in precedenza si è aggravato».

Secondo molti c'è troppo caos. E questo farebbe innescare ulteriore frustrazione e rabbia.
«A livello di comunicazione c'è davvero tanta confusione. Si dice tutto e il contrario di tutto. Siamo in difficoltà nel capire quello che sta accadendo. Si è creato uno stato di paura, dovuto anche al fatto di non avere una prospettiva».  

L'invito delle autorità sanitarie è quello di tenere duro ancora un po'. Ha un senso?
«A questo punto si devono cercare le vie di mezzo. "Non fare" sarebbe problematico. Si può "fare", ma nel modo giusto. Ad esempio ci si può vedere, facendo prima il tampone rapido. Non vorrei comunque essere nei politici che devono prendere determinate decisioni. Quello che sta capitando è qualcosa di non prevedibile». 

C'è chi accusa di egoismo le persone che si assembrano...
«No, non è egoismo. È una necessità. I giovani sono sicuramente quelli più in crisi. Non solo per le esperienze che non stanno facendo. Per un adolescente spesso il "bisogno" è qualcosa d'impellente. E in questo periodo non si può fare ciò che si vuole». 

Dal punto di vista della salute mentale il conto che dovremo pagare sarà salato?
«Da questa esperienza potremo trarre un'occasione di crescita personale e sociale. Però si notano anche altri aspetti. Il senso di solitudine di molte persone, coppie che scoppiano, ragazzi senza relazioni. Queste sono ferite che ci porteremo dietro. Poi arriveranno anche le cicatrici, certo». 

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA COMPLETA

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
2 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
4 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
5 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
9 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
10 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
11 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
11 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
13 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
CANTONE
21 ore
La Rsi replica alle critiche: «Informazione sempre al centro»
Forma cambiata, ma «mantenendo qualità e quantità».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile