Ti Press
CANTONE
05.04.21 - 20:120
Aggiornamento : 06.04.21 - 08:06

Una Pasqua quasi sold out: «Anche più turisti di quelli che ci aspettavamo»

Nonostante le pandemia e le restrizioni, in Ticino sono arrivate decine di migliaia di turisti.

Il direttore di Ticino Turismo Angelo Trotta: «Forte crescita di giovani, famiglie e turisti dalla Romandia. Peccato per i ristoranti chiusi...».

LUGANO - «Forse sono arrivati ancor più turisti di quelli che ci aspettavamo». È un Angelo Trotta soddisfatto quello che fa un primo bilancio turistico sul weekend pasquale 2021. Naturalmente le statistiche ufficiali non sono ancora disponibili, ma si può già tranquillamente dire che il tasso d'occupazione delle varie strutture ricettive (campeggi, hotel, case di vacanza e residenze secondarie) ha superato il 90%. In particolare, gli hotel a cinque stelle e i campeggi hanno fatto registrare praticamente il tutto esaurito.

Bene i numeri - Le tre notti pasquali rappresentano solitamente circa il 50% dei pernottamenti che vengono registrati nell'intero mese di aprile (quando Pasqua cade in aprile). E quest'anno, complice la meteo che ha sempre impatto fondamentale, si stima che in Ticino siano arrivati circa 80mila ospiti. Un ottimo bilancio quindi, nonostante la quasi assenza di turisti stranieri: «Chiaramente, da questo punto di vista, la pandemia ci ha azzoppato. Ma anche la paura del virus e alcuni inviti delle autorità hanno con ogni probabilità spinto qualcuno a essere prudente e non muoversi da casa», spiega il direttore di Ticino Turismo.

Così così la qualità - Se a livello di numeri c'è soddisfazione, per quanto riguarda la qualità del prodotto turistico che il nostro Cantone è stato in grado di offrire il bilancio è (inevitabilmente) un po' più fosco. «In quest'ambito abbiamo un po' sofferto - conferma Trotta -. Perché se era bello, turisticamente parlando, vedere molta gente nelle piazze, vedere le persone con le mascherine non è il massimo». Un discorso che vale anche per bar e ristoranti. Al posto di vedere le persone sedute ordinatamente, l'unica possibilità di ristorazione data dai take away ha causato un po' di disordine (e qualche rifiuto di troppo). Un'immagine che cozza un po' con quella precisa e pulita del nostro Paese.

Nuovi target da fidelizzare - Fare meglio, dato il contesto, era comunque difficile: «Il Cantone, i Comuni, ma anche moltissimi albergatori hanno fatto grandi sforzi per informare e sensibilizzare la popolazione e i turisti. E infatti non mi sembra ci siano stati grossi problemi di disciplina. Tutt'al più qualche giovane... ma sono casi limitati». E a proposito di giovani, la sensazione è che ci sia stato uno "svecchiamento" del turismo che tradizionalmente sceglie il Ticino per trascorrere le vacanze di Pasqua. «Già lo scorso anno l'aumento di questo target era stato molto importante e la crescita sembra continuare». Così come quella delle famiglie e dei turisti provenienti dalla Svizzera romanda. «Speriamo che si siano trovati bene, in modo che ritornino da noi anche in futuro», è l'auspicio di Angelo Trotta.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Luca 68 5 mesi fa su tio
lo vedremo tra qualche settimana se davvero è andato tutto bene,
Duca72 5 mesi fa su tio
No comment !
Wunder-Baum 5 mesi fa su tio
Io sono stato a casa mia, malgrado che sono in ferie per 2 settimane
Wunder-Baum 5 mesi fa su tio
Tutti felici ?
gigios 5 mesi fa su tio
@Wunder-Baum Provocazione inutile
Tio65 5 mesi fa su tio
Ottimo!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
26 min
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
Chiasso
4 ore
Prove di un Nebiopoli covid-safe
L'obiettivo degli organizzatori è capire se nel 2022 sarà possibile tornare a proporre la festività in formula piena
LUGANO
22 ore
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
23 ore
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CADENAZZO
1 gior
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
CANTONE
1 gior
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 gior
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
1 gior
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
1 gior
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
1 gior
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile