Foto Tio/20Minuti
Mascherine, in questi giorni ancora un optional
LUGANO
02.04.21 - 07:150
Aggiornamento : 11:04

«La polizia cercherà di anticipare gli assembramenti»

L'obbligo di mascherina non sembra passare in città e il sindaco Marco Borradori lancia un invito per Pasqua

«L'obiettivo non sarà certamente quello di multare, ma vorremmo essere più proattivi. Godiamoci le prossime giornate, ma nel rispetto reciproco»

LUGANO - Questa veduta fotografica di piazza Cioccaro fissa, come in un quadro del Canaletto, un momento di rilassata vita cittadina del tempo che fu. A osservarla se ne rimpiange la serena convivialità. Quando nelle prime serate primaverili, artificiosamente allungate dall’ora legale, la gente soleva amabilmente intrattenersi per le vie del centro, parlottando fitto fitto, faccia a faccia… "sans soucis, sans problèmes".

Una vita fa, verrebbe da dire. Il guaio è che questa foto è stata scattata alle 18.50 di mercoledì 31 marzo 2021. E ieri sera, alla stessa ora, la medesima scena, salvo l'apparire di un cartello a centro piazza che impone l'obbligo - inascoltato - di mascherina. E se per ora l’obbligo assoluto introdotto dal Municipio concerne esplicitamente i prossimi due weekend e l’intera settimana pasquale in stazione, nel centro storico e sul lungolago, il buonsenso e Berna in questo caso vanno di pari passo. Dicono che il virus non circola solo nei fine settimana e dicono anche che la mascherina è sempre obbligatoria se non può essere mantenuta la distanza di 1,5 metri da altre persone. 

Si rischia di passare per impiccioni e moralisti, ma la posta in gioco è troppo alta. E allora chiediamo al sindaco di Lugano se una situazione del genere lo preoccupa in vista dei prossimi giorni. «Oggi (ieri, ndr) abbiamo discusso molto in Municipio degli assembramenti - risponde Marco Borradori -. Siamo molto attenti alla situazione che si sta creando, più che essere preoccupati. Vorremmo poter interloquire con la popolazione. Abbiamo una parte di cittadini che ha timori dal profilo sanitario e si attiene alle regole, e un'altra parte che per vari motivi le rispetta un po' meno. Noi, come autorità, non vogliamo passare per cattivi, ma semplicemente creare le condizioni per cui tutti possano godersi in tranquillità la vita all'aria aperta. Crediamo che con l'avvicinarsi della Pasqua e l'arrivo atteso di molti turisti sia molto importante - e in fondo non si chiede moltissimo - mantenere le distanze, non stare in assembramenti di più di 15 persone e, dove non si riesce a spaziarsi, mettere la mascherina».

La polizia sarà impegnata nel farne rispettare l’obbligo. Quale sarà l’approccio?
«L'obiettivo non sarà certamente quello di multare, ma di sensibilizzare. Vorremmo essere più proattivi e anticipatori. Chiaramente se una pattuglia si trova davanti a duecento persone senza mascherina diventa un po' difficile intervenire. La polizia cercherà di anticipare gli assembramenti nei luoghi che conosciamo bene».

Su un fronte un po' più caldo, la Città ha appena deciso di rafforzare nel weekend i controlli di polizia, introducendo il divieto di portare oggetti pericolosi, come bottiglie di vetro, alla Foce. Sembrano quasi misure preventive da hooligan allo stadio...
«Il fatto è che come autorità siamo confrontati con due tipologie sociologiche che richiedono misure differenti. Ci sono i quarantenni e cinquantenni che hanno piacere di ritrovarsi in piazza e poi ci sono i "giovani della Foce", che la scorsa settimana erano tanti ma tutto sommato sono rimasti tranquilli. Sara una Pasqua, se non preoccupante, di grande attenzione da parte di tutti. Autorità e cittadini».

Che invito rivolge a turisti e residenti?
«Il mio invito è quello di goderci le belle giornate di sole che ci attendono. Ma rispettando chi, con buon diritto, può avere dei timori di tipo sanitario».

Foto Tio/20Minuti
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
12 ore
Sciopero delle donne, assedio al Castello
Slogan, manifesti e picnic. Le donne scendono in piazza contro la violenza di genere e parità salariale
GRIGIONI / CANTONE
13 ore
150 m3 di roccia sulla strada, Lucomagno chiuso a tempo indeterminato
Per ragioni di sicurezza bisognerà escludere il rischio di ulteriori smottamenti. Ma ci vorranno giorni.
CANTONE
13 ore
SUPSI: «Scuola a distanza anche dopo la pandemia»
È stato un 2020 complicato per l’Istituto superiore cantonale, che ha portato a un consuntivo 677mila franchi in rosso.
FOTO
MENDRISIO
14 ore
Mendrisio ha altre sei vie al femminile
L'inaugurazione è avvenuta oggi, a quarant'anni dalla votazione dell'articolo costituzionale sull'uguaglianza
CANTONE
18 ore
Un altro giorno senza decessi
Dall'inizio dell'emergenza, nel nostro cantone sono stati accertati 33'172 casi e 995 morti
CANTONE
23 ore
Le prostitute (vaccinate) non fanno il pienone
I postriboli in Ticino sono ancora mezzi vuoti. E fanno sconti alle ragazze che non riescono a pagare
CANTONE
23 ore
Allievi tutti in aula e quasi 170 quarantene di classe
È il bilancio dell'anno scolastico che in Ticino si conclude il prossimo 18 giugno
TICINO/GRIGIONI
1 gior
Mauro Gianetti turbato: «Questa foto fa venire i brividi»
Sassi sul Passo del Lucomagno, dove negli ultimi giorni è passato per ben due volte il Tour de Suisse.
CANTONE
1 gior
«Chiunque gioca sulle paure finisce per vincere»
Legge sul terrorismo, Paolo Bernasconi preoccupato: «Si rischia di arrivare a controllare perfino gli animalisti».
CANTONE
1 gior
Pensioni del Consiglio di Stato: «Si volta pagina»
La Legge sulla previdenza dei membri del Consiglio di Stato ha incassato il 52.1% di voti a favore
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile