TiPress - foto d'archivio
CANTONE
01.04.21 - 10:540

Il Cantone pensa ai diritti dei bambini

Al via il programma completamente rivolto ai minori. Particolare attenzione anche al tema “minorenni e psichiatria"

BELLINZONA - Promuovere il buon trattamento, proteggere da ogni forma di maltrattamento o abuso, prevenire tutte le forme di violenza, e migliorare la presa a carico delle situazioni vulnerabili o problematiche. In poche parole, garantire tutti i diritti del bambino sanciti nella Convenzione ONU. È questa la missione del "Programma cantonale di promozione dei diritti, di prevenzione della violenza e di protezione dei bambini e dei giovani" avviato dal canton Ticino.

Coinvolgerà bambini, giovani e famiglie
Il programma si articolerà attraverso la messa a punto di misure specifiche lungo quattro assi di sviluppo (promozione, prevenzione, rilevamento precoce e intervento) e in cinque contesti di riferimento (Famiglia, Scuola e Formazione, Spazio sociale, settore Amministrativo e Giudiziario, settore Socio-sanitario). Per la sua elaborazione è stata incaricata un’apposita direzione interdipartimentale presieduta dal magistrato dei minorenni Reto Medici e il cui coordinamento operativo è garantito dall’Ufficio del sostegno a enti e attività per le famiglie e i giovani. Il Programma cantonale cercherà di «identificare i bisogni del territorio, valorizzare le iniziative in atto, promuovere progetti innovativi, sensibilizzare la popolazione sui diritti dell’infanzia, favorire l’ascolto e la partecipazione di bambini, giovani e famiglie».

Un passo anche sul versante "minorenni e psichiatria"
Quali sono gli scopi? Il programma avrà tra le sfide principali il rafforzamento della partecipazione dei bambini e dei giovani alle decisioni che li riguardano, della promozione delle politiche giovanili, della prevenzione (attraverso il rinforzo della salute psicologica dei bambini e dei giovani) e della protezione dei minorenni, con particolare attenzione al tema “minorenni e psichiatria” (un argomento di cui abbiamo riferito proprio oggi), al rinforzo dei diritti di visita, delle competenze genitoriali, del sostegno a minori nella violenza domestica, delle prese a carico nei centri educativi per minorenni. 

 

Molti attori (e soldi) coinvolti
È un programma di cui le autorità vanno fiere, perché «se ci sono diversi Cantoni che hanno lanciato delle campagne di sensibilizzazione, sinora nessun Cantone ha avviato un vero e proprio programma cantonale che coinvolge Dipartimento della sanità e della socialità (DSS), Dipartimento delle Istituzioni (DI) e Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS)». Il programma ha una durata di quattro anni, dispone di un «budget significativo» e intende coinvolgere i Comuni, nonché l’insieme degli enti attivi sul territorio, le famiglie e i giovani.
Il Programma prende spunto dalla “Strategia cantonale di prevenzione della violenza che coinvolge i giovani (0 – 25 anni) per il periodo 2017 – 2020”, includendo i diversi insegnamenti tratti ma con una prospettiva innovativa estesa alla promozione dei diritti dell’infanzia. Si inserisce pienamente nel Programma di legislatura 2019-2023 (Azioni 28 e 29) potrà beneficiare di un budget di 450'000 franchi annui per quattro anni già a partire dal 2021 al fine di avviare ricerche e iniziative pilota.
Oltre a eventuali sostegni tramite il Programma cantonale, a seguito di una recente decisione del Consiglio federale, le organizzazioni che sensibilizzano sui diritti dell’infanzia gli operatori del settore della formazione e della formazione continua potranno beneficiare di eventuali contributi federali sino ad un massimo di 200'000 franchi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
16 min
Nez Rouge ti porta a casa, ma solo se hai il Covid Pass
«Faremo scontenti alcuni volontari e utenti, ma la sicurezza è fondamentale», così il presidente René Grossi.
LUGANO
1 ora
Condannato il cacciatore che uccise un amico
Durante una battuta di caccia, lo aveva scambiato per un cinghiale.
LUGANO
1 ora
Il cartello italiano dà fastidio
Il consigliere comunale Omar Wicht protesta per un cantiere "poco svizzero" a Lugano
CANTONE
2 ore
La prima notte sotto zero
MeteoSvizzera segnala pericolo di gelo a partire da mezzanotte nel Luganese
LUGANO
4 ore
Pandemia meno grave del previsto: gettito fiscale +12 milioni
Nonostante un aumento contenuto dei costi (+1,71%), il calo dei ricavi (-4,13%) influiscono sui conti della città.
POSCHIAVO (GR)
4 ore
Colpisce il muro e si capovolge, 19enne esce illeso dall'incidente
Il giovane, con la patente in prova, era alla guida in stato di inattitudine.
CANTONE
9 ore
Prime valutazioni per la civica a scuola
A due anni dall'entrata in vigore della modifica di legge, il Governo ha approvato il primo Rapporto di valutazione.
CANTONE
9 ore
In Ticino 25 nuovi contagi. I ricoverati restano 8
Attualmente due persone si trovano in cure intense a causa del Covid.
CANTONE
11 ore
Pochi funghi, 14 intossicati
Non è stata una stagione felice per gli appassionati in Ticino. Anche dal punto di vista sanitario. 
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
I tempi cambiano e il 162 va in pensione
Alla fine del mese verrà disattivato il bollettino meteo consultabile telefonicamente.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile