«Non staremo con le mani in mano e non resteremo in ostaggio di questa gente»
Ti-Press (archivio)
Marco Borradori all'aeroporto di Agno.
LUGANO
25.03.21 - 06:000

«Non staremo con le mani in mano e non resteremo in ostaggio di questa gente»

Molinari e facinorosi della Foce turbano il sonno di Marco Borradori? Il sindaco di Lugano ospite di Piazza Ticino.

Si ipotizza un potenziamento della presenza di poliziotti per le vie cittadine. E c'è chi pensa anche al coprifuoco. Preoccupazione per i prossimi weekend: l'appello. Guarda la video intervista integrale.

LUGANO - I molinari da una parte. I ribelli del sabato sera alla Foce dall'altra. Tempi duri per il sindaco di Lugano, Marco Borradori, ospite di piazzaticino.ch, la piazza virtuale di Tio/20Minuti. All'orizzonte oltre alle elezioni comunali del 18 aprile, si profila il rischio di possibili nuovi disordini in città. «In Municipio – evidenzia il sindaco – valuteremo se potenziare o meno il servizio di polizia. Una cosa è certa: non possiamo farci tenere in scacco da queste persone. Né dai molinari, né da chi lo scorso weekend si è comportato male alla Foce». 

Partiamo dai problemi alla Foce. Teme che possano ripetersi?
«Coi ragazzi della Foce sarebbe stato difficile fare previsioni. Si sono dati appuntamento via whatsapp, via social. Erano in 800. E la polizia è capitata lì in seguito a una segnalazione. Non potevamo sapere cosa sarebbe accaduto. Solo una parte di quei ragazzi si è comportata male. È chiaro che questo problema potrebbe ripresentarsi anche nelle prossime settimane visto che i locali sono chiusi a causa del Covid. E non serve a niente chiudere la Foce. Il disagio si sposterebbe altrove. Chiudere luoghi belli della nostra città per una minoranza scorretta non lo trovo giusto». 

Ipotizzabile un coprifuoco?
«È una possibilità che dovremmo valutare. A me non piace come soluzione». 

Passiamo al tema del Molino. Tutti si chiedono perché si è arrivati a uno sfratto senza presentare un'alternativa agli autogestiti?
«Non abbiamo dialogo con loro. E così è difficile trovare un punto d'incontro. Ci siamo stufati di questa situazione».

Non ha paura che possano accadere disordini simili a quelli verificatisi alla Foce?
«Si, ma non possiamo rimanere in ostaggio delle minacce altrui».

Anche i ragazzi della Foce vi tengono un po' in ostaggio. Prima creavano problemi alla pensilina...
«In generale non rimarremo con le mani in mano a livello di gestione dell'ordine pubblico».

A Lugano ci sono poliziotti che hanno paura di vestire la divisa attualmente...
«Lo capisco. Penso ai poliziotti intervenuti alla Foce. Hanno avuto sangue freddo».

I molinari vi hanno scritto "ci vedremo per le strade cittadine con bastoni e sassi".
«La mia esperienza personale coi molinari non è felicissima. Una volta uno di loro mi ha sputato in faccia. Peccato. Io al Molino ci andrei».

Fanno pure cose interessanti.
«Non lo metto in dubbio. Mi chiedo però perché guastare quanto fatto finora creando disordini».

A lei piace il concetto di autogestione?
«Non sono contrario all'autogestione. Ma servono alcune regole di convivenza. Ci fosse un minimo di collaborazione, la soluzione l'avremmo già trovata. Lo stesso principio vale per quanto riguarda la situazione verificatasi alla Foce». 

Sta per arrivare un altro weekend. Vuole fare un appello?
«Sì. Nel caso in cui dovesse ripresentarsi una situazione simile a quella di sabato sera alla Foce, mi piacerebbe che i ragazzi in gamba contribuissero a contenere coloro che causano disagi».

 GUARDA L'INTERVISTA VIDEO COMPLETA
 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
7 ore
L'obiettivo: ri-vaccinare trentamila anziani entro Natale
Ecco la tabella di marcia delle autorità sanitarie cantonali per la somministrazione del richiamo
CANTONE
10 ore
Mortale in pista: condanna confermata
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso contro la sentenza per l'omicidio colposo avvenuto all'aeroporto di Lodrino
BRISSAGO
11 ore
Un'intera scuola in quarantena
Le elementari in isolamento. Domani partono i test a tappeto: «Ma solo per chi vuole farli»
CANTONE
12 ore
Sono 25 i nuovi contagi in Ticino
Fortunatamente da oltre due settimane non si registrano vittime
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Casse malati: migliaia di franchi risparmiati con pochi trucchi
Mediamente i premi malattia per il 2022 sono scesi. Ma di fatto per molti aumenteranno, anche in modo marcato.
CANTONE
14 ore
I ticinesi pagheranno più cari i regali?
La carenza di materie prime preoccupa i negozianti. Federcommercio: «Situazione da non sottovalutare»
CANTONE
16 ore
Caro "cannone", a che prezzo sarai legale?
Settimana scorsa un nuovo sprint in avanti del Parlamento sulla via per la depenalizzazione della canapa.
CANTONE
16 ore
«Abbiamo dovuto nutrire le api o sarebbero morte»
Il presidente della Società Ticinese Apicoltori: «Possibile un aumento dei costi».
CANTONE
1 gior
«Mi sono aggrappata alla vita»
La vittima della sparatoria di Solduno prende la parola su Instagram
CANTONE
1 gior
«A rischio l'esistenza di molte aziende, mancano materie prime»
Le previsioni del direttore della Camera di commercio: «Speriamo che per l'estate prossima tutto si normalizzi, ma...»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile