Lugano ha il suo nuovo punto di incontro, non solo per universitari
Ti-Press (Pablo Gianinazzi)
+18
LUGANO
22.03.21 - 13:300
Aggiornamento : 16:11

Lugano ha il suo nuovo punto di incontro, non solo per universitari

È stato inaugurato questa mattina il Campus Est Usi-Supsi, alla presenza (anche) di Guy Parmelin

LUGANO - Dopo oltre dieci anni di lavoro è stato presentato oggi il nuovo Campus Est Usi-Supsi di Lugano-Viganello. «Una delle opere edilizie più importanti del nostro cantone, che rappresenta il futuro», stando alle parole di Franco Gervasoni, direttore generale della Supsi. Un'inaugurazione nello spirito della «speranza e della positività in attesa della vita che porteranno gli studenti», ha detto Monica Duca Widmer, presidente del Consiglio dell’Usi.

Questa mattina era presente anche un ospite speciale: il presidente della Confederazione Guy Parmelin. «Sono orgoglioso di essere con voi oggi. Questo Campus è il risultato tangibile di una collaborazione che ha ben funzionato - ha dichiarato -. L'inaugurazione ha un significato particolare in questo momento particolare. Rendo omaggio alla forza e alla perseveranza proverbiale del Ticino. Il nostro paese ha bisogno di una tale energia». Il capo del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) ha lodato il lavoro svolto e il futuro della formazione. «Rendiamo omaggio alle istituzioni formidabili. Il Ticino non è solo terra di artisti, ma di architetti, di innovazione e di formazione». 

Il Campus rafforzerà le sinergie tra USI e SUPSI. «Sarà un luogo di incontro, di istruzione, trasmissione del sapere e produzione di nuovo sapere a beneficio di tutti - ha aggiunto Duca Widmer -. È la sfida, vinta, di chi ha voluto che anche la Svizzera italiana diventasse protagonista dell'evoluzione culturale ed economica del paese».

L'idea iniziale, rivoluzionaria, la ebbe Mauro Dell'Ambrogio del 2004: mettere sotto lo stesso tetto Usi e Supsi. «Abbiamo impiegato 17 anni, ma ce l'abbiamo fatta», ha spiegato nel suo intervento Alberto Petruzzella, presidente del Consiglio della Supsi e del Comitato di pilotaggio del progetto campus. «Abbiamo ancora qualche problemino da risolvere prima di chiudere i due dossier - ha aggiunto -, ma la missione è quasi compiuta. Siamo riusciti a costruire quanto previsto con i soldi che ci sono stati dati».

Boas Erez, rettore dell’Usi, ha voluto sottolineare la relazione con il territorio. «Questo è un campus che ha una grandissima piazza al suo interno, ha quattro grandi porte. È un campus che si vuole aperto sulla città - ha spiegato -. È nostra speranza che la cittadinanza venga a trovarci». Il sindaco di Lugano, Marco Borradori, ha dato seguito all'invito: «Il 2 ottobre 2017 c'è stata la posa della prima pietra - ha ricordato -. C'era un vuoto e ora c'è un pieno, con tante aspettative e speranze. Il campus è un polo di eccellenza in cui Usi e Supsi sono riuscite a collaborare in modo proficuo ed efficace fatto di dialogo e ascolto. La città universitaria cresce e fiorisce nel centro di Lugano». Per il sindaco «il campus sarà centro di collegamento e il fiume diventerà il punto focale, quasi la cerniera della città. La corte è un nuovo spazio, un simbolo di Lugano». 

Anche Manuele Bertoli, direttore del DECS, era presente all'inaugurazione. «L'apertura di questo luogo è un segno importante che il Ticino ha deciso di lasciare sul suo territorio, uno spazio pubblico rilevante votato al futuro e alla formazione - ha detto dal canto suo -. Che sia polo di formazione, ricerca, sviluppo e trasferimento di sapere».

Il consigliere federale non ha risparmiato qualche parola anche sul momento particolare: «Sono cosciente che la situazione attuale è molto pesante per tutti voi. Purtroppo la situazione straordinaria che stiamo vivendo richiede misure altrettanto straordinarie e le autorità sono obbligate a prendere decisioni a volte difficili da accettare. Avete tutta la mia comprensione - ha aggiunto -. Se da un lato possiamo considerarci privilegiati perché disponiamo di tecnologie moderne e mezzi all'avanguardia, capisco che tutto ciò non può sostituire i contatti personali, le discussioni nelle aule di lezioni, i laboratori e lo scambio di opinioni. Tutte cose che fanno parte della vita di studenti e ricercatori. Questo nuovo campus vi aspetta, per permettervi di imparare, confrontarvi e crescere».

Parmelin ha infine firmato il "libro d'onore", prima di recarsi all'esterno per il consueto taglio del nastro.

Ti-Press (Pablo Gianinazzi)
Guarda tutte le 22 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
13 ore
L'obiettivo: ri-vaccinare trentamila anziani entro Natale
Ecco la tabella di marcia delle autorità sanitarie cantonali per la somministrazione del richiamo
CANTONE
16 ore
Mortale in pista: condanna confermata
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso contro la sentenza per l'omicidio colposo avvenuto all'aeroporto di Lodrino
BRISSAGO
17 ore
Un'intera scuola in quarantena
Le elementari in isolamento. Domani partono i test a tappeto: «Ma solo per chi vuole farli»
CANTONE
19 ore
Sono 25 i nuovi contagi in Ticino
Fortunatamente da oltre due settimane non si registrano vittime
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
Casse malati: migliaia di franchi risparmiati con pochi trucchi
Mediamente i premi malattia per il 2022 sono scesi. Ma di fatto per molti aumenteranno, anche in modo marcato.
CANTONE
21 ore
I ticinesi pagheranno più cari i regali?
La carenza di materie prime preoccupa i negozianti. Federcommercio: «Situazione da non sottovalutare»
CANTONE
23 ore
Caro "cannone", a che prezzo sarai legale?
Settimana scorsa un nuovo sprint in avanti del Parlamento sulla via per la depenalizzazione della canapa.
CANTONE
23 ore
«Abbiamo dovuto nutrire le api o sarebbero morte»
Il presidente della Società Ticinese Apicoltori: «Possibile un aumento dei costi».
CANTONE
1 gior
«Mi sono aggrappata alla vita»
La vittima della sparatoria di Solduno prende la parola su Instagram
CANTONE
1 gior
«A rischio l'esistenza di molte aziende, mancano materie prime»
Le previsioni del direttore della Camera di commercio: «Speriamo che per l'estate prossima tutto si normalizzi, ma...»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile