GiovenùSocialista
BELLINZONA
08.03.21 - 21:450
Aggiornamento : 09.03.21 - 07:01

Uno striscione sul castello: «Non siamo nel medioevo»

L'azione (non autorizzata) sulle mura di Castelgrande. Nella giornata della donna i giovani socialisti alzano i toni

BELLINZONA - «Non siamo più nel medioevo». Uno striscione barricadero, poco galante e poco gentile, quello comparso questa sera tra le guglie di Castelgrande tra gli sguardi dei passanti.

Nella festa delle mimose e della galanteria una tantum, lo slogan scelto da un gruppo di giovani attivisti della GiSo richiama lo spirito più battagliero della giornata della donna. L'azione, scattata intorno alle 19, vuole «attirare l'attenzione sulle grandi disparità e sulle ingiustizie che purtroppo contraddistinguono ancora la nostra società» spiegano gli organizzatori. 

Il grande telo di una decina di metri ha fatto sfoggio di sé tra i merli (medievalissimi) della rocca per un'ora circa, visibile da Piazza del Sole e dalla Collegiata. Poi è stato rimosso, anche perché la contestazione non è stata concordata - ammettono gli organizzatori - con il Comune. «Si tratta di una contestazione simbolica, non abbiamo fatto credo nulla di male» commenta Yannick Demaria, membro del Comitato della Gioventù Socialista. «Con questo gesto abbiamo voluto ricordare che ancora oggi le donne devono combattere per salvaguardare i propri diritti, per avere le stesse opportunità degli uomini». 

Il «medioevo» citato nello striscione è quello «che si incontra ancora nel mondo del lavoro, nella politica ma soprattutto nella vita di tutti i giorni» continua De Maria. Per la GiSo «non è accettabile che ogni giorno ancora moltissime donne subiscano discriminazioni oltraggiose, nella società moderna» aggiunge Laura Guscetti. 

Uno spirito di contestazione che è stato stampato, nero su bianco, in una serie di adesivi distribuiti dalla GiSo contestualmente all'azione: «Tenetevi i vostri fiori!» recitano. «Non ci faranno stare zitte». Il piccolo "assalto" alle mura di Castelgrande di oggi ne è la prova. 

GiovenùSocialista
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MANNO/ LOCARNO
2 ore
Ecco perché questi studenti non si vaccinano
Alla SUPSI è in corso una rivolta silenziosa. Una raccolta firme contro il Certificato Covid. Le voci dei protagonisti.
LUGANO
3 ore
Stragi, killer e vite blindate (e non): parla Michele Santoro
Il famoso giornalista italiano sarà ospite questa sera all'Endorfine Festival di Lugano. Lo abbiamo intervistato.
CANTONE
13 ore
Vaccinazione, future mamme preoccupate
L'Eoc è confrontato con i dubbi delle donne in dolce attesa. Il primario Papadia fa chiarezza
LUGANO
14 ore
Un centro tamponi nel parcheggio del Casinò
La casa da gioco offre la possibilità di effettuare un test a tutti i suoi clienti che non dispongono del certificato.
CANTONE
17 ore
Le 24 misure del PS per trasformare il Ticino
Il progetto intende contribuire a costruire un Cantone «inclusivo, sostenibile e accogliente».
CANTONE
17 ore
Città Ticino si scopre "Sfittopoli": urge ricontare
La situazione dello sfitto nei centri appariva drammatica, invece è tragica
FOTO
MENDRISIO
18 ore
Il giallo diventa più verde
L’organizzazione di recapito del Mendrisiotto è la prima in Ticino ad avvalersi di veicoli completamente elettrici.
CANTONE
21 ore
L'elettricità di 150'000 famiglie per il secondo tubo del San Gottardo
L'energia necessaria per la realizzazione del traforo sarà fornita da un consorzio che unisce AET ed EWA-energieuri
CANTONE
22 ore
L'intelligenza artificiale che tiene sotto controllo il cuore
Ecco un progetto “made in Ticino” pensato per i pazienti affetti da disturbo del ritmo cardiaco su base genetica
CANTONE
23 ore
Covid in Ticino: 21 nuovi casi, stabili i ricoverati
Non si contano nuove vittime della malattia. Sette le classi tuttora in quarantena.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile