keystone/tipress
CANTONE
03.03.21 - 18:540
Aggiornamento : 22:44

«Se le cifre crescono ancora dovremo preoccuparci»

L'infettivologo Christian Garzoni sulla crescita dei positivi in Ticino: «Un'oscillazione da tenere d'occhio».

Pesa la variante inglese: «Virus "appiccicoso". Guardiamo questi numeri con attenzione».

LUGANO - Lunedì erano 28, martedì 44, mercoledì 72. Sale il numero dei positivi in Ticino che, sulle 24 ore, non era così elevato dal 5 di febbraio scorso.

«Conosciamo le oscillazioni di questa pandemia e per il momento non griderei al lupo», sottolinea, interpellato, l'infettivologo Christian Garzoni, direttore sanitario della Clinica Luganese di Moncucco. «Chiaro - precisa -, dobbiamo andare avanti nel prestare attenzione. Abbiamo visto come un rilassamento eccessivo possa rivelarsi altamente pericoloso, vedi la vicina Lombardia e l'evidente aumento di casi. Tuttavia non cambierei nulla nella strategia e nella valutazione del Consiglio federale».

Il peso del ruolo delle forme mutate del virus resta evidente: «Ad oggi in Ticino oltre la metà dei casi corrisponde alla variante inglese. Abbiamo un virus più "appiccicoso". Quindi questi numeri vanno guardati con molto rispetto. Se questo aumento si dovesse confermare nei prossimi giorni avremo un problema».

Dall'altro canto allevia le preoccupazioni la persistente assenza di nuove vittime: «Un dato estremamente positivo. A dimostrazione dell'efficacia del vaccino nella diminuzione dei casi gravi vi è l'esperienza delle case di cura. Non abbiamo avuto più ricoverati provenienti dalle strutture per anziani. Quindi dobbiamo procedere spediti con le vaccinazioni su tutta la popolazione, come si sta facendo».

Sugli allenamenti ulteriori proposti oggi dal Nazionale, Garzoni invita a un approccio critico: «Le chiusure vanno mantenute per il periodo più breve possibile, questo di principio. Però l'estrema prudenza è d'obbligo. La situazione, d'altro canto, è difficilmente prevedibile. Abbiamo visto infatti che, nonostante le chiusure, i casi stanno stagnando e si è diffusa la variante inglese. Guardiamo fuori dai nostri confini per capire dove possono portare delle riaperture incontrollate. Quindi aprire sì, ma con la testa. E in questo senso il Governo federale credo stia facendo un ottimo lavoro». 

TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
Demolizione dell'ex Macello? Se ne parlava già a marzo
Nell'inchiesta sui fatti avvenuti a fine maggio spuntano alcune mail in cui si ipotizzava l'intervento
CANTONE
4 ore
«Sabato pomeriggio potrebbero essere violenti»
Avviso di maltempo per il weekend, preoccupa la situazione idrologica e sono in arrivo altri temporali.
FOTO
TENERO
5 ore
Sbaglia manovra e termina contro un muro, ferita una donna
L'incidente si è verificato nel posteggio di un supermercato.
FOTO
CANTONE
10 ore
Le faggete valmaggesi sono Patrimonio mondiale dell'Unesco
La riserva ticinese è stata ufficialmente iscritta nell lista, assieme a quella solettese di Bettlachstock
LUGANO
11 ore
La causa del crollo? «Probabilmente un difetto di progettazione»
Secondo un esperto, a causare il crollo della pensilina del benzinaio Coop di Noranco non sarebbe stata solo la pioggia.
CANTONE
11 ore
Coronavirus: prima morte dopo due mesi in Ticino
I casi sono 42 mentre i ricoverati sono 9 in tutto.
MENDRISIO
12 ore
Le frane sono due, Ferrovia del Generoso chiusa anche domani
Entrambi gli smottamenti sono avvenuti fra le stazioni di San Nicolao e Bellavista.
CANTONE
13 ore
«Per gli inquilini è un buon momento per tirare sul prezzo»
A Lugano appartamenti sfitti, in media, per due mesi. I padroni di casa non sono contenti
LUGANO
15 ore
L'arte ti fa bella, ecco come rendere originale una città
Oggi in pensione, Stefan Ferretti è stato per anni tra i creatori delle installazioni artistiche che animano Lugano
CANTONE
15 ore
La pandemia non spaventa gli amanti della Grecia
Poche o nulle le lamentele. Lo stesso per le cancellazioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile