keystone/tipress
CANTONE
03.03.21 - 18:540
Aggiornamento : 22:44

«Se le cifre crescono ancora dovremo preoccuparci»

L'infettivologo Christian Garzoni sulla crescita dei positivi in Ticino: «Un'oscillazione da tenere d'occhio».

Pesa la variante inglese: «Virus "appiccicoso". Guardiamo questi numeri con attenzione».

LUGANO - Lunedì erano 28, martedì 44, mercoledì 72. Sale il numero dei positivi in Ticino che, sulle 24 ore, non era così elevato dal 5 di febbraio scorso.

«Conosciamo le oscillazioni di questa pandemia e per il momento non griderei al lupo», sottolinea, interpellato, l'infettivologo Christian Garzoni, direttore sanitario della Clinica Luganese di Moncucco. «Chiaro - precisa -, dobbiamo andare avanti nel prestare attenzione. Abbiamo visto come un rilassamento eccessivo possa rivelarsi altamente pericoloso, vedi la vicina Lombardia e l'evidente aumento di casi. Tuttavia non cambierei nulla nella strategia e nella valutazione del Consiglio federale».

Il peso del ruolo delle forme mutate del virus resta evidente: «Ad oggi in Ticino oltre la metà dei casi corrisponde alla variante inglese. Abbiamo un virus più "appiccicoso". Quindi questi numeri vanno guardati con molto rispetto. Se questo aumento si dovesse confermare nei prossimi giorni avremo un problema».

Dall'altro canto allevia le preoccupazioni la persistente assenza di nuove vittime: «Un dato estremamente positivo. A dimostrazione dell'efficacia del vaccino nella diminuzione dei casi gravi vi è l'esperienza delle case di cura. Non abbiamo avuto più ricoverati provenienti dalle strutture per anziani. Quindi dobbiamo procedere spediti con le vaccinazioni su tutta la popolazione, come si sta facendo».

Sugli allenamenti ulteriori proposti oggi dal Nazionale, Garzoni invita a un approccio critico: «Le chiusure vanno mantenute per il periodo più breve possibile, questo di principio. Però l'estrema prudenza è d'obbligo. La situazione, d'altro canto, è difficilmente prevedibile. Abbiamo visto infatti che, nonostante le chiusure, i casi stanno stagnando e si è diffusa la variante inglese. Guardiamo fuori dai nostri confini per capire dove possono portare delle riaperture incontrollate. Quindi aprire sì, ma con la testa. E in questo senso il Governo federale credo stia facendo un ottimo lavoro». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
5 ore
Ticinesi pazzi per la sella: «Ne vendiamo tre tonnellate al mese»
La sella di capriolo è uno dei piatti maggiormente in voga in questo periodo dell’anno. E i numeri lo confermano.
TENERO
7 ore
In spiaggia anche in inverno
Ripartire da una disavventura? Capita al bagno pubblico, colpito pesantemente dal maltempo lo scorso luglio.
LUGANO
9 ore
Tassisti aggrediti dal branco
Un pestaggio è avvenuto sabato notte in Via Pretorio: due persone sono rimaste lievemente ferite.
MENDRISIO
10 ore
Colpo di scena: Ligornetto riapre al traffico in transito
La misura non potrà essere attuata, fintanto che il TF non si sarà espresso sull'effetto sospensivo richiesto da Stabio
LOCARNO
11 ore
Un nuovo futuro per il Grand Hotel Locarno
L'edificio costruito fra il 1874 e il 1876 diverrà una moderna struttura alberghiera.
LUGANO
13 ore
«I contrari non hanno capito un tubo»
Il Municipio di Lugano dice la sua nella campagna sul Polo Sportivo. Sparando a zero sugli oppositori
CANTONE
15 ore
In Ticino altri 20 contagi
Aumentano leggermente i nuovi positivi. Il bollettino del medico cantonale
LUGANO
17 ore
Aeroplanini attorno al carcere
Gli appassionati di modellismo aereo entrano in "rotta di collisione" con la Stampa. È già successo un incidente
CONFINE
18 ore
Da Amsterdam a Milano con 5 kg di fumo
Un 57enne è stato fermato al valico di Brogeda grazie al fiuto del cane "Anima".
CANTONE
19 ore
«Duecento invitati, come un matrimonio etero»
A un mese dal referendum, in Ticino le coppie gay si preparano a un'estate di matrimoni. Ma servirà pazienza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile