TiPress - foto d'archivio
CANTONE
22.02.21 - 12:240
Aggiornamento : 17:54

Frontalieri da “zone rosse”: «La responsabilità è delle aziende»

Gli eventuali controlli per i lavoratori provenienti da Re e da Viggiù spettano ai datori di lavoro, secondo Norman Gobbi

Il presidente del Consiglio di Stato sugli allentamenti: «Berna riceverà pressioni non solo dai Cantoni, ma anche dall'esterno. C'è speranza che cambi idea».

BELLINZONA - «Non vi saranno problemi per i frontalieri». Così si erano espressi ieri il sindaco di Re - in ”zona rossa” da sabato sera - e il coordinatore dei frontalieri in merito ai lavoratori proveniente dal paese della valle Vigezzo e da Viggiù (Varese), colpito dalla variante scozzese. Una conferma  arriva questa mattina da Norman Gobbi, che ai microfoni di Radio Ticino ha puntualizzato: «È l'azienda per cui lavorano ad avere la responsabilità di vigilare. Immagino che nessuna di loro voglia problemi all'interno... quindi chiederanno ai loro dipendenti di restare a casa o faranno dei test per depistare gli eventuali contagi. Chi impiega lavoratori frontalieri è anche responsabile di questo. La sicurezza in questi casi è di loro competenza».

Berna potrebbe ascoltare i Cantoni sugli allentamenti
E sempre ieri il Governo ticinese ha preso posizione nei confronti dei ”prudenti” allentamenti messi in consultazione da Berna. Chiedendo che le tappe sulle riaperture siano «meno prudenti, più ravvicinate nel tempo e definite sin d'ora anche oltre il 1. aprile». Una richiesta in linea con quella di altri cantoni, soprattutto per quanto riguarda la ripartenza della ristorazione, della cultura e dello sport. Ma quante possibilità ci sono che il Consiglio federale ascolti le richieste? «In questo momento il Consiglio federale ha pressioni sia dai Cantoni sia dall’esterno - ha dichiarato il presidente del Consiglio di Stato al "Marghe & Chiello Show" -. Ad esempio in Italia oggi hanno più libertà. Anche la Germania procederà il 7 marzo con i primi allentamenti. C’è una pressione esterna che potrà aiutare» a fare cambiare idea a Berna.

E sui vaccini...
In Ticino, assicura ancora Gobbi, «la campagna di vaccinazione sta andando avanti». Domani mattina è previsto un incontro con la stampa per aggiornare la popolazione sull'andamento e i prossimi passi (sarà possibile seguire la conferenza stampa in live su Tio.ch). «Nonostante i ritardi, l'efficacia si vede nella diminuzione della pressione sugli ospedali e del numero di decessi». Che dire dell'eventualitÀ di un passaporto vaccinale? «Penso che sarà uno dei grandi temi della primavera e dell'estate», conclude il presidente del Consiglio di Stato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
18 min
Colpo di spugna alla Santa Chiara: disdetta all'ex direttrice e altri 3 medici
Tre allontanati con effetto immediato. Il quarto dovrà lasciare a fine anno. Contestate loro gravi manchevolezze
Massagno
18 min
Per Elisa ci vogliono 18 milioni
L'edificio ha un valore di stima peritale di 18 milioni e mezzo
CANTONE
14 ore
L'obiettivo: ri-vaccinare trentamila anziani entro Natale
Ecco la tabella di marcia delle autorità sanitarie cantonali per la somministrazione del richiamo
CANTONE
17 ore
Mortale in pista: condanna confermata
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso contro la sentenza per l'omicidio colposo avvenuto all'aeroporto di Lodrino
BRISSAGO
18 ore
Un'intera scuola in quarantena
Le elementari in isolamento. Domani partono i test a tappeto: «Ma solo per chi vuole farli»
CANTONE
20 ore
Sono 25 i nuovi contagi in Ticino
Fortunatamente da oltre due settimane non si registrano vittime
CANTONE / SVIZZERA
20 ore
Casse malati: migliaia di franchi risparmiati con pochi trucchi
Mediamente i premi malattia per il 2022 sono scesi. Ma di fatto per molti aumenteranno, anche in modo marcato.
CANTONE
22 ore
I ticinesi pagheranno più cari i regali?
La carenza di materie prime preoccupa i negozianti. Federcommercio: «Situazione da non sottovalutare»
CANTONE
1 gior
Caro "cannone", a che prezzo sarai legale?
Settimana scorsa un nuovo sprint in avanti del Parlamento sulla via per la depenalizzazione della canapa.
CANTONE
1 gior
«Abbiamo dovuto nutrire le api o sarebbero morte»
Il presidente della Società Ticinese Apicoltori: «Possibile un aumento dei costi».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile