TiPress - foto d'archivio
LUGANO
16.02.21 - 12:440
Aggiornamento : 13:16

Non è scuola, ma anche i servizi extra sono importanti

Interpellanza al Municipio di Raoul Ghisletta, Edoardo Cappelletti, Beatrice Reimann

LUGANO - L’importanza dei servizi extrascolastici per la conciliazione famiglia-lavoro è innegabile. Sono moltissimi i bambini che ne beneficiano. Ma a Lugano serve (ancora) che siano «capillari e pubblici e che si articolino in tutte le sedi scolastiche durante tutto l’anno, anche durante le settimane di chiusura delle scuole». Ne sono convinti Raoul Ghisletta, Edoardo Cappelletti e Beatrice Reimann che hanno inoltrato un'interpellanza al Municipio.

Dall'Esecutivo cittadino vogliono sapere quando intenda far riconoscere i servizi extrascolastici comunali dal Cantone. Inoltre, i consiglieri comunali riprendono un'informazione del Caffè, secondo qui i bambini della sede scolastica di Cassarate che vanno in mensa sarebbero invitati a pregare prima dell’inizio del pranzo. «Come intende il Municipio garantire la laicità dei servizi e la libertà di credo degli utenti?», domandano.

Ma puntano pure il dito contro la direttrice della Divisione socialità, che avrebbe condiviso sui suoi profili linkedin e FB un invito a partecipare alle porte aperte di una scuola privata locale. «È da intendersi come una critica indiretta al funzionamento delle scuole comunali o come un’ammissione di carenze nell’organizzazione dei servizi extrascolastici comunali?».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Boh! 5 mesi fa su tio
I genitori educano, la scuola istruisce. Mettere al mondo un figlio comporta delle responsabilità che non possono essere semplicemente delegate allo stato e alla società.
lollo68 5 mesi fa su tio
A dipendenza di dove uno abita questi servizi non esistono nemmeno. Mio figlio ha due ore di pausa sul mezzogiorno che si riducono a mezz'ora a causa degli orari dei mezzi pubblici. Dovrei pagare la mensa perché i trasporti pubblici sono mal organizzati. Inoltre la sua cartella giovedì pomeriggio pesa già 6 Kg, se dovesse prendere il materiale per tutto il giorno avrebbe problemi di mal di schiena visto che mio figlio pesa 33 Kg.
F/A-19 5 mesi fa su tio
@lollo68 Io in magazzino ho delle belle carriole da muratore, posso anche regalartene una....., fatti sentire, ciao.
Duca72 5 mesi fa su tio
Se un genitore restasse a casa a pensare ai figli non ci sarebbe più disoccupazione ma una redistribuzione dei capitali. Oggi non si lavora solo per necessità ma anche perché alcune volte è più semplice e perché non ci si sa’ accontentare e si ha la necessità di consumare per sentirsi realizzati.
Volpino. 5 mesi fa su tio
L'educazione dei figli spetta in primis ai genitori. I bambini non sono delle bambole o dei pacchi postali da lasciare a destra e a sinistra.
Galium 5 mesi fa su tio
@Volpino. Ma anche la Stato ha i suoi doveri, specialmente quando i genitori sono impediti, per una ragione o per l'altra.
Volpino. 5 mesi fa su tio
@Galium Già, ma più che fare da baby-sitter per concedersi la macchina di lusso, la villetta o le vacanze ai Bahamas quando i genitori non sono in grado di provvedere al bene del bambino.
Tzozjlred 5 mesi fa su tio
@Volpino. Sono d accordo C'è troppa ostentazione anche nelle famiglie con bambini. Non tutte ma un buon numero....
Mauz 5 mesi fa su tio
È innegabile che nelle famiglie del giorno d’oggi debbano lavorare entrambi i genitori. Andrebbe però fatta una piccola riflessione sul motivo. Un conto è il non riuscire a sbarcare il lunario (e purtroppo sono molte le famiglie che arrancano, visto le esigenze e stili di vita radicalmente cambiati rispetto al passato), ma è anche vero che spesso andrebbero ricalibrati tutti gli extra (vacanze più volte all’anno, seconda macchina, ...). Non annullati, chiaramente, ma rivisti. Non vorrei essere fraintesa ma bisogna anche riuscire a trovare una conciliazione tra lavoro e famiglia che non debba esclusivamente dipendere da servizi esterni. L’accento andrebbe messo sulla famiglia e non su ipotetici servizi che si prendono a carico i figli. In famiglia vanno divisi compiti e doveri. Ci sono due genitori che possono intercalarsi sul lavoro e sulla famiglia, ma spesso è ancora la mamma a doversi sobbarcare lavoro e famiglia, con un papà che lavora sempre al 100%. È innegabile che il salario del papà e maggiore rispetto a quello della mamma. Ma anche qui andrebbero fatti passi avanti. Altrimenti di questo passo si metteranno al mondo figli e poi andranno creati alberghi dove piazzarli 7 giorni su 7 e all’occorrenza, se si avrà tempo ed energie, si andrà a trovarli di tanto in tanto. Mettere al mondo un figlio richiede molta più pianificazione rispetto al passato. Sperare che qualche servizio si occuperà dei propri figli e li crescerà, non è il modo giusto di vedere le cose. Questa pandemia ha ben evidenziato la fragilità dei sistemi famigliari e il discorso è ben più complesso della semplice mancanza di servizi.
Galium 5 mesi fa su tio
@Mauz Certamente il discorso è molto complesso, ma in ogni caso bisogna ammettere che i servizi, soprattutto in certe situazioni delicate, aiutano, e non poco. Pertanto l'interpellanza va nella giusta direzione.
TOP NEWS Ticino
CANTONE
7 ore
«Ambasciatrice del Ticino? Un sogno che si avvera»
Michelle Hunziker ha visitato Bellinzona, Lugano, Ascona e il Mendrisiotto
CANTONE
13 ore
«Che emozione girare per le strade di Lugano»
Ultima tappa del tour svizzero della testimonial dell'ente turistico nazionale
CANTONE
15 ore
Dal Covid-19 alla parità di genere: le sfide del cinema svizzero
L'intervento del ministro della cultura Alain Berset nell'ambito del Locarno Film Festival
CANTONE
15 ore
Altri 31 contagi e un ricoverato in più
Le strutture sanitarie cantonali accolgono undici pazienti.
CANTONE / SVIZZERA
16 ore
Aumentano ancora i frontalieri
A fine giugno, in Ticino i lavoratori provenienti dall'Italia erano 71'586.
LUGANO
18 ore
Pericolo di piena per il Ceresio
L'allerta di livello 3 (pericolo marcato) resterà in vigore fino alle 12 di domani
CANTONE
19 ore
«Il settore turistico deve osare di più»
Anche quest'anno gli alberghi ticinesi stanno facendo il pieno di ospiti, registrando un +27,4% rispetto al 2019
LOCARNO
1 gior
Excellence Award a Laetitia Casta: «Se un film lo scegli con il cuore, non puoi sbagliare»
L'attrice è stata premiata nel corso della serata di apertura della 74a edizione del Locarno Film Festival.
LOCARNO
1 gior
Berset apre il Locarno Film Festival
«Questa estate il cinema contribuirà a eliminare la pandemia dalla superficie dei nostri pensieri».
CANTONE
1 gior
«È diventata la pandemia dei non vaccinati»
I primi dodicenni sono stati vaccinati anche in Ticino. Ma serve farlo? Lo abbiamo chiesto all’esperto Alessandro Diana.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile