Ated
LUGANO
11.02.21 - 11:300
Aggiornamento : 13:30

Identità elettronica, come funziona?

Un dibattito pubblico (online) per capire i contenuti della prossima votazione popolare in programma per il 7 di marzo.

L'appuntamento è per il 24 febbraio dalle ore 19.30 alle ore 20.30.

LUGANO - Nella vita di tutti i giorni ci siamo ormai abituati a usare internet per acquistare beni e servizi di ogni genere. Solo che nel mondo digitale è complicato fornire una prova univoca e sicura dell’identità, come avviene nel mondo fisico, dove basta esibire carta d’identità e passaporto, per rendere immediato il nostro riconoscimento. Per tale motivo, occorre dotare anche il mondo digitale di una prova elettronica dell’identità, la cosiddetta "eID” (ovvero, identità elettronica).

Proprio in queste settimane cresce l’interesse su questo tema anche e soprattutto in vista della prossima consultazione popolare in programma per il 7 marzo 2021 (Legge Federale sui servizi di identificazione elettronica, ovvero la cosiddetta Legge sull’Ie, LSIe-FF 2019 5419).

Si tratta di un passaggio obbligato e previsto, che si colloca a seguito dell’approvazione da parte del Parlamento della Legge Federale sui servizi di identificazione elettronica nel settembre del 2019, come è spiegato nel sito del Consiglio Federale e nel video a questo link

«Come associazione che promuovere il digitale al servizio del cittadino e del territorio, siamo in prima linea per avviare un dibattito serio e informato sul tema - commenta Cristina Giotto, Direttore e membro di Comitato di ated-ICT Ticino. Poter affrontare in modo chiaro e comprensibile per tutti i contenuti della prossima votazione popolare in programma per il 7 di marzo relativo all’identificazione elettronica ci sembra perfettamente in linea con la nostra missione istituzionale di alfabetizzazione digitale. Porteremo casi ed esperienze di livello internazionale per capire come un’identità digitale possa semplificare tutte le tutte le operazioni burocratiche, che diventeranno più facili, immediate e pratiche. Il tutto a portata di pochi clic sia su supporti come i computer domestici sia su tablet e cellulari, che ormai sono di utilizzo più che quotidiano per tutti noi. In sintesi, le persone fisiche, ovvero tutti i cittadini, potranno registrarsi sui portali internet privati e pubblici per accedervi in ogni momento in modo sicuro e agevole. Il cosiddetto “eID” faciliterà i contatti con le autorità che sempre più spesso offrono i propri servizi anche mediante “sportelli virtuali”. E in futuro, le applicazioni dell’e-government potrebbero essere utilizzate completamente in rete, come anche i servizi legati alla salute (e-health), che potranno essere integrati ed emessi secondo la legge del 19 giugno 2015».

«Anche se la realizzazione tecnica della soluzione identificata potrà affidata a terzi (ovvero aziende private, Comuni e Cantoni), va precisato che la Confederazione ne risulterà il solo garante. Oltre a ciò, attraverso l’istituzione di un organo di vigilanza (la Commissione federale delle Ie, COMIe) la Confederazione assicurerà un’offerta sicura, diversificata ed economicamente accessibile di servizi di identificazione – continua Rocco Talleri, Fondatore dello Studio Talleri Law e CoFondatore di Associazione Privacy Ticino. Dobbiamo essere consci che la protezione dei dati è accresciuta, andando ben i requisiti imposti dalla legge sulla protezione dei dati. Questo significa che nessun dato sarà, infatti, fornito senza il consenso dei titolari dell’Identificazione elettronica e le informazioni ottenute potranno essere usate solo in questo ambito d’identificazione. Inoltre, solo i dati necessari alla transazione (per esempio se l’utilizzatore è maggiorenne o meno) saranno forniti e non tutti quelli disponibili sull’Identità elettronica. Infine, va anche sottolineato che nessuno sarà obbligato ad avere un’identificazione elettronica se non la desidera».

Proprio per comprendere i come si potrà utilizzare una soluzione di identità elettronica è in programma per il prossimo 24 febbraio dalle ore 19.30 alle ore 20.30 un dibattito pubblico, promosso da ated-ICT Ticino, dal titolo: “Identità elettronica: cos’è e come funziona l’eID?”.

Parteciperanno all’appuntamento: Fabio Regazzi, Presidente USAM e Membro del Consiglio Nazionale, Norman Gobbi, Presidente del Consiglio di Stato, Daniel Seiler, Vice-capo, Ufficio dell’Inviato speciale per la politica estera e di sicurezza in ambito cyber, l’Avvocato Rocco Talleri, Studio Talleri Law e co-Fondatore di Associazione Privacy Ticino, Edoardo Montenegro, Consulente e Founder di società digitali, in collegamento da Copenaghen (Danimarca).

Il dibattito è aperto a tutti e sarà accessibile sui canali Youtube e Facebook di ated ICT Ticino, come iniziativa di https://solidarietadigitaleated.ch.

TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
3 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
11 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
CANTONE
13 ore
«Sta fallendo più di un ristorante su cento»
I dati del Registro di commercio confermano una triste tendenza. Per Arioldi (Ire) il peggio potrebbe ancora venire
FOTO
CHIASSO
16 ore
Sassaiola contro la palestra di arti marziali
Presa di mira la porta d'ingresso dello stabile in via Vincenzo d'Alberti. Accertamenti in corso da parte della polizia.
CANTONE
19 ore
Quante aziende hanno chiuso in Ticino?
Meno del solito, nell'ultimo trimestre del 2020. L'indagine dell'USI
CANTONE
22 ore
Mascherine trasparenti a scuola per leggere il labiale
Permettono di vedere la bocca, ma anche di "leggere" le emozioni della persona che le indossa
CANTONE / SVIZZERA
22 ore
Premiati gli scatti sul Covid-19 di Pablo Gianinazzi
Il fotografo ticinese è tra i sei vincitori dello "Swiss Press Photo 2021".
CANTONE
23 ore
78 nuovi casi di Coronavirus in Ticino, nessun decesso
I nuovi ricoveri sono invece 7, mentre 7 persone hanno potuto lasciare le strutture ospedaliere.
CANTONE
1 gior
Vini all'asta per 37mila franchi: «Imbevibili»
Le bottiglie di Bordeaux messe all'incanto dal Cantone il 24 marzo sono andati a male, secondo uno degli acquirenti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile