tipress (archivio)
CANTONE
08.02.21 - 14:170

Gobbi: «Supporto e sopportazione vengono meno. La gente vuole libertà»

Da qui l'intenzione del Governo di scrivere a Berna. «Arrivano le vacanze e la primavera. Cresce la voglia di uscire».

Qualcosa in vista per le attività all'aria aperta: «Pensiamo alle piste da sci. Ma ancora non c'è niente di sicuro».

BELLINZONA - Allentamenti in vista? Per il momento non se ne parla. Indiscrezioni in tal senso sono state avanzate domenica dai giornali d'oltre Gottardo e lo conferma, suo malgrado, anche il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi. «Sembra che il Consiglio federale non abbia in previsione delle riaperture o degli allentamenti già con il primo di marzo, ma ci sarebbe piuttosto l'intenzione di spostarle più in avanti nel tempo», ammette ai microfoni di Radio Ticino.

Il fatto che, in questo senso, non siano stati considerati i dati dei cantoni virtuosi fa storcere il naso a Gobbi: «Voler continuare con questa stretta non è giustificato. C'è sì un amento di casi in Romandia, ma se guardo al Ticino o alla Svizzera tedesca la situazione è sotto controllo nonostante le nuove e più contagiose varianti».

Il direttore del Dipartimento della istituzioni guarda anche a cosa succede oltre confine: «Basta leggere la cronaca lombarda e italiana per vedere la voglia delle gente di poter ritornare a una certa normalità, alla possibilità di socializzare. Perché, se è vero che siamo disposti a sottostare a delle limitazioni, quello che manca di più è proprio questo aspetto di socializzazione».

Dal Governo federale, tuttavia, non sembrano arrivare segnali circa la volontà di trovare accordi caso per caso. «Non siamo stati consultati. Per questo motivo abbiamo intenzione di preparare una presa di posizione. Vogliamo far capire che le misure, per essere attuate e rispettate devono essere supportate e sopportate da parte della popolazione». «Da un lato - prosegue Gobbi - il supporto comincia a mancare perché a fronte di una diminuzione costante dei casi e anche delle ospedalizzazioni si resta fortemente limitati nelle proprie libertà. Dall'altro viene meno anche la sopportazione. Le giornate si allungano e con l'avvicinarsi della primavera inizia ad esserci il bisogno di maggiori libertà».

Secondo il presidente del Governo ticinese, tuttavia, non è solo il Ticino ad essere dimenticato: «Lo sono tutti quei territori che stanno registrando degli andamenti positivi e che hanno la necessità di tornare a un certo livello di normalità. Penso ai nostri colleghi grigionesi che, proprio nell'ottica di gestire bene il periodo delle festività natalizie, hanno voluto anticipare la chiusura di bar e ristoranti in maniera totale, restando poi scottati con una Confederazione che non ha permesso loro di riaprire nel periodo natalizio».

Per Gobbi, in ogni caso, è solo questione di tempo: «I vaccini stanno iniziando a dare i frutti attesi. I decessi sono calati, lo si vede anche nelle case anziani». Quindi conclude pensando alle festività in arrivo: «Se vogliamo ipotizzare un prossimo allentamento, lo immaginiamo riferito alle attività all'aria aperta, penso alle piste da sci. Ma è tutto ancora da decidere».

TOP NEWS Ticino
LUGANO
18 min
Nasce il movimento di chi si sente tradito… dalla Città
La piattaforma villaggitraditi.ch dedica il primo capitolo alla piscina di Carona e al controverso progetto di “glamping” 
CANTONE
30 min
76 nuovi contagi in Ticino, un decesso
8 i nuovi ricoveri e 4 i dimessi. Salgono gli ospedalizzati, oggi a quota 89.
LUGANO
3 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
4 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
12 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
CANTONE
14 ore
«Sta fallendo più di un ristorante su cento»
I dati del Registro di commercio confermano una triste tendenza. Per Arioldi (Ire) il peggio potrebbe ancora venire
FOTO
CHIASSO
17 ore
Sassaiola contro la palestra di arti marziali
Presa di mira la porta d'ingresso dello stabile in via Vincenzo d'Alberti. Accertamenti in corso da parte della polizia.
CANTONE
21 ore
Quante aziende hanno chiuso in Ticino?
Meno del solito, nell'ultimo trimestre del 2020. L'indagine dell'USI
CANTONE
1 gior
Mascherine trasparenti a scuola per leggere il labiale
Permettono di vedere la bocca, ma anche di "leggere" le emozioni della persona che le indossa
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Premiati gli scatti sul Covid-19 di Pablo Gianinazzi
Il fotografo ticinese è tra i sei vincitori dello "Swiss Press Photo 2021".
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile