Immobili
Veicoli
Tipress
CANTONE
05.02.21 - 07:350
Aggiornamento : 12:09

La Lombardia gialla fa esplodere i test rapidi in Ticino

La richiesta presso le farmacie autorizzate è cresciuta enormemente

A questo si somma l'equivoco che il test venga rimborsato dalla Confederazione a tutti. In realtà ciò vale solo per chi presenta sintomi. E simularli non porta da nessuna parte. Ecco perché

BELLINZONA - «La richiesta più forte, che intasa tutte le linee, arriva da chi vuole andare in Italia a fare la spesa» afferma Ivano Oechslin, responsabile del Centro test rapidi di Amavita a Sant’Antonino. 

Telefoni roventi - Sono undici in Ticino le farmacie autorizzate ad eseguire il test rapido Covid-19. Tutte, da alcuni giorni, hanno visto aumentare esponenzialmente le richieste. Da quando cioè la Lombardia è tornata zona gialla, i telefoni delle farmacie abilitate sono roventi e la prenotazione di un appuntamento può slittare anche di una settimana.

Il fraintendimento sul rimborso - Già, perché molti ticinesi sono semplicemente alla ricerca di una negatività che permetta loro di varcare il confine. A rafforzare la richiesta è subentrato il fraintendimento che la Confederazione rimborsi a chiunque i 57 franchi e 50…, ossia la tariffa federale di un test il cui un costo varia tra quella cifra e 87 franchi e 50, a seconda delle farmacie. Il rimborso c’è, ma vale solo per chi presenta sintomi compatibili con il coronavirus.

Spesa in Italia pagata da Berna? - L’equivoco, o la speranza, presso alcuni ha attecchito. «La Confederazione - spiega invece Federico Tamò, titolare della Farmacia Malè a Bellinzona - ha chiaramente detto quali sono i pazienti indicati per il test che può essere rimborsato solo a chi presenta sintomi. La popolazione, invece, ha interpretato le direttive con il proprio ideale di test rapido. Ossia un attestato per viaggiare o fare la spesa in Italia. Ma non sono chiaramente motivi riconosciuti validi per il rimborso». 

I paletti contro i simulatori - Ci sarebbe anche il capitolo dei furbetti. Ma anche qui i paletti paiono stretti a sufficienza. «Non c’è nessuna farmacia che rilascerà un certificato per il viaggio in Italia a chi simula dei sintomi per fare il test gratuitamente» rassicura Tamò. La ragione è presto detta, come chiarisce anche Ivano Oechslin: «Chi fa il test rapido per andare in Italia se lo paga di tasca propria». E chi simula i sintomi? «Se una persona ha un sintomo, anche se il risultato del test è negativo, deve tornarsene a casa in quarantena. Non c’è quindi interesse a raccontare frottole. Tanto più che la negatività del test, se uno ha sintomi, deve essere confermata dal test PCR. Qualcuno arriva solo con l'idea del rimborso, ma di fronte alle direttive fanno marcia indietro. Oppure decidono di pagarsi il test. Non sarebbe chiaramente giusto che la Confederazione sovvenzioni chi va a fare la spesa in Italia».

Ma poi il test vale in Italia? - Un capitolo a parte, assai controverso, riguarda poi il fatto che basti il risultato di un test negativo eseguito nelle ultime 48 ore per recarsi all’estero per motivi non urgenti, come il far spesa. Sul tema i pareri contraddittori si sprecano. Vi è però una certezza: la polizia italiana è propensa a elargire multe salate.

TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Pochi decessi, ma «il numero dei contagi resta rilevante»
L'Ufficio del medico cantonale sulla situazione pandemica: «Molto dipenderà dalla variante circolante in futuro»
CONFINE
14 ore
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
17 ore
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
20 ore
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
20 ore
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
22 ore
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
CHIASSO
1 gior
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
1 gior
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
LUGANO
1 gior
«Non era il pianto di mia figlia»
Una 90enne luganese vittima dei "falsi poliziotti". Racconta come ha morso la foglia
VIDEO
CAMPIONE D'ITALIA
1 gior
Entriamo nel nuovo Casinò di Campione
Tutti all'opera per far rivivere la casa da gioco a due passi da Lugano. La parola d'ordine è "sicurezza"
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile