tipress
CANTONE
31.01.21 - 12:180
Aggiornamento : 18:14

Ma quindi si può andare in Lombardia?

Da domani la regione di confine torna "gialla". Vademecum per i ticinesi che vogliono varcare il confine

Tampone necessario per chi varca il confine senza motivi «urgenti». E tra questi non rientra la spesa nei supermercati di Como e Varese

BELLINZONA - Il grande giorno è arrivato. Da domani la Lombardia torna "zona gialla" dopo quasi un mese: buone notizie per gli appassionati della spesa oltre confine, per chi ha famigliari o fidanzati da visitare. Ma è davvero tutto giallo quel che luccica? O in realtà la vicina regione è ancora "rossa" per i ticinesi?

La questione non è chiarissima, a dire il vero. Le direttive di Roma prevedono che, dopo 14 giorni con bassi livelli di contagi, una regione possa "cambiare colore": la Lombardia - con una settimana di ritardo, per via di un discusso errore nella trasmissione dei dati - da lunedì entra a far parte dell'Italia a basso rischio (praticamente tutta ad eccezione di Sicilia, Puglia, Sardegna, Umbria e provincia di Bolzano). 

Nella zona gialla - in base al decreto del governo italiano entrato in vigore il 17 gennaio - i residenti si possono muovere liberamente, senza limiti tra comuni e senza autocertificazione. Rimane in vigore il coprifuoco tra le 22.00 e le 5.00, e il divieto di spostamento verso altre regioni (anche dello stesso colore).

Quindi? Per i ticinesi che vogliono varcare il confine, cosa cambia? La differenza sta nelle motivazioni dello spostamento. Se fino a oggi (compreso) era consentito entrare dall'estero in Lombardia solo per «comprovata necessità» o per motivi lavorativi, da domani questo limite viene a cadere. Resta invece l'obbligo di essere risultati negativi a un tampone (anche rapido) effettuato nelle 48 ore precedenti.

Tampone necessario, dunque? Non sempre. Il test si può evitare se il soggiorno in Italia non supera le 120 ore ed è dovuto a comprovate esigenze di lavoro, salute o «urgenza» (maggiori info sul sito del Ministero degli Esteri italiano www.viaggiaresicuri.it). Anche il transito - quindi con punto d'ingresso e d'uscita diversi - è consentito per una durata massima di 36 ore, senza tampone.    

Attenzione però: nel concetto di «urgenza» non rientra la spesa nei supermercati. O almeno, non secondo la Polizia italiana, che a inizio mese (durante la "parentesi gialla" in Lombardia prima dell'Epifania) ha multato alcuni ticinesi recatisi appunto oltre confine per riempire il carrello (ne avevamo parlato qui e qui). Il tampone resta necessario, in questi casi, per mettersi al riparo da sanzioni che arrivano fino a 390 euro. Alla lista della spesa, insomma, bisogna aggiungere il costo del test (da 70 franchi). E valutare se ne vale ancora la pena.  

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
13 ore
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
17 ore
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
18 ore
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
1 gior
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 gior
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
1 gior
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
1 gior
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
1 gior
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
1 gior
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile