Ti-Press (archivio)
LUGANO
26.01.21 - 06:000
Aggiornamento : 11:12

Una piccola svolta: chiusi due reparti Covid alla Moncucco

Si inizia a tirare il fiato alla Clinica impegnata nella lotta al virus. Il direttore: «Ultimi numeri incoraggianti».

Meno contagi, meno ospedalizzati. Ma non sembra ancora il momento di abbassare la guardia. Intanto arrivano discrete notizie anche dall'Ente Ospedaliero Cantonale.

LUGANO - Sembra esserci (finalmente) meno pressione a causa del Covid-19 sugli ospedali della Svizzera italiana. I posti letto occupati da pazienti positivi al coronavirus sono attualmente 195, di cui 30 in cure intense. Si tira il fiato dunque. Tanto che alla Clinica Moncucco di Lugano sono stati addirittura chiusi due reparti fino a pochi giorni fa dedicati ai pazienti Covid. «È così – conferma il direttore Christian Camponovo –. La nostra clinica sta cercando di riattivare velocemente le prestazioni offerte ai pazienti “normali”. Siamo consci del fatto che la limitazione dell’attività nei campi della medicina interna, della geriatria e dell’immunoreumatologia comprometteva la possibilità di presa a carico dei pazienti non Covid nel Luganese».

Nonostante le mutazioni... – Insomma, si parla tantissimo delle varianti del virus. In particolare di quella britannica. Ma i dati nudi e crudi ci indicano che in Svizzera i contagi sono decisamente rallentati. E così anche i ricoveri. «Purtroppo – riprende Camponovo – al momento abbiamo ancora troppi pazienti in cure intense per pensare di riprendere interamente l’attività. A essere in parte sacrificata è al momento l’attività ortopedica e quella chirurgica, anche se soprattutto nel campo della chirurgia addominale e della traumatologia abbiamo garantito la cura dei pazienti che necessitavano di interventi urgenti o di natura oncologica. Speriamo che a breve la riduzione dei pazienti intubati in cure intense si avveri, così da permetterci di dare ai chirurghi e agli ortopedici uno spazio maggiore».

Un azzeramento che non si vede ancora – Camponovo parla poi più globalmente del calo dei contagi. Sembra un trend lanciato ormai da qualche settimana. «Direi innanzitutto che va letto come un segnale rassicurante: le misure di contenimento sono efficaci. L’azzeramento dei contagi al momento non è in vista. Ma ben sapendo che le limitazioni saranno in essere a livello federale fino a fine febbraio, posso immaginare che i contagi si manterranno su livelli che permettono alle strutture sanitarie di gestirli senza limitare eccessivamente le capacità di cura dei pazienti "normali", cioè di quei pazienti che non sono affetti da Covid».

La voce dell'EOC – Come vanno invece le cose all'Ente Ospedaliero Cantonale (EOC)? «Negli ultimi periodi – dice un portavoce – stiamo assistendo a una diminuzione dei pazienti nei reparti Covid. Questa situazione permette ai curanti di lavorare con minore pressione, con ritmi meno frenetici ed eventualmente potere usufruire di recuperi in tempo libero o di sostenere gli altri colleghi».

Sempre e comunque pronti a un eventuale nuovo aumento dei casi – Contrariamente alla Moncucco, niente chiusure di reparti Covid però. «Non siamo in una situazione in cui i reparti Covid vengono chiusi e occupati da attività non Covid. La diminuzione dei casi permette il rientro dei collaboratori nelle sedi di appartenenza, dove a fronte di necessità specifiche, possono sostenere i reparti e i colleghi che hanno continuato a prendersi cura dei pazienti non Covid, anche loro con maggior pressione e aumentando il carico di lavoro abituale. Questo dispositivo permette la necessaria flessibilità, in modo da potere ritornare in tempi brevi a pieno regime nell’ambito Covid, qualora l’evoluzione epidemiologica lo dovesse richiedere».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
19 min
«Le donne non sono “consenzienti per default”»
Protesta del collettivo “Io l'8 ogni giorno” contro la revisione della legge in materia di crimini di natura sessuale
CANTONE
46 min
Vino e birra si potranno acquistare anche alla sera
Il Parlamento ha approvato il controprogetto relativo all'iniziativa che chiedeva di togliere il divieto di vendita
LUGANO
2 ore
Borradori: «Dico no ai profeti del declino»
Il sindaco critica la corsa elettorale in cui spicca «chi riesce a dipingere la città nel modo più brutto e decadente»
COMANO
2 ore
Molestie e sessismo in RSI: «Non permetterò mai più simili derive»
Parla il nuovo direttore della RSI, Mario Timbal, che affronta con noi le critiche verso una tv "sprecona".
SONDAGGIO
CANTONE
3 ore
Col take-away, meno sciatori sulle piste
Stagione invernale col virus: nel comprensorio di Airolo-Pesciüm gli utenti sono calati del 40%
CANTONE
4 ore
«La nuova scuola di Amici del Kenya, con un occhio di riguardo per le donne»
Importante traguardo per l'associazione guidata dal locarnese Fabio Stefanini. Ecco il video e le foto.
CANTONE
4 ore
Il Cantone accetterà pagamenti in bitcoin
Luce verde da parte del Gran Consiglio a un progetto pilota con le cryptovalute.
LUGANO
4 ore
Metà classe in isolamento, malumori
Sette allievi positivi alla scuola elementare della Gerra a Lugano. I genitori scrivono al Decs
CANTONE
8 ore
«I reati finanziari sono un cancro per la società»
Il punto di Ministero pubblico e polizia cantonale sugli illeciti riguardanti i crediti Covid-19 e il lavoro ridotto.
COMANO
8 ore
Molestie e RSI: «Bisognerà chiudere i conti col passato»
Il nuovo direttore della RSI, Mario Timbal, si è presentato ai dipendenti e ha parlato del nuovo volto di radio e tv
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile