tipress
CANTONE
25.01.21 - 16:060
Aggiornamento : 22:18

Sì al congedo parentale

Sarà di due settimane, come nel rapporto di minoranza di Nadia Ghisolfi.

Bocciato, quindi, il rapporto di Giorgio Galusero (PLR), che chiedeva di respingere iniziativa e controprogetto.

BELLINZONA - Il Gran Consiglio ha detto sì al congedo parentale di due settimane. Dopo una parità raggiunta durante la prima sessione, la proposta è tornata in discussione e, con 43 voti favorevoli e 37 contrari, il rapporto di minoranza di Nadia Ghisolfi (PPD) è stato approvato.

È stata quindi scelta (sostenuta da PPD, Verdi, PS, MPS, PC, Più Donne, e parte del centro) la strada "moderata" in merito all'iniziativa di Raoul Ghisletta (PS) che chiedeva l'introduzione di un congedo interamente a carico del cantone dalla quindicesima alla ventesima settimana dopo il parto (quindi sei settimane).

Bocciato, con 42 no, 39 sì e un astenuto, il rapporto di maggioranza di Giorgio Galusero (PLR) - sostenuto da PLR, Lega e UDC - che chiedeva di respingere l’iniziativa e il relativo controprogetto.

«Un primo modesto passo» - «Con l’introduzione di queste due settimane di congedo parentale retribuito, oggi il Gran Consiglio ha fatto un passo verso una maggiore uguaglianza tra i genitori, permettendo ad entrambi di occuparsi dei loro figli fin da primi momenti di vita» sottolinea il PS in una prima reazione a caldo. »Si tratta - conclude - di un primo modesto passo verso un congedo parentale in Svizzera, che se divenisse consistente contribuirebbe a prevenire l’abbandono dell’attività professionale da parte delle donne con figli o quantomeno la massiccia riduzione del loro tasso di occupazione, nonché a migliorare le loro prospettive professionali, con effetti positivi sull’intera economia».

«Il ritardo rischiava di diventare incolmabile» - Per la Federazione Associazioni Femminili Ticino Plus (FAFTPlus) il Gran Consiglio ticinese «ha colto, con perfetto tempismo, anche un’occasione per rilanciare la crescita economica del Cantone». «Un voto favorevole - concludono - che permette anche di stare al passo con l’evoluzione della società e con le esigenze delle giovani famiglie, arginando così un ritardo della politica che rischiava di diventare incolmabile».

«Un passo importante» - Anche l'Associazione Donne PPD saluta con favore la decisione. «Si tratta di un importante passo per rispondere alle esigenze delle famiglie ticinesi che chiedono più tempo per l'accudimento dei figli nei primi fondamentali mesi di vita ed in cui sempre più spesso entrambi i genitori svolgono un'attività professionale. L'introduzione del congedo parentale riconosce inoltre la piena libertà dei genitori nella scelta di chi tra loro potrà usufruire, se del caso, di questo tempo». Inoltre, L'ADPPD ritiene che «politiche a favore della conciliabilità lavoro-famiglia, che riconoscano l'importanza del lavoro femminile e che vadano nell'ottica di determinare uno sviluppo economico sostenibile e rispettoso dell'essere umano siano una delle chiavi del rilancio economico cantonale».

«Votazione d'avanguardia» - Le ACLI del Ticino accolgono con grande soddisfazione l’approvazione: «Questo sostegno del Parlamento è un ottimo esempio di come la Politica possa semplificare e agevolare la situazione dei genitori che lavorano. L’auspicio delle Acli è che questa votazione d’avanguardia (è una prima assoluta volta a livello svizzero) possa rappresentare un primo passo significativo verso una maggiore considerazione dei bisogni e delle esigenze delle famiglie».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 9 mesi fa su tio
Non è assolutamente prioritario !! ci sono altre cose nel sociale molto più urgenti da risolvere, grazie
Tato50 9 mesi fa su tio
@Evry Si vede che tuo padre non è stato a casa un attimino con te. Basta leggere ;-(
ceresade36@gmail.com 9 mesi fa su tio
Per cose poco importanti si fano qualcosa In vece le cose davvero importati lasciano daparte per dopo Abbiamo cose molto più urgenti di risolvere che un congedo per andare a fare il nina nana tutto il giorno 🙄😴😴😴😴
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
I tempi cambiano e il 162 va in pensione
Alla fine del mese verrà disattivato il bollettino meteo consultabile telefonicamente.
LUGANO
1 ora
«Cornaredo fa paura perché gli appartamenti in centro non sono più funzionali»
PSE: il dibattito si sposta sugli sfitti già presenti. Perché? Lo spiega Gianluigi Piazzini, presidente della CATEF.
CANTONE
8 ore
Certificato Covid, le proposte che non convincono il Ticino
Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale sullo sviluppo del pass.
SVIZZERA
14 ore
L'aereo è partito senza Chiesa
Il presidente Udc doveva partecipare a un viaggio di rappresentanza negli Stati Uniti. Ma è rimasto bloccato al check-in
CANTONE
15 ore
Donazione di sangue: a decine tra politici e dipendenti cantonali
Per 27 di loro si è trattato della prima donazione.
LUGANO
20 ore
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
BELLINZONA
20 ore
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
20 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE
22 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
LUGANO
23 ore
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile