Ti Press
Bruno Arrigoni (Chiasso), Alessia Ponti (Castel San Pietro) e Samuele Cavadini (Mendrisio).
CASTEL SAN PIETRO
19.01.21 - 06:040
Aggiornamento : 08:17

Quando la cena (da asporto) te la prepara il sindaco

Otto sindaci momò prenderanno parte a una gustosa iniziativa.

Dal roast beef al capretto, ognuno di loro preparerà il proprio “cavallo di battaglia”.

CASTEL SAN PIETRO - “In Osteria cucina il sindaco”. Si chiama così la particolare iniziativa che, come suggerisce il nome, vedrà alcuni sindaci del Mendrisiotto cimentarsi fra pentole e fornelli.

A partire da questa settimana e fino al 27 marzo (vedi locandina allegata), ogni sabato sera (eccetto il 13 e il 20 febbraio) un sindaco diverso cucinerà un piatto (o un menù) da lui stesso proposto presso l’Osteria Sulmoni di Castel San Pietro. Si partirà ad esempio con la “padrona di casa” Alessia Ponti, che sfornerà un roast beef alle erbe ticinesi con verdure miste e patate al forno. Una settimana dopo sarà il turno del neo sindaco di Coldrerio Alain Bianchi, che suggerisce crespelle con spinaci e prosciutto e/o uccelli scappati con purè. 

Fra tradizione... - Ad andare per la maggiore fra le proposte dei vari sindaci - che fra qualche settimana saranno sottoposti al giudizio dei loro concittadini, non (solo) per le loro doti culinarie - sono i piatti della tradizione, come la polenta con spezzatino di cervo (Sergio Bernasconi, Novazzano, 13 marzo), il risotto con luganighetta e cipolle (Samuele Cavadini, Mendrisio, 6 marzo) o il risotto con coniglio in umido (Luca Pagani, Balerna, 20 marzo).

... e novità - Ma non manca nemmeno qualche pietanza “esotica”, come l’insalata di finocchi e arance con acciughe del Cantabrico e gli gnocchi salmone e pesto (Claudia Canova, Morbio Inferiore, 6 febbraio) o valtellinese come i pizzoccheri (Bruno Arrigoni, Chiasso, 27 febbraio). E visto che l’ultimo sindaco a cucinare (Marco Rizza, Vacallo) lo farà il weekend che precede la Pasqua, ecco che la sua proposta sarà un capretto al forno con patate e verdure. 

Lo sgambetto del covid - A causa della chiusura degli esercizi pubblici almeno fino a fine febbraio, non sarà evidentemente possibile vedere all’opera i novelli chef e gustare le loro preparazioni direttamente all’Osteria. Piatti e menù dovranno obbligatoriamente essere prenotati in anticipo e ritirati a partire dalle 19 direttamente sul posto. «L'idea iniziale era di fare tutto in presenza. Sarebbe stato un bel momento di convivialità e una bella occasione per fare campagna elettorale - scherza uno degli ideatori -. Purtroppo non è stato possibile, ma tutti si son messi lo stesso a disposizione». Se le direttive dovessero cambiare non si esclude che perlomeno i sindaci che cucineranno in marzo abbiano questa possibilità.

Chi dovesse temere per la propria salute, magari perché avversario politico alle prossime elezioni, può stare tranquillo: le operazioni saranno supervisionate dal cuoco del ristorante.

Osteria Sulmoni
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Alna 8 mesi fa su tio
ci sono almeno due versioni :-) una senz'altro quella degli uccelli scapati ma anche quella degli uccelli scappati. Allego una versione lombarda trovata nel web. Gli uccelli sono scappati! ci rimangono quindi le fettine di fesa di vitello, quelle di pancetta o di buon guanciale, gli aromi... proviamo a fare un "semplice piatto" con questi ingredienti.... Ecco come nasce lo strano nome di questo piatto: gli uccellini si cucinavano tradizionalmente avvolti in queste carni e poi rosolati come vedrete nella ricetta. Evidentemente una volta la caccia è andata male , e qualche cuoco ha pensato di provare questi involtini, davvero deliziosi
Dani 8 mesi fa su tio
Idea fenomenale, da Momo di origine trapiantato a Lugano, speriamo che anche qui......
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore
Gobbi è diventato più permissivo
Permessi di residenza agli stranieri, il Ticino ha detto meno "no". Un ammorbidimento «per adeguarci alle sentenze»
FOTO
MAGLIASO
4 ore
Tre nasua albini allo Zoo al Maglio
Sono figli di un esemplare albino confiscato e che ha trovato accoglienza in Ticino.
CANTONE
6 ore
Delitto di Muralto, chiesti diciannove anni e sei mesi
Secondo l’accusa nella notte del 9 aprile 2019 all’Hotel La Palma si consumò un assassinio
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
Il Ticino perderà due deputati... nel 2051
Colpa del calo della popolazione. La previsione dei politologi
CANTONE
10 ore
«L’ha strangolata, non erano tipi da asfissia erotica»
Nel processo per il delitto di Muralto, la procuratrice ha ribadito che la versione dell’imputato è «una menzogna».
CANTONE
11 ore
Il delitto in hotel, poi tutta una serie di menzogne
Si è riaperto con la requisitoria il processo nei confronti del 32enne accusato di assassinio
CANTONE
12 ore
Controlli di polizia nella fascia di confine
Si tratta di una campagna congiunta che mira a rendere le strade più sicure. Avrà luogo domani.
CANTONE
12 ore
In Ticino altri 27 contagi
Un paziente è stato dimesso dall'ospedale. Resta stabile l'occupazione delle cure intense
AGNO
17 ore
Alla ricerca della falla da cui il nonno di Eitan è volato via
Non si spegne la polemica sui controlli doganali all'aeroporto di Lugano
CANTONE
17 ore
Ticinesi in cerca di casa: a pochi metri da dove sono nati e mai in città
Quando si tratta di cambiare casa, tendiamo a restare vicino ai nostri luoghi. Ecco i risultati di uno studio Swiss Life
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile