deposit
CANTONE
18.01.21 - 18:140
Aggiornamento : 20:18

Lo sfogo del broker: «Il Covid ha fatto scappare i clienti»

Le difficoltà di chi lavora a provvigione. «Non abbiamo uno stipendio minimo, e nessun aiuto».

Per qualcuno i guadagni si sono dimezzati: «Nel 2020 ho portato a casa solo 20 mila franchi. E ho due figli».

LUGANO - La pandemia di Covid è stata come una falce sull'economia, anche ticinese. Tra aiuti e lavoro ridotto, fortunatamente, c'è chi riesce a tenersi a galla, ma non tutte le categorie professionali stanno reagendo allo stesso modo.

A.*, consulente finanziario/assicurativo presso un ufficio broker del luganese, è tra coloro che si stanno leccando le ferite dopo un 2020 andato decisamente male (causa Covid oltre un quinto di chi risparmia nel pilastro 3a - dati Comparis - ha investito meno o addirittura per niente nella previdenza privata vincolata). E questo 2021 non sembra promettere grandi riscatti, almeno per il momento.

«Purtroppo la pandemia, per noi lavoratori pagati a provvigione, è stata una disgrazia - ci racconta il broker -. Qualcosa, in termini di aiuti, mi era arrivata verso marzo/aprile. Poi più nulla».

D'altra parte A., di fatto, può esercitare normalmente la sua professione. Il problema è che, allo stato attuale, si trova ad essere una figura poco richiesta. «Il nostro lavoro è strettamente legato al contatto con le persone. Ma sono tanti i clienti che hanno paura di vederci o non hanno la serenità economica o mentale per pensare a forme di investimento, che siano anche solo la previdenza individuale con il terzo pilastro. Le perdite di guadagno dovute al lavoro ridotto e ai licenziamenti causati della pandemia hanno avuto un peso considerevole sulla propensione al risparmio dei ticinesi».

«Insomma, possiamo lavorare, ma non riusciamo a lavorare», spiega. Risultato? «Nel 2020 ho realizzato 20 mila franchi. Meno della metà di quanto riesco a guadagnare di solito». Tirare avanti, così, diventa difficile se non impossibile: «Con due figli, stiamo dando fondo ai risparmi. Per fortuna c'è la mia compagna che percepisce un altro stipendio o non so come faremmo. Certo è che si sta facendo difficile».

A. si sente un po' dimenticato: «È il destino di coloro che sono pagati a provvigione. Poi, ovvio, c'è chi è più "sgamato" e in un modo o nell'altro sta riuscendo a cavarsela. Io cerco di lavorare con un'etica, non forzo il cliente. Per me un no significa no. Non sto a insistere. Questa etica, mi sta costando caro».

«I meno preparati i primi a soffrire della crisi» - Parlare di crisi generalizzata nel settore della consulenza indipendente, tuttavia, sarebbe un errore. «Non abbiamo riscontrato grossi problemi, nonostante sia stato necessario chiudere due mesi» sottolinea Mauro Bronzi, consulente finanziario indipendente e CEO/fondatore di AAURA Consulting SA. «Penso - prosegue quindi - che la situazione di un consulente in questo campo dipenda da diversi fattori: innanzitutto per quale ditta si lavora, se si è assunti e si hanno delle entrate fisse, oppure se si lavora solo a provvigioni. Poi conta molto anche il tipo di clientela che uno ha e quanto possono essere remunerativi e solidi i contratti che si fanno. Il rischio storno è sempre dietro l'angolo». Diversi, infine, sarebbero i fattori che giocano un ruolo chiave nel successo o meno di questa realtà professionale: «Se il cliente è facoltoso, è probabile che sarà una costante fonte di reddito, per cui in un periodo come questo posso contare di poter lavorare con i clienti fidelizzati invece di doverne cercare di nuovi. Ultima considerazione, ma non meno importante: la differenza vera la fa la competenza, per cui quando c'è la crisi i meno preparati sono purtroppo i primi a soffrirne».

*nome noto alla redazione. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Giulietto 1 mese fa su tio
È devastante per famiglie in questa situazione! Vanno assolutamente aiutati i più deboli incluse le persone in assistenza e in disoccupazione, anche loro votano possibile che nessuno si interessi a loro? Si parla solo di aiutare aziende, banche e società milionarie dello sport... ma come funziona?
Don Quijote 1 mese fa su tio
@Giulietto Devi capire che gli "aiuti" ci sono solo per i lavoratori dipendenti erogati dalla disoccupazione, quelli per le aziende consistono appunti nel osenerare
Don Quijote 1 mese fa su tio
@Giulietto papera! consistono appunto nell'esonerare le aziende dal dover versare gli stipendi. Se sei indipendente come il tizio dell'articolo, sei il proprietario della tua piccola azienda, dunque, non hai diritto a nessun aiuto a meno che, la tua attività sia stata chiusa per decreto statale. Nell'immaginario collettivo la gente pensa che le aziende siano tutte quasi come le banche, piene di soldi e che i proprietari abbiano accumulato riserve immense! La realtà è molto diversa, il 70% delle aziende è a conduzione famigliare, con meno di 10 dipendenti e in molti casi solo una persona, dunque fragili quanto un dipendente.
Capra 1 mese fa su tio
@Giulietto Giulietto! Mi sa che sei poco sul pezzo ..
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
31 min
Ecco come sarà il nuovo Pretorio
Il Consiglio di Stato chiede al Parlamento un credito di 43 milioni e 420mila franchi per ristrutturazione e ampliamento
FOTO
BREGGIA
56 min
Gli alberi se ne vanno per poi tornare
Nell'ambito della valorizzazione della piazza di Cabbio è iniziato lo spostamento di tigli e platani
CANTONE
1 ora
L'autostrada A2 si prepara per il semisvincolo
Al via i lavori per il risanamento globale del tratto compreso tra gli svincoli di Bellinzona Nord e Bellinzona Sud
FOTO E VIDEO
BRISSAGO
2 ore
Come ti salvo l'Isolino dalle neofite invasive
Le specie alloctone avevano colonizzato l'Isola dei conigli, ma un intervento mirato le ha estirpate.
CANTONE
2 ore
Covid: 44 positivi e 7 ricoveri
Il tasso di riproduzione Rt è dell'1,09. Sono 156 su 100mila le persone positive negli ultimi 14 giorni
BEDANO
6 ore
Decide Google Maps, niente aiuti per il ragazzo
Sconti sull'abbonamento del bus per chi tra casa e scuola impiega più di 20 minuti a piedi. Beffa per alcuni.
CANTONE
6 ore
Sofferenza (e licenziamenti) dietro il sipario
Il lockdown culturale sembra senza fine. Le eccellenze artistiche in Ticino sono in affanno
CONFINE
13 ore
La Provincia di Como sarà zona arancione rafforzata
Chiuderanno le scuole in presenza. Anche Viggiù (Varese), finora in fascia rossa, passerà all'arancione.
SONDAGGIO
CANTONE
15 ore
«Riaprite i ristoranti, altrimenti i negozi faranno fatica»
I negozianti sono tornati al lavoro «con sollievo e la speranza di non dover nuovamente chiudere»
LOCARNO
17 ore
«Chiusi per Pasqua? Sarebbe una beffa»
L'Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli auspica la riapertura di bar e ristoranti per il prossimo 22 marzo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile