TiPress - foto d'archivio
CANTONE
30.12.20 - 18:130
Aggiornamento : 31.12.20 - 14:46

Gli hotel lanciano l'allarme: «Un'ondata di annullamenti in Ticino»

HotellerieSuisse chiede al Consiglio di Stato un piano di aiuti imminente, per arrivare a Pasqua e ripartire

BELLINZONA - «Non sono da escludere un aumento dei licenziamenti ed eventuali chiusure prolungate di strutture ricettive. La chiara visione di un turismo molto debole dei prossimi mesi non permette agli alberghi di poter far fronte ai costi fissi, cresce la possibilità di chiusure fino a Pasqua e una diminuzione di posti di lavoro». È l'allarme lanciato oggi da HotellerieSuisse, che si rivolge al Consiglio di Stato ticinese.

La decretata chiusura di ristoranti e bar a partire dal 22 dicembre e per un mese, decisa dal Consiglio federale per contenere la diffusione del coronavirus, ha portato a «un'ondata di annullazioni» da parte di chi prevedeva di trascorrere gli ultimi giorni di questo anno in Ticino. Una decisione «comprensibile» secondo HotellerieSuisse, «perché là dove non ci sia la possibilità di consumare nemmeno un caffè durante tutto l’arco del giorno, qualsiasi destinazione perde così inesorabilmente di attrattività».

Il settore si rivolge quindi al Governo per chiedere «un piano di aiuti imminente», per permettere alle strutture alberghiere «di far fronte ai
propri costi fissi - che vanno dal pagamento al 100% degli oneri sociali, agli affitti e agli oneri bancari - entro il mese di marzo 2021 e, soprattutto, di mantenere in attività quel personale formato per i nostri alberghi che oggi si ritrova smarrito, senza certezze per il futuro».

HotellerieSuisse ha chiesto al Consiglio di Stato un incontro, che possa anche essere virtuale, «per valutare insieme le possibili strade da percorrere, seguendo la via di aiuti e/o finanziamenti a fondo perso, oppure secondo loro strategie».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
15 ore
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
19 ore
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
20 ore
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
1 gior
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 gior
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
1 gior
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
1 gior
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
1 gior
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
1 gior
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile