Immobili
Veicoli
screenshot video Facebook
CANTONE
22.12.20 - 13:180
Aggiornamento : 15:49

I cacciatori si distanziano: «Adotteremo dei provvedimenti»

Chi ha esploso i colpi che si sono conficcati nella parete dell'abitazione merita «una sanzione adeguata e incisiva»

Fabio Regazzi condanna però anche l'atteggiamento dell'uomo ripreso nel video: «È incompatibile con il nostro codice etico e reca un danno a tutti. È inutile alimentare polemiche, va rispettato anche chi è visceralmente contrario alla caccia».

SESSA - Quando si parla di caccia, la polemica è subito servita. Ci sono gli accaniti sostenitori e chi invece la considera una pratica “disumana”. Ma il discorso etico deve essere separato da quello legale. E a Sessa, domenica, potrebbero essere stati esplosi dei colpi di carabina finiti contro il muro di un’abitazione. Questo, almeno, è quanto si vede nel video postato su Facebook da una donna. La polizia e l’Ufficio della caccia e della pesca - come riferito ieri - sono stati informati e stanno collaborando. Le autorità stanno facendo i loro accertamenti e «saranno le indagini di polizia a determinare dinamica dei fatti e le responsabilità».

«Non c’entra nulla con la caccia» - Ma oggi anche la Federazione dei cacciatori ticinesi (FCTI) ha deciso di prendere posizione, dopo una riunione tenutasi ieri sera. E lo ha fatto per bocca del suo presidente, Fabio Regazzi. «Se accertati, simili atti rappresentano evidenti violazioni delle più elementari norme di sicurezza sul maneggio e l’uso delle armi - si legge in un comunicato stampa -. E non hanno nulla a che vedere con le attuali modalità di prelievo, le distanze di tiro, le armi utilizzate o con la caccia in genere».

«Violazioni gravi che vanno sanzionate» - La FCTI prende quindi le distanze sia dall’atto, sia dagli autori: «Ci aspettiamo che, se individuati, i responsabili vengano sanzionati con misure adeguate alla gravità della negligenza, in maniera incisiva».

Cacciatori «maleducati e irrispettosi» - Ma su Facebook, oltre a quello che mostra due buchi nella facciata di una casa, è comparso anche un secondo video. In cui la donna, palesemente contraria all’uccisione di animali, riprende i cacciatori che vanno via con le loro prede. Si percepisce il fastidio e si sente (l’audio non è chiaro) un battibecco. «Vergognati, fai ridere». «Non parlare con me». Volano anche parolacce. Che le persone nel video siano collegate con i colpi di carabina finiti contro un’abitazione non è dato saperlo. Ma la Federazione ha deciso di «stigmatizzare e condannare» anche questi atteggiamenti «inaccettabili». «Si sono dimostrati maleducati e irrispettosi - scrive Regazzi -, sottraendosi al confronto e gettando discredito sull’intera categoria».

«Ci scusiamo e adotteremo dei provvedimenti» - Richiamando il ”codice etico” del cacciatore da tenere «con chi cacciatore non è», il comitato della FCTI «ha già deciso di intervenire adottando i provvedimenti che le circostanze impongono». Fabio Regazzi spiega infatti che «i cacciatori devono comportarsi in modo corretto anche quando interagiscono con terzi». Altrimenti «creano un danno alla categoria nel suo complesso». E l'atteggiamento del signore nel video proprio non è piaciuto alla Federazione. «Il personaggio in questione è presidente di una società venatoria e di un distretto. Dobbiamo vedere come possiamo intervenire». In ogni caso, il presidente e l'associazione cappello dei cacciatori «non lasceranno cadere la cosa, perché questo episodio non può passare sotto al silenzio». Anzi, porgono anche le scuse alla persona che ha realizzato il video: «Non è quello che ci aspettiamo dai membri della nostra categoria. Bisogna accettare il confronto e rispettare le opinioni altrui». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE/SVIZZERA
4 ore
San Gottardo preso d'assalto: 10 km di coda
Durante la notte la situazione si era calmata, ma in prima mattinata era già da bollino nero
CANTONE
17 ore
I frontalieri in telelavoro «vanno regolarizzati»
Un'interrogazione firmata Plr e Ppd chiede al Consiglio di Stato di attivarsi
CUGNASCO GERRA
1 gior
Dieci anni dopo, in memoria di Alan
Giubileo per la Birra Bozz. Il titolare Richy Bozzini porta avanti il sogno del fratello, morto di cancro alle ossa.
FOTOGALLERY
BEDRETTO
1 gior
Il Passo della Novena è uscito dal letargo invernale
La strada che collega Bedretto a Ulrichen è stata riaperta questa mattina alle nove.
CANTONE
1 gior
Ladri "elettrizzati" fanno incetta di bici (e di denunce)
Nei primi mesi del 2022 la Polizia cantonale ha ricevuto parecchie denunce per furti di biciclette.
LUGANO/BELLINZONA
1 gior
"Vestito nuovo" per l'escape in centro
Il progetto ticinese cresce e si espande. E dopo Zurigo arriva anche a Zugo e Lucerna
CANTONE
1 gior
Imposta di circolazione: i deputati accelerano
Firmato oggi in Commissione Gestione il rapporto di minoranza. Il Parlamento voterà a giugno
LUGANO / UCRAINA
1 gior
A Lugano «per ricostruire l'Ucraina»
All’evento sul Ceresio parteciperanno una quarantina di Stati e diciotto organizzazioni internazionali.
CONFINE/CANTONE
1 gior
Violentate e costrette a prostituirsi in Ticino. Tre arrestati
Gli uomini finiti in manette sono accusati anche di spaccio di droga.
CANTONE
1 gior
Pensionati del Cantone: «Decisione scandalosa»
Il Vpod promette un autunno "caldo" di proteste contro i tagli alle rendite
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile