tipress (archivio)
CANTONE / ZURIGO
20.12.20 - 12:100

Allargare le dimensioni dei parcheggi? Le città si oppongono

A chiederlo è l'associazione degli specialisti della strada e del traffico, di cui fa parte anche Marco Borradori.

Per l'Unione delle città svizzere, tuttavia, «posteggi più grandi possono aumentare i conflitti».

ZURIGO - L'Unione delle città svizzere (UCS) si oppone all'aumento delle dimensioni dei parcheggi, proposta dalla VSS, l'associazione degli specialisti della strada e del traffico, per far fronte alla crescita delle dimensioni dei veicoli.

«In considerazione dello spazio stradale limitato occorre rinunciare ad aumentare, rispetto allo standard attuale, l'area dedicata alle vetture», scrive l'organizzazione dei centri urbani in una presa di posizioni di cui riferisce oggi la NZZ am Sonntag.

Lo spazio è limitato e deve essere sufficiente anche per i marciapiedi, le piste ciclabili o i punti di incontro, ha precisato al domenicale la direttrice dell'UCS, Renate Amstutz. A suo avviso «posteggi più grandi possono aumentare i conflitti».

L'associazione - nel cui comitato direttivo figura anche il sindaco di Lugano Marco Borradori - chiede quindi che le autorità locali possano valutare i pro e i contro degli allargamenti e che il nuovo standard non diventi giuridicamente vincolante.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pontsort 4 mesi fa su tio
Basterebbe smetterla di fare autodemolizioni più larghe. Altrimenti è il cane che si morde la coda
pontsort 4 mesi fa su tio
@pontsort Correttore del cavolo, *auto sempre più larghe
Nmemo 4 mesi fa su tio
Borradori “specialista del traffico (?)” è un retaggio che risale ai tempi che era consigliere di Stato? Tiene il stretto il posto per il suo successore, anche specialista del traffico(?), il consigliere Zali?
Tato50 4 mesi fa su tio
Le carrozzerie si opporranno sicuramente visto con i posteggi "ci mangiano" grazie a certi individui; tipo quello che ho visto una volta che entrando in un parcheggio non ha trovato di meglio che sfregiare le portiere del veicolo posteggio accanto ( oddio può capitare ). Tipo in gamba quello, ha messo un biglietto sotto il tergicristallo destro dell'autoveicolo; peccato che c'era scritto "Saluti" ma per il numero di targa ci hanno pensato altri ;-((
dan007 4 mesi fa su tio
E pertanto trovo sempre dei pochi sulle mie portiere a volte impossibile uscire dalla vettura parcheggio Motta il migliore parcheggio palazzo congressi e fare come in Francia mettere delle protezioni sospese separazione
york11 4 mesi fa su tio
Effettivamente la domanda di SUV nel 2020 è calata, ci vogliono nuovi incentivi...
york11 4 mesi fa su tio
Magari acquistare auto coerenti con l'uso che se ne deve fare? O forse meglio usare i mezzi pubblici? Con la stessa logica perché non aumentare le capacità e larghezza delle autostrade siccome molte delle auto moderne superano abbondantemente i 200km/h???
centauro 4 mesi fa su tio
Ma a che serve comprare un SUV? vuoi l'auto ingombrante? allora parcheggio dedicato con pagamento supplementare! hai bisogno dell'auto spaziosa? basta una SW!
Don Quijote 4 mesi fa su tio
O si allargano i posteggi o si stringono le automobili. È aria fritta quella che ci vuole più superficie, al momento abbiamo 50 posteggi delineati su cui si riescono a posteggiare 45 automobili in modo disordinato, a volte senza lasciare lo spazio di cortesia per scendere o peggio, salire, a chi non è capitato di dover entrare dal lato passeggero. Che fatica, meglio seguire il sentiero tracciato da altre capre ...
Nmemo 4 mesi fa su tio
Marco Borradori e anche uno “specialista della strada e del traffico”? E contestualmente sindaco di una Città con il traffico caotico che non sa come risolvere?
Boma 4 mesi fa su tio
Anche negli anni 60, chi acquistava una Cadillac, sapeva in anticipo quanto erano grandi i parcheggi. Forse, a differenza di oggi, la doveva pagare in contanti, probabilmente per questo motivo ne giravano poche.
Equalizer 4 mesi fa su tio
Considerando che i proprietari di automobili pagano, tasse cantonali, tasse comunali, tasse federali, tasse di circolazione, tasse di posteggio e chissà cos'altro, penso che adeguare i posteggi sia il MINIMO che le municipalità possano fare, senza nemmeno osare mettere in dubbio la richiesta.
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
Positivi ancora in calo: sono 25
Diminuisce la pressione sugli ospedali ticinesi: sono quattro i ricoverati in meno.
CANTONE / ITALIA
5 ore
Posso andare in Italia? Sì, ma...
Da domani niente più obbligo di quarantena, ma sarà in ogni caso necessario un tampone negativo.
LOCARNO
14 ore
Santa Chiara-Moncucco: matrimonio ufficiale
I gruppi interessati all'acquisto della struttura locarnese erano tre. Gli azionisti puntano sulla Clinica Luganese.
LOCARNO
18 ore
Locarno, girava armato di coltello in Piazza Castello
I fatti risalgono a sabato scorso. L'uomo dovrà rispondere di infrazione alla Legge federale sulle armi.
CANTONE
20 ore
Un'altra settimana con tanti radar "luganesi"
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti dal 17 al 23 maggio
CANTONE
1 gior
Jona sta bene, avviso di scomparsa revocato
È stato rintracciato in Italia. Del giovane non si avevano notizie da mercoledì
CHIASSO
1 gior
Con 700 kg di batterie al litio, in barba alle norme di sicurezza
Un trasporto pericoloso proveniente dalla Gran Bretagna è stato fermato al valico commerciale di Chiasso Brogeda.
CANTONE
1 gior
33 contagi e nessun decesso nelle ultime 24 ore
Attualmente nelle strutture sanitarie ticinesi ci sono 34 pazienti ricoverati a causa della malattia.
CANTONE
1 gior
Ne parlano tutti, ma pochi sanno cosa è
Tra Svizzera e UE si gioca un match importante. Tanti non sanno di che si tratta. Il video di Tio/20Minuti.
CANTONE
1 gior
Turismo, alberghi pieni ma i giovani non trovano lavoro
L’impatto della pandemia sul settore, visto dagli occhi di una giovane ticinese che l’ha subito in prima persona.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile