TiPress - foto d'archivio
CANTONE
13.12.20 - 11:080
Aggiornamento : 16:50

Moncucco lancia l'allarme: dopo Natale la terza ondata

Il direttore della Clinica Luganese è molto preoccupato. E gli scenari previsti sono uno peggio dell'altro

La preoccupazione più grande è per il collasso del sistema sanitario: lo scenario peggiore prevede oltre 100 ricoveri giornalieri, 1'000 ospedalizzati, di cui 160 in terapia intensiva. E non ce lo possiamo permettere

LUGANO - Con l’avvicinarsi delle festività e i contagi che continuano ad aumentare, il Consiglio federale ha deciso di prendere parzialmente in mano la situazione e imporre alcune misure ai Cantoni che hanno una situazione preoccupante legata al coronavirus. Misure che in alcuni casi fanno molto discutere - soprattutto nel settore della ristorazione, che non può ospitare la gente per cena nei suoi locali -, ma che per altri non sono sufficienti. È il caso del direttore della Clinica Luganese Moncucco, Christian Camponovo.

«Le attuali “mezze misure” hanno poca efficacia - ha detto in un’intervista rilasciata a il Caffè -. Io chiuderei bar e ristoranti», i luoghi "più pericolosi" a livello di possibilità di contagio. In particolare, il direttore di uno degli ospedali Covid in Ticino, si concentra sul numero di morti. Che ieri sono stati ben 15. «Mi domando se questo numero sia accettabile per una società avanzata», dichiara riprendendo le dichiarazioni della cancelliera tedesca Angela Merkel, che ha annunciato il lockdown totale in Germania, dopo quello “light” imposto nelle scorse settimane.

Camponovo è molto preoccupato. Anche perché lo spettro della terza ondata, quando siamo ancora in piena seconda, è sempre più vicino. E se nelle ultime settimane si è assistito a una sorta di stabilizzazione dei contagi, a livelli alti, questi sembra abbiano ripreso a crescere. Come dimostra un documento della Clinica Moncucco presentato nei giorni scorsi al Cantone, di cui riferisce la Rsi. Sono quattro gli scenari presentati, sulla base di dati rilevati tra il 5 ottobre e il 5 dicembre: si passa dal “migliore” - con 3’260 casi in sette giorni a chiudere il 2020 - al peggiore, con un picco di 7’500 casi (1’071 al giorno). Che significherebbero oltre 100 ricoveri giornalieri e 1'000 ospedalizzati, di cui 160 in cure intense. Mezzo centinaio in più della capienza massima.

Ogni scenario fa paura, soprattutto per la pressione sul sistema sanitario, che potrebbe non reggere. E le festività in arrivo, con le occasioni di socializzazione in aumento (e minore prudenza, oltre al fatto che sempre meno persone si sottopongono al tampone), non fanno che alimentare questa paura.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
Gobbi è diventato più permissivo
Permessi di residenza agli stranieri, il Ticino ha detto meno "no". Un ammorbidimento «per adeguarci alle sentenze»
FOTO
MAGLIASO
4 ore
Tre nasua albini allo Zoo al Maglio
Sono figli di un esemplare albino confiscato e che ha trovato accoglienza in Ticino.
CANTONE
6 ore
Delitto di Muralto, chiesti diciannove anni e sei mesi
Secondo l’accusa nella notte del 9 aprile 2019 all’Hotel La Palma si consumò un assassinio
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
Il Ticino perderà due deputati... nel 2051
Colpa del calo della popolazione. La previsione dei politologi
CANTONE
9 ore
«L’ha strangolata, non erano tipi da asfissia erotica»
Nel processo per il delitto di Muralto, la procuratrice ha ribadito che la versione dell’imputato è «una menzogna».
CANTONE
11 ore
Il delitto in hotel, poi tutta una serie di menzogne
Si è riaperto con la requisitoria il processo nei confronti del 32enne accusato di assassinio
CANTONE
12 ore
Controlli di polizia nella fascia di confine
Si tratta di una campagna congiunta che mira a rendere le strade più sicure. Avrà luogo domani.
CANTONE
12 ore
In Ticino altri 27 contagi
Un paziente è stato dimesso dall'ospedale. Resta stabile l'occupazione delle cure intense
AGNO
16 ore
Alla ricerca della falla da cui il nonno di Eitan è volato via
Non si spegne la polemica sui controlli doganali all'aeroporto di Lugano
CANTONE
16 ore
Ticinesi in cerca di casa: a pochi metri da dove sono nati e mai in città
Quando si tratta di cambiare casa, tendiamo a restare vicino ai nostri luoghi. Ecco i risultati di uno studio Swiss Life
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile