Tipress
CANTONE
12.12.20 - 12:350
Aggiornamento : 14:45

La procuratrice segnalata ricusa l'organo disciplinare

Alla richiesta di prendere posizione su due segnalazioni la procuratrice ricusa il Consiglio della Magistratura

Intanto cresce l'attesa per l'elezione dei venti procuratori pubblici, piatto forte e speziato della seduta di Gran Consiglio in programma lunedì

LUGANO - Spunta anche una inedita ricusa del Consiglio della Magistratura nella tormentata vicenda che lunedì culminerà nella nomina da parte del Gran Consiglio dei venti procuratori pubblici. Un’elezione avvelenata visto che, come noto, lo scorso 8 settembre cinque degli uscenti hanno ricevuto un preavviso negativo alla loro riconferma da parte del CdM presieduto dal giudice Werner Walser. Ma hanno comunque deciso di restare in corsa, affidando ai granconsiglieri (e ai retrobottega dei partiti) la decisione ultima.

Ad aggiungere benzina sul fuoco si ha notizia che uno dei magistrati “bocciati”, la procuratrice pubblica Francesca Piffaretti Lanz, ha ricusato il Consiglio della Magistratura. 

All’origine ci sono due segnalazioni nei confronti della procuratrice pubblica inoltrate a settembre al CdM da due persone finite sotto inchiesta e successivamente prosciolte. Come da procedura l’organo di vigilanza ha inoltrato gli esposti alla diretta interessata affinché presentasse le proprie osservazioni. Ma Piffaretti Lanz non ha risposto o meglio è passata al contrattacco ricusando l’organo di vigilanza poiché sarebbe prevenuto nei suoi confronti. Una mossa inedita che manda in cortocircuito il sistema visto che è abbastanza irrealistico pensare ad un Consiglio della Magistratura nominato ad hoc per esaminare le segnalazioni. Di sicuro un altro segnale della guerra in corso dentro Palazzo di Giustizia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Aeroplanini attorno al carcere
Gli appassionati di modellismo aero entrano in "rotta di collisione" con la Stampa. È già successo un incidente
LUGANO
1 ora
«Certificato Covid: clientela giù del 70%»
Continuano i grattacapi nella ristorazione. Il caso dello storico Grotto Monte Creda. Guarda il video.
CONFINE
2 ore
Da Amsterdam a Milano con 5 kg di fumo
Un 57enne è stato fermato al valico di Brogeda grazie al fiuto del cane "Anima".
CANTONE
3 ore
«Duecento invitati, come un matrimonio etero»
A un mese dal referendum, in Ticino le coppie gay si preparano a un'estate di matrimoni. Ma servirà pazienza
CANTONE
11 ore
Pareggio dei conti entro il 2025, vince (di poco) la destra
Un Gran Consiglio spaccato in due ha approvato di misura l'iniziativa di Sergio Morisoli.
CANTONE
13 ore
Quella fattura piena che delude alcuni esercenti
Tasse sulla vendita di alcolici e per il promovimento turistico: niente sconti pandemici nel 2021. E c'è chi si sfoga.
Lugano
15 ore
Dalla Corea con clamore, ma non è pericolosa quanto la zanzara tigre
Per la senior researcher all'Istituto di microbiologia Supsi, Eleonora Flacio, «non comporta alcun problema»
CANTONE
18 ore
Milioni di aiuti per gli impianti di risalita
Approvato quasi all'unanimità il credito di 5,6 milioni per Airolo, Bosco Gurin, Campo Blenio, Carì e Nara.
MENDRISIO
20 ore
Ligornetto: «Una vignetta per i momò»
Per il gruppo Lega-Udc-Udf i residenti di Mendrisio devono essere esentati dal blocco del traffico
BELLINZONA
21 ore
«Non toccate le settimane bianche»
A Bellinzona l'Unità della sinistra chiede al Municipio di fare dietrofront sull'abolizione della proposta fuori sede
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile