Ti Press
CANTONE
03.12.20 - 11:290

La scuola a distanza? Solo come situazione d'emergenza

È quanto emerge dall'indagine Check-up distance learning effettuata fra allievi, docenti e genitori la scorsa primavera.

Parere unanime fra tutti i gruppi intervistati sulla didattica online: si è imparato meno rispetto alle lezioni in presenza. Opinioni discordanti, invece, sulla comunicazione emanata dagli istituti.

BELLINZONA - È stato reso noto il rapporto, riferito alle scuole medie superiori (licei cantonali e scuola cantonale di commercio) dell’indagine Check-up distance learning (verifica sull’apprendimento a distanza) durante il periodo di lockdown dovuto alla pandemia COVID-19. L’indagine è stata realizzata sul piano nazionale dall’Istituto per la valutazione esterna delle scuole di livello secondario II (IFES). Obiettivo dell’inchiesta: valutare il grado di soddisfazione e i vissuti di allievi, genitori, docenti e dirigenti scolastici rispetto all’esperienza sulla didattica a distanza nel periodo dall’11 marzo all’8 giugno 2020.

L’indagine è stata svolta dall’IFES sul piano nazionale. Il rapporto, per il Canton Ticino, rappresenta una sintesi dei dati raccolti dall’IFES riferiti ai cinque licei cantonali e alla scuola cantonale di commercio.

Chi ha partecipato - Sono 3’263 le persone che hanno risposto alle domande del sondaggio: 1’581 allievi (pari a circa il 30% del totale del settore medio superiore), 312 docenti (circa il 50% del totale dei docenti di questo settore), 1’357 genitori e 13 rappresentanti delle direzioni dei sei istituti scolastici. «Si tratta di un tasso di partecipazione più che soddisfacente sia dal punto di vista numerico, sia per la rappresentatività delle singole sedi scolastiche», fa notare il DECS.

I temi - I principali temi toccati dall’indagine riguardano l’organizzazione della scuola e dell’insegnamento, gli aspetti legati alla comunicazione dei cambiamenti introdotti, la motivazione degli allievi, i contatti sociali e il sostegno ricevuto, le risorse e i carichi di lavoro.

Riorganizzazione - In generale, per quanto concerne la capacità dell’istituto scolastico di riorganizzarsi e di adattare l’insegnamento alle nuove condizioni, docenti e direzioni scolastiche hanno espresso un buon grado di soddisfazione, più elevato rispetto a quanto dichiarato da allievi e genitori. Se circa l’80% dei docenti e la quasi totalità dei dirigenti scolastici hanno affermato di condividere la bontà del sistema adottato, le percentuali di allievi e genitori che hanno indicato il loro accordo varia tra il 40 e il 50%.

Materiale didattico e lezioni a distanza - Il periodo di didattica a distanza è stato caratterizzato dall’introduzione e dall’utilizzo quasi generalizzato di due strumenti informatici: la piattaforma Moodle, per la messa a disposizione dei materiali didattici, e l’applicativo MS Teams, per le lezioni online e il contatto fra allievi e docenti. Dopo un primo periodo di familiarizzazione con questi strumenti, durante il quale si sono dovuti risolvere i problemi di sovraccarico della rete, MS Teams e Moodle sono stati in generale apprezzati e le loro potenzialità riconosciute, anche in funzione della scuola in presenza. Un problema emerso e segnalato soprattutto da allievi e genitori riguarda il carico di lavoro degli studenti, sovente mal distribuito durante la settimana scolastica. Anche la frequenza e la regolarità con cui i docenti hanno mantenuto i contatti con gli allievi - attraverso videolezioni, colloqui individuali o altre modalità - sono aspetti da migliorare, come pure le modalità di valutazione.

Comunicazione - Per quanto concerne la comunicazione emanata dagli istituti scolastici sulle novità implementate durante il lockdown, circa l’85% dei docenti ritiene di essere stato informato in modo soddisfacente; circa il 70% gli allievi dello stesso avviso. Secondo la grande maggioranza dei docenti (ca. l’80%) le linee guida ricevute per l’insegnamento online erano risultate chiare; quasi il 40% degli allievi ha invece incontrato qualche difficoltà a capire quali strumenti digitali erano utilizzati dagli insegnanti e per cosa. In caso di aiuto, quasi il 70% degli allievi ha potuto raggiungere gli insegnanti facilmente e rapidamente.

Motivazione e soddisfazione - L’indagine IFES ha proposto alcune domande sulla motivazione, sull’impegno e sulla soddisfazione degli allievi nei confronti della scuola a distanza. Anche in questo ambito è emersa una differenza di vedute fra allievi (più dell’80% reputa di aver assolto gli impegni scolastici in modo coscienzioso) e docenti, che condividono questa affermazione in minor misura. Dalle risposte di tutti i gruppi intervistati risulta chiaramente che la didattica online viene apprezzata come soluzione d’emergenza, ma che non può sostituire in modo adeguato l’insegnamento in classe, sia per le implicazioni pedagogico-didattiche così come per quelle relazionali. La scuola a distanza ha inoltre implicato per tutti un aumento non indifferente del carico di lavoro.

In un periodo contraddistinto da grande incertezza, la quasi totalità dei docenti si è sentita sufficientemente sostenuta dalle proprie direzioni scolastiche. L’isolamento forzato ha invece limitato le possibilità di sostegno reciproco e di collaborazione fra insegnanti.

«Abbiamo imparato meno» - In tutti i gruppi intervistati emerge l’impressione che durante il periodo di scuola a distanza gli allievi abbiano imparato meno o molto meno rispetto alle lezioni in presenza. Più del 40% degli allievi ha affermato che studiare a casa è stato difficile, anche a causa di distrazioni solitamente non presenti in aula. Se da un lato c’è anche chi sottolinea come molti allievi in questo periodo abbiano potuto sviluppare competenze come lo studio autonomo, la capacità organizzative, la gestione del tempo e l’uso delle tecnologie informatiche, altri sottolineano come la scuola a distanza abbia posto maggiori difficoltà agli allievi scolasticamente o socialmente più fragili.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 9 mesi fa su tio
La scuola a distanza era uno studio da autodidatta che non funziona per tutti gli studenti! Le lezioni online si contavano sulle dita di una mano. Pure ora chi deve stare a casa per un raffreddore o in quarantena per un compagno positivo è abbandonato a se stesso. La scuola non è pronta AD aiutare questi allievi e il risultato lo si vede purtroppo dalle note dei test!😡 Nel caso in cui tutta la classe sia in quarantena non c'è questa discriminazione!
Volpino. 9 mesi fa su tio
Ma va, mica sono degli studenti di serie B per qualche mese di didattica a distanza. Neppure le chiusure delle scuole durante l'influenza Spagnola (1918-1920) ha influito sulla qualità di apprendimento degli studenti. Anzi, al giorno d'oggi dotando tutti di Samsung Galaxy S20 ultra 5G oppure iPhone 12 pro 5G sono tutti degli Einstein.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
CANTONE
7 ore
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
CANTONE
14 ore
Il settore turistico ticinese ha retto il duro colpo della pandemia
Le autorità fanno il punto della situazione: i pernottamenti sono aumentati, anche grazie a campagne e promozioni
CANTONE
15 ore
Covid di venerdì 17: altri 29 casi e una nuova quarantena a scuola
Non si registrano ulteriori decessi. I pazienti Covid scendono a 19.
LUGANO
15 ore
Tram-treno: pubblicato il nuovo bando di concorso
Quello precedente era stato annullato a seguito di due ricorsi accolti da Tribunale cantonale amministrativo
MANNO/ LOCARNO
18 ore
Ecco perché questi studenti non si vaccinano
Alla SUPSI è in corso una rivolta silenziosa. Una raccolta firme contro il Certificato Covid. Le voci dei protagonisti.
LUGANO
19 ore
Stragi, killer e vite blindate (e non): parla Michele Santoro
Il famoso giornalista italiano sarà ospite questa sera all'Endorfine Festival di Lugano. Lo abbiamo intervistato.
CANTONE
1 gior
Vaccinazione, future mamme preoccupate
L'Eoc è confrontato con i dubbi delle donne in dolce attesa. Il primario Papadia fa chiarezza
LUGANO
1 gior
Un centro tamponi nel parcheggio del Casinò
La casa da gioco offre la possibilità di effettuare un test a tutti i suoi clienti che non dispongono del certificato.
CANTONE
1 gior
Le 24 misure del PS per trasformare il Ticino
Il progetto intende contribuire a costruire un Cantone «inclusivo, sostenibile e accogliente».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile