tipress
Una manifestazione del collettivo "Io l'8 ogni giorno" davanti a Palazzo delle Orsoline, a maggio di quest'anno.
CANTONE
25.11.20 - 06:480
Aggiornamento : 11:07

Il Ticino chiama Berna

Un'iniziativa cantonale chiede di modificare il codice penale, a tutela delle donne vittima di violenza

BELLINZONA - Il silenzio non è assenso. Non deve più esserlo. Nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne, anche da Palazzo delle Orsoline si leva un coro a favore della modifica del codice penale svizzero. Un coro di deputate, ma anche di deputati. 

Da Bellinzona, infatti, è partita un'iniziativa parlamentare inter-partitica, presentata dal gruppo dei Verdi e co-firmata da deputate del Plr, Lega, Ppd, Ps, Mps e Pc. Destinazione: Berna, Assemblea federale. I tredici firmatari chiedono «un cambio di paradigma nella definizione di reato sessuale».  

Le richieste del Ticino, sulla scia di un'iniziativa analoga presentata dal canton Ginevra, sono sostanzialmente due.

La prima: «L'uso della violenza o delle minacce - si legge nel testo - devono essere circostanze aggravanti e non più condizioni base del reato».

Echeggiando una campagna già lanciata dai collettivi femministi, i deputati chiedono che senza un mutuo consenso l'atto sessuale sia da considerarsi un illecito. Inoltre invocano - secondo punto - l’introduzione di «una disposizione ad hoc che punisca le molestie sessuali».

Secondo un recente studio - ricorda il testo dell'iniziativa - il 22% delle donne in Svizzera ha subito atti sessuali non consensuali nel corso della propria vita, e solo l'8% delle interessate ha denunciato alla polizia le violenze sessuali subite. Uno dei motivi è che il diritto penale svizzero non prevede la punibilità del reato solo sulla base dell'esistenza o meno di un consenso reciproco.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
1 ora
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
CANTONE
5 ore
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
5 ore
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stata pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
CANTONE
7 ore
In Ticino 36 contagi e un altro decesso
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus salgono a 16, sei delle quali in terapia intensiva.
CANTONE
11 ore
Il monopattino è roba da grandi
I monopattini elettrici sono vietati ai minori di 14 anni. Ma spesso i genitori non lo sanno
CANTONE
11 ore
Pfizer, Moderna e l'apparenza che inganna
Il farmacista cantonale rassicura: «Un vaccino vale l'altro, come efficacia e come effetti collaterali».
LUGANO
23 ore
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
1 gior
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
CANTONE
1 gior
Suter con la maglia UDC, Speziali: «Non è il Massimo»
Botta e risposta tra il presidente PLR Speziali e il presidente di GastroTicino che passa all'UDC
CANTONE
1 gior
«Il 9 aprile è stato un giorno molto triste»
Si è concluso il processo per il delitto di Muralto. La sentenza sarà pronunciata venerdì 1. ottobre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile