Archivio Tipress
LUGANO
18.11.20 - 14:280
Aggiornamento : 15:23

L'autogestione: «Qui siamo e qui rimaniamo»

Il CSOA il Molino prende posizione sul possibile sgombero dell'ex macello

LUGANO - La notizia era trapelata negli scorsi giorni: dopo il presidio di Piazza Molino Nuovo, sfociato in un'aggressione a una giornalista, il Municipio di Lugano ha discusso di una linea più dura da adottare nei confronti dell'autogestione sul sedime dell'ex macello. Ma il CSOA il Molino non ci sta: «Qui siamo e qui rimaniamo e, in ogni caso, saranno gli dèi con i loro feticci a precipitare» fa sapere in una lunga nota (la versione completa si trova qui).

Si tratta di dodici pagine («Una premessa, otto capitoli e una postilla per una storia (non) esaustiva di quasi 25 anni di autogestione, in tempi di pandemie») in cui gli autori ne hanno per tutti, dalle autorità politiche cittadine ai giornalisti, dalle forze dell'ordine ai provvedimenti adottati contro la pandemia.

«Il fatto che le misure qui siano più leggere che altrove non è da attribuire né alla sedicente anima liberale dello stato svizzero né tanto meno alle qualità di obbedienza civile del cittadino rossocrociato (...) Semplicemente questo è il posto dei ricchi o perlomeno ambisce a esserlo con tutta la sua forza» si legge ancora nella nota del CSOA il Molino.

Nel testo si parla di Lugano come di una città che non ha bisogno di «coprifuochi pandemici, perché li aveva già introdotti con le sue ambizioni securitarie e repressive». Una Lugano by night con polizia dappertutto. Ma non quella sera del 30 ottobre in Piazza Molino Nuovo, quando è andata in scena la manifestazione non autorizzata, come ricordano gli autogestiti. Da qui l'attacco alla “telesicurezza”: «La smart city ha voluto dare prova di sé, soprattutto nella gestione impersonale dell'apparato repressivo. Decine e decine di videocamere hanno minuziosamente filmato e registrato ogni comportamento e ogni movimento, mentre i media (riproponendo addirittura parte di questi filmati) sanciscono la naturalità attraverso la quale qualsiasi persona intenta a manifestare pubblicamente possa essere registrata di nascosto». Una situazione, questa, che il CSOA il Molino definisce come «un balzo in avanti verso la città telesecurizzata».

Nella sua presa di posizione, l'autogestione parla inoltre dello stato in cui si trova il sedime dell'ex macello. L'edificio è ritenuto, dalle autorità, in condizioni vergognose. Una valutazione «disonesta», secondo il CSOA il Molino, «da parte di chi lo aveva dismesso e lo avrebbe anche giA`demolito se non fosse stato per il CSOA».

TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 min
Un positivo in casa anziani, Merlani: «Il vaccino non impedisce di ammalarsi»
Il medico cantonale commenta la rottura del trend positivo nelle case di riposo e rimarca l'efficacia del vaccino.
CANTONE
2 ore
Il Governo "suggerisce" a Lugano di non cacciare subito i molinari
Ex Macello: sulle rive del Ceresio arriva una lettera direttamente da Palazzo delle Orsoline.
CANTONE
4 ore
Se non avete ancora diritto alla vaccinazione, la vostra iscrizione viene eliminata
Da alcuni giorni su WhatsApp circola un link diretto alla piattaforma di prenotazione che permette l'iscrizione a tutti
CANTONE
7 ore
Un anticorpo (in parte) bellinzonese, contro il Covid
Uno studio co-pubblicato dall'IRB di Bellinzona finisce su Nature. E genera grandi aspettative
CANTONE / CAMPIONE
7 ore
Roaming invasivo: «Preoccupa ed è pericoloso»
Oggetto della discussione è un'antenna 4G posta a monte di Campione.
CANTONE / CONFINE
8 ore
«Aprire solo alla fascia di confine? Scorciatoia poco sostenibile»
Anche di questo si è parlato durante la visita di Gobbi a Roma.
LUGANO
9 ore
Beccato a oltre il doppio del limite: giovane centauro nei guai
Un 19enne domiciliato nel Luganese è stato intercettato a 104 km/h sul 50 in via Circonvallazione a Cadro.
CANTONE
10 ore
Altri 68 nuovi positivi in Ticino, uno anche in casa anziani
Il residente contagiato era già stato vaccinato. Rimangono 93 i ricoverati negli ospedali a causa del SARS-CoV-2.
CANTONE
10 ore
Ticinesi nel mirino dei truffatori informatici
Decine di segnalazioni alla polizia da parte di cittadini ricattati per e-mail
CANTONE
13 ore
«Ad aprire così, si fa più perdita che tenendo chiuso»
Da lunedì i cinema ticinesi avrebbero potuto riaprire. Così però, almeno per i multisala, non è.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile