Tipress
LUGANO
24.10.20 - 15:360

Permessi al Planet: scatta l'interpellanza

Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli interrogano il Municipio in merito all'apertura della struttura di Pazzallo.

LUGANO - La puntata di Falò del 15 ottobre scorso ("Una raffica di debiti") fa scattare un'interpellanza in merito alla situazione del Planet Village di Pazzallo descritta nel programma RSI. Nell'atto, firmato da Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli, si chiede in particolare al Municipio di Lugano perché, tre anni or sono, alla nuova struttura di 11mila metri quadrati sia stato permesso di aprire «malgrado ci fosse ancora un cantiere in corso».

«Quali verifiche sono state attuate per considerare la struttura del Planet Village idonea all’apertura? Quali procedure legate alla licenza edilizia (concessa dal Municipio a gennaio 2017) sono ancora da completare e per quali motivi?», chiedono i due consiglieri comunali indipendenti, che affermano di essere venuti a conoscenza del caso «su segnalazione di diversi cittadini di Lugano». «I controlli e le procedure di circostanza sono stati eseguiti correttamente? Il Municipio di Lugano come intende agire nel prossimo futuro per evitare queste problematiche?», continuano.

Oltre a interrogare il Municipio sulla situazione dei permessi, nella loro interpellanza Albertini e Beretta-Piccoli ricordano la situazione debitoria del Planet (più di 3 milioni di franchi di debiti a inizio settembre 2020 secondo la RSI). «Dal servizio si evince che decine di artigiani e aziende locali aspettano di essere pagate, ci sono almeno 143 precetti esecutivi (stato: febbraio 2020, Ndr), oneri sociali e imposte non pagate», lamentano. 

Le domande poste al Municipio
- Perché alla struttura del Planet Village è stata concessa l’apertura al pubblico, malgrado ci fosse ancora un cantiere in corso?
- Quali verifiche sono state attuate per considerare la struttura del Planet Village idonea all’apertura?
- Quali procedure legate alla licenza edilizia (concessa dal Municipio a gennaio 2017) sono ancora da completare e per quali motivi?
- I controlli e le procedure di circostanza sono stati eseguiti correttamente?
- Il Municipio di Lugano come intende agire nel prossimo futuro per evitare queste problematiche?
- Come valuta il Municipio di Lugano un potenziamento dei propri organici e la creazione di una squadra ad hoc per tutelare, supervisionare e contrastare queste realtà?
- Il Municipio di Lugano intende collaborare maggiormente con il Cantone per supervisionare questi grandi progetti? Se affermativo quali strategie intende implementare?

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 min
Molestie alla RSI, «nessuna violenza sessuale riscontrata»
Si sono concluse le indagini sulle trentanove segnalazioni giunte al Sindacato svizzero dei massmedia.
CHIASSO
8 min
Nebiopoli non molla: «Rinunciare ora sarebbe prematuro»
Il comitato del carnevale chiassese ha deciso di continuare con la pianificazione dell'edizione 2022.
CANTONE
2 ore
I molinari: «Niente dialogo con i maldestri faccendieri dell'odio»
L'inchiesta sull'abbattimento di un'ala dell'ex Macello volge al termine. La presa di posizione dei molinari
LUGANO
3 ore
Cambio orario: ecco le novità sulla rete TPL
Su molte linee l'orario sarà leggermente adattato. È anche prevista l'introduzione di nuove fermate
CANTONE
3 ore
In Ticino 429 contagi e cinque decessi in 48 ore
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 98, con 15 nuovi ricoveri.
CANTONE
17 ore
Vaccino per partire, «ma anche per fare il bucato»
Per i non vaccinati Stati Uniti e Australia sono diventate impossibili, e la Germania invivibile.
LUGANO
1 gior
A luglio torneranno gli Swiss Harley Days
I primi tre giorni del mese saranno all'insegna delle due ruote, in riva al Ceresio
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
«In Ticino la richiesta di uffici crollerà»
Uno studio di Credit Suisse prevede che in Svizzera la domanda di uffici tornerà a crescere.
CANTONE
1 gior
Altre tre classi in quarantena, in tutto sono 53
Il Decs ha aggiornato l'elenco delle sezioni costrette al confinamento a causa del Covid-19.
CHIASSO
1 gior
Il centro di vaccinazione momò cambia casa
L'attuale struttura di Canavée (Mendrisio) verrà spostata al Palapenz (Chiasso).
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile