Tipress
LUGANO
24.10.20 - 15:360

Permessi al Planet: scatta l'interpellanza

Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli interrogano il Municipio in merito all'apertura della struttura di Pazzallo.

LUGANO - La puntata di Falò del 15 ottobre scorso ("Una raffica di debiti") fa scattare un'interpellanza in merito alla situazione del Planet Village di Pazzallo descritta nel programma RSI. Nell'atto, firmato da Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli, si chiede in particolare al Municipio di Lugano perché, tre anni or sono, alla nuova struttura di 11mila metri quadrati sia stato permesso di aprire «malgrado ci fosse ancora un cantiere in corso».

«Quali verifiche sono state attuate per considerare la struttura del Planet Village idonea all’apertura? Quali procedure legate alla licenza edilizia (concessa dal Municipio a gennaio 2017) sono ancora da completare e per quali motivi?», chiedono i due consiglieri comunali indipendenti, che affermano di essere venuti a conoscenza del caso «su segnalazione di diversi cittadini di Lugano». «I controlli e le procedure di circostanza sono stati eseguiti correttamente? Il Municipio di Lugano come intende agire nel prossimo futuro per evitare queste problematiche?», continuano.

Oltre a interrogare il Municipio sulla situazione dei permessi, nella loro interpellanza Albertini e Beretta-Piccoli ricordano la situazione debitoria del Planet (più di 3 milioni di franchi di debiti a inizio settembre 2020 secondo la RSI). «Dal servizio si evince che decine di artigiani e aziende locali aspettano di essere pagate, ci sono almeno 143 precetti esecutivi (stato: febbraio 2020, Ndr), oneri sociali e imposte non pagate», lamentano. 

Le domande poste al Municipio
- Perché alla struttura del Planet Village è stata concessa l’apertura al pubblico, malgrado ci fosse ancora un cantiere in corso?
- Quali verifiche sono state attuate per considerare la struttura del Planet Village idonea all’apertura?
- Quali procedure legate alla licenza edilizia (concessa dal Municipio a gennaio 2017) sono ancora da completare e per quali motivi?
- I controlli e le procedure di circostanza sono stati eseguiti correttamente?
- Il Municipio di Lugano come intende agire nel prossimo futuro per evitare queste problematiche?
- Come valuta il Municipio di Lugano un potenziamento dei propri organici e la creazione di una squadra ad hoc per tutelare, supervisionare e contrastare queste realtà?
- Il Municipio di Lugano intende collaborare maggiormente con il Cantone per supervisionare questi grandi progetti? Se affermativo quali strategie intende implementare?

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
44 min
C'è troppo smog: velocità ridotta in tutto il Sottoceneri
Gli 80 km/h entreranno in vigore alle 13.30 e riguarderanno l'A2 fra Rivera e Chiasso e l'A394 fra Mendrisio e Stabio.
BELLINZONA
1 ora
Violenta rissa a Giubiasco, fermati sei giovani
Un 21enne è stato ferito in modo grave alla testa con un oggetto contundente. Ferite più leggere per altre tre persone.
CANTONE
1 ora
Covid: 52 positivi, ma nessuna vittima
Nelle ultime ventiquattro ore sono state ricoverate 5 persone. Quattro, invece, sono state dimesse
CANTONE
2 ore
«Lo sballo da farmaci ha ucciso mio figlio»
Dal dramma, lo slancio per aiutare gli altri: «Tante vite possono essere salvate»
CANTONE
3 ore
I 366 giorni di coronavirus del dottor Christian Garzoni
Il direttore sanitario della Clinica Luganese di Moncucco ricorda il 25 febbraio di un anno fa e il primo paziente Covid
CANTONE
5 ore
I media di fronte alla novità del coronavirus
L'esperto: «È stato fatto un buon lavoro, senza allarmismo ma nemmeno banalizzazione»
FOTO
CANTONE
5 ore
Un anno di pandemia
Il 25 febbraio 2020 venne segnalato il primo caso di coronavirus in Ticino (e in Svizzera).
CANTONE
14 ore
In Ticino è come se fosse morto un piccolo paese
Il Covid ha creato un "buco" nelle statistiche demografiche: 857 decessi in più in un anno.
CANTONE
16 ore
«Aprire le terrazze? Creerebbe tensioni»
Massimo Suter deluso dalla decisione del Consiglio Federale. E anche dalla prospettiva di una riapertura "a metà"
CANTONE
18 ore
«Non vogliamo una Pasqua come quella del 2020»
Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato ticinese, ospite di Piazza Ticino. Guarda il video.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile