Tipress
LUGANO
24.10.20 - 15:360

Permessi al Planet: scatta l'interpellanza

Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli interrogano il Municipio in merito all'apertura della struttura di Pazzallo.

LUGANO - La puntata di Falò del 15 ottobre scorso ("Una raffica di debiti") fa scattare un'interpellanza in merito alla situazione del Planet Village di Pazzallo descritta nel programma RSI. Nell'atto, firmato da Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli, si chiede in particolare al Municipio di Lugano perché, tre anni or sono, alla nuova struttura di 11mila metri quadrati sia stato permesso di aprire «malgrado ci fosse ancora un cantiere in corso».

«Quali verifiche sono state attuate per considerare la struttura del Planet Village idonea all’apertura? Quali procedure legate alla licenza edilizia (concessa dal Municipio a gennaio 2017) sono ancora da completare e per quali motivi?», chiedono i due consiglieri comunali indipendenti, che affermano di essere venuti a conoscenza del caso «su segnalazione di diversi cittadini di Lugano». «I controlli e le procedure di circostanza sono stati eseguiti correttamente? Il Municipio di Lugano come intende agire nel prossimo futuro per evitare queste problematiche?», continuano.

Oltre a interrogare il Municipio sulla situazione dei permessi, nella loro interpellanza Albertini e Beretta-Piccoli ricordano la situazione debitoria del Planet (più di 3 milioni di franchi di debiti a inizio settembre 2020 secondo la RSI). «Dal servizio si evince che decine di artigiani e aziende locali aspettano di essere pagate, ci sono almeno 143 precetti esecutivi (stato: febbraio 2020, Ndr), oneri sociali e imposte non pagate», lamentano. 

Le domande poste al Municipio
- Perché alla struttura del Planet Village è stata concessa l’apertura al pubblico, malgrado ci fosse ancora un cantiere in corso?
- Quali verifiche sono state attuate per considerare la struttura del Planet Village idonea all’apertura?
- Quali procedure legate alla licenza edilizia (concessa dal Municipio a gennaio 2017) sono ancora da completare e per quali motivi?
- I controlli e le procedure di circostanza sono stati eseguiti correttamente?
- Il Municipio di Lugano come intende agire nel prossimo futuro per evitare queste problematiche?
- Come valuta il Municipio di Lugano un potenziamento dei propri organici e la creazione di una squadra ad hoc per tutelare, supervisionare e contrastare queste realtà?
- Il Municipio di Lugano intende collaborare maggiormente con il Cantone per supervisionare questi grandi progetti? Se affermativo quali strategie intende implementare?

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
I coltelli finiranno sotto chiave?
L'attacco di ieri a Lugano è avvenuto con un coltello preso direttamente dagli scaffali della Manor
CANTONE
5 ore
Aggressione alla Manor, l'accusa è di tentato omicidio e lesioni gravi
L'Imam Jelassi: «Condanniamo con forza ogni forma di violenza gratuita a prescindere da chi la commetta»
LUGANO
8 ore
La famiglia rompe il silenzio: «Chiediamo rispetto»
Fotografi e giornalisti davanti all’abitazione dei genitori della 28enne che ha accoltellato una donna ieri alla Manor.
CANTONE
9 ore
«Non sapevamo. Chiariremo e affronteremo»
Sui presunti abusi in Rsi viene comunicato che le indagini saranno affidate ad esterni.
CANTONE
9 ore
«In Ticino restrizioni prorogate fino al 18 dicembre»
Durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline il governo ha illustrato la sua strategia
LUGANO
11 ore
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
FOTO
CANTONE
11 ore
«Gli assembramenti sono stati solo spostati di un'ora»
Lo slittamento dell'orario delle scuole superiori non avrebbe finora avuto l'effetto sperato.
CANTONE
14 ore
Aveva tentato di recarsi in Siria, senza successo
La fedpol ha fornito nuove informazioni sulla donna che ieri ha ferito due persone alla Manor di Lugano.
ONSERNONE
14 ore
Mentre tagliava le piante, gli è caduto addosso un muro
L'incidente si è verificato in Valle Onsernone. Gravi ferite per un 52enne della regione
CANTONE
15 ore
«Sconcerto e delusione» per la conferenza stampa di ieri
Critiche da parte dell’Associazione ticinese dei giornalisti per come Gobbi e Cocchi hanno gestito la conferenza stampa
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile