Archivio Tipress
CANTONE / GERMANIA
22.10.20 - 22:200
Aggiornamento : 23.10.20 - 07:01

La Svizzera sulla “lista nera” tedesca: «Fosse capitato a luglio...»

C'è delusione ma non preoccupazione da parte del presidente di HotellerieSuisse Ticino per la misura della Germania

Pianezzi: «Si rovina un po' il nostro sogno di sviluppare il potenziale turistico invernale, ma confidiamo ancora negli svizzero tedeschi e nei romandi»

LUGANO - «Si rovina un po' il nostro sogno di sviluppare il potenziale turistico invernale del nostro cantone». C'è un po' di delusione nelle parole di Lorenzo Pianezzi, presidente di HotellerieSuisse Ticino, a seguito della decisione delle autorità tedesche di considerare tutta la Svizzera come una zona a rischio. A partire dal prossimo sabato, 24 ottobre, chi entra in Germania dopo un soggiorno nel nostro paese deve mettersi in quarantena per quattordici giorni. Questo vale quindi anche per un turista tedesco che rientra dal Ticino.

Certo, ci troviamo ormai nella seconda metà di ottobre. E guardando agli anni passati, osserva ancora Pianezzi, si tratta ora di un periodo in cui in genere il visitatore proveniente dalla Germania è molto meno presente. «Ma c'è del potenziale da mettere in gioco per l'inverno: anche sulla base della situazione epidemiologica, confidiamo ancora sulla presenza degli svizzero tedeschi e dei romandi». I prossimi mesi - lo dice ancora PIanezzi - «potrebbero riservarci delle sorprese, considerando la difficoltà di viaggiare all'estero».

Fosse capitato a luglio... - Tuttavia, per il provvedimento adottato dalla Germania, il presidente di HotellerieSuisse non si mostra particolarmente preoccupato. «Se fosse capitato a luglio, sarebbe stato diverso». Ma ora il settore è comunque già confrontato, in generale, con una brusca frenata delle prenotazioni. E non soltanto a causa dell'andamento della pandemia, ma anche della situazione meteorologica, osserva Pianezzi.

La decisione - La decisione tedesca - determinata dal superamento del limite di cinquanta nuovi contagi per centomila abitanti negli ultimi sette giorni - non riguarda comunque soltanto la Svizzera. L'Istituto Roberto Koch ha infatti segnalato anche gran parte dell'Austria, come pure Polonia, Irlanda e parte dell'Italia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
7 ore
«Non abbiamo potuto dirgli addio»
L'ultimo saluto è un diritto garantito (in teoria) anche in tempi di Covid. Ma allo Iosi qualcosa è andato storto
LUGANO
9 ore
«Abbiamo bisogno di quest'opera»
Dopo l'annunciato referendum dell'Mps, Roberto Badaracco interviene in difesa del nuovo stadio di Cornaredo
FOTO
CANTONE
11 ore
Neve fin nel Sottoceneri e forti disagi a nord
Un furgone è andato a sbattere sul'A2, all'altezza di Faido.
CONFINE
11 ore
Positivo alla variante inglese, da St. Moritz a Como in treno e taxi
L'uomo, un cameriere 30enne, è stato denunciato.
AIROLO
12 ore
San Gottardo chiuso... per neve
La galleria è stata chiusa poco dopo le 14.00 a causa del maltempo. Forti disagi al traffico.
CANTONE
14 ore
Governo e Cellula sanitaria insieme per prevedere l'evoluzione della pandemia
Si è discusso dello scambio continuo di informazioni sulla situazione epidemiologica.
CANTONE
17 ore
Diciotto pazienti in meno all'ospedale
Nelle ultime 24 ore 4 persone sono state ricoverate, mentre 20 sono state dimesse.
CANTONE / SVIZZERA
18 ore
Ecco le sfide 2021 per i consumatori
Al centro della “battaglia” ci saranno il Nutri-Score sugli imballaggi e le azioni collettive
BELLINZONA
21 ore
«Mi ha "distrutto" la spalla e non mi vuole risarcire»
Lo sfogo del 29enne che il 10 febbraio 2016 venne aggredito da un calciatore a carnevale: «Sono in un limbo».
CANTONE
21 ore
Loro sono tra i pochi a fare affari
Chi se lo sarebbe aspettato un anno fa a quest'ora? Col Covid "vanno di moda" le fabbriche di mascherine.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile