Archivio Tipress
CANTONE / GERMANIA
22.10.20 - 22:200
Aggiornamento : 23.10.20 - 07:01

La Svizzera sulla “lista nera” tedesca: «Fosse capitato a luglio...»

C'è delusione ma non preoccupazione da parte del presidente di HotellerieSuisse Ticino per la misura della Germania

Pianezzi: «Si rovina un po' il nostro sogno di sviluppare il potenziale turistico invernale, ma confidiamo ancora negli svizzero tedeschi e nei romandi»

LUGANO - «Si rovina un po' il nostro sogno di sviluppare il potenziale turistico invernale del nostro cantone». C'è un po' di delusione nelle parole di Lorenzo Pianezzi, presidente di HotellerieSuisse Ticino, a seguito della decisione delle autorità tedesche di considerare tutta la Svizzera come una zona a rischio. A partire dal prossimo sabato, 24 ottobre, chi entra in Germania dopo un soggiorno nel nostro paese deve mettersi in quarantena per quattordici giorni. Questo vale quindi anche per un turista tedesco che rientra dal Ticino.

Certo, ci troviamo ormai nella seconda metà di ottobre. E guardando agli anni passati, osserva ancora Pianezzi, si tratta ora di un periodo in cui in genere il visitatore proveniente dalla Germania è molto meno presente. «Ma c'è del potenziale da mettere in gioco per l'inverno: anche sulla base della situazione epidemiologica, confidiamo ancora sulla presenza degli svizzero tedeschi e dei romandi». I prossimi mesi - lo dice ancora PIanezzi - «potrebbero riservarci delle sorprese, considerando la difficoltà di viaggiare all'estero».

Fosse capitato a luglio... - Tuttavia, per il provvedimento adottato dalla Germania, il presidente di HotellerieSuisse non si mostra particolarmente preoccupato. «Se fosse capitato a luglio, sarebbe stato diverso». Ma ora il settore è comunque già confrontato, in generale, con una brusca frenata delle prenotazioni. E non soltanto a causa dell'andamento della pandemia, ma anche della situazione meteorologica, osserva Pianezzi.

La decisione - La decisione tedesca - determinata dal superamento del limite di cinquanta nuovi contagi per centomila abitanti negli ultimi sette giorni - non riguarda comunque soltanto la Svizzera. L'Istituto Roberto Koch ha infatti segnalato anche gran parte dell'Austria, come pure Polonia, Irlanda e parte dell'Italia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
23 min
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
LUGANO
2 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
2 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
4 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
CANTONE
12 ore
La Rsi replica alle critiche: «Informazione sempre al centro»
Forma cambiata, ma «mantenendo qualità e quantità».
CANTONE
17 ore
«Come pensare che un carcere minorile possa essere educativo?»
I contrari al progetto di un centro educativo chiuso escono allo scoperto
CANTONE
18 ore
Cassis presidente, festa annullata
La cerimonia a Bellinzona verrà rimandata «causa Covid»
LUGANO
19 ore
Salta anche il carnevale di Tesserete
Cancellata preventivamente la manifestazione. Il Comune di Capriasca: «Gesto di responsabilità sociale»
CANTONE
22 ore
Dose di richiamo, ultima chiamata per gli over 65
In vista dell'apertura alle altre fasce d'età, le autorità cantonali sollecitano i pensionati ad annunciarsi.
CANTONE
1 gior
Altri 167 nuovi contagi e sette classi in quarantena
Negli ospedali del nostro cantone si contano attualmente settanta pazienti Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile