Depositphotos
BELLINZONA
20.10.20 - 06:420

La cura per il Covid forse passerà dal Ticino

Novanta pazienti avranno la possibilità di assumere un farmaco ormonale che viene usato contro il tumore alla prostata.

I malati di tumori trattati con una determinata terapia sembrano avere un decorso più blando quando contraggono il coronavirus. Le ipotesi dell'oncologo Ricardo Pereira Mestre.

BELLINZONA - La via per curare il Covid-19 passa, forse, da Bellinzona. Sì, perché l'Istituto Oncologico della Svizzera Italiana (IOSI) sta portando avanti uno studio che lascia intravedere scenari interessanti. A coordinarlo, l'oncologo Ricardo Pereira Mestre. «Alcuni malati di Covid ticinesi avranno la possibilità di assumere l'Enzalutamide, un farmaco che solitamente viene usato per arginare il tumore della prostata e che generalmente è ben tollerato». 

Le due vie di accesso per il virus – Ma da cosa scaturisce questa idea? L'oncologo spiega: «Ci si è accorti, grazie alle ricerche del professor Andrea Alimonti e di altri colleghi, che i malati di tumore alla prostata sono stranamente meno soggetti al Covid, oppure lo superano generalmente con decorsi più blandi, verosimilmente grazie al trattamento che ricevono. Sappiamo che il virus entra nelle cellule del nostro corpo attraverso due "porte" ben precise per poi potersi replicare. Con questo farmaco noi cerchiamo di chiudere al virus proprio queste vie di accesso».  

Una scelta mirata – I pazienti che si potranno mettere a disposizione sono uomini (categoria più a rischio), hanno più di 50 anni e si trovano in una situazione che potrebbe portare a complicazioni. Perché soffrono, ad esempio, di ipertensione o di diabete. I pazienti non saranno cavie, ma riceveranno una cura promettente in un contesto controllato dalle regole internazionali degli studi clinici. «Abbiamo scelto persone che comunque possono curarsi a casa senza dovere andare in ospedale. Non pazienti in cure intense. Questo perché secondo noi la chiave sta proprio nel bloccare il Covid nella sua fase iniziale. Evitando così un decorso grave. Vogliamo tentare di anticipare, bloccando il più possibile gli effetti del virus». 

Tra qualche mese, i primi dati – L'idea è stata concepita a primavera, ma si sta concretizzando a tutti gli effetti di recente. «Lo studio durerà complessivamente un anno. Tra qualche mese potremmo già avere qualche dato indicativo. Al momento è prematuro fare calcoli. Questa ricerca si basa sulla grande collaborazione dei medici di famiglia, di alcuni partners come Hospithome, la Centrale 144 e Curasuisse per il monitoraggio in remoto dei parametri vitali, il Cardiocentro, il servizio malattie infettive EOC e Clinica Moncucco, gli Istituti di ricerca in biomedicina e oncologia di Bellinzona e naturalmente l'Istituto oncologico della Svizzera italiana (IOSI) che ne è il principale promotore».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
I coltelli finiranno sotto chiave?
L'attacco di ieri a Lugano è avvenuto con un coltello preso direttamente dagli scaffali della Manor
CANTONE
5 ore
Aggressione alla Manor, l'accusa è di tentato omicidio e lesioni gravi
L'Imam Jelassi: «Condanniamo con forza ogni forma di violenza gratuita a prescindere da chi la commetta»
LUGANO
9 ore
La famiglia rompe il silenzio: «Chiediamo rispetto»
Fotografi e giornalisti davanti all’abitazione dei genitori della 28enne che ha accoltellato una donna ieri alla Manor.
CANTONE
10 ore
«Non sapevamo. Chiariremo e affronteremo»
Sui presunti abusi in Rsi viene comunicato che le indagini saranno affidate ad esterni.
CANTONE
10 ore
«In Ticino restrizioni prorogate fino al 18 dicembre»
Durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline il governo ha illustrato la sua strategia
LUGANO
12 ore
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
FOTO
CANTONE
12 ore
«Gli assembramenti sono stati solo spostati di un'ora»
Lo slittamento dell'orario delle scuole superiori non avrebbe finora avuto l'effetto sperato.
CANTONE
15 ore
Aveva tentato di recarsi in Siria, senza successo
La fedpol ha fornito nuove informazioni sulla donna che ieri ha ferito due persone alla Manor di Lugano.
ONSERNONE
15 ore
Mentre tagliava le piante, gli è caduto addosso un muro
L'incidente si è verificato in Valle Onsernone. Gravi ferite per un 52enne della regione
CANTONE
16 ore
«Sconcerto e delusione» per la conferenza stampa di ieri
Critiche da parte dell’Associazione ticinese dei giornalisti per come Gobbi e Cocchi hanno gestito la conferenza stampa
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile