Archivio TiPress
CANTONE / SVIZZERA
16.10.20 - 15:450
Aggiornamento : 16:27

Ueli Maurer in Ticino per discutere di frontalieri

«Le richieste ticinesi sono state presentate in modo costruttivo» ha detto il Consigliere federale

BELLINZONA - Il Consigliere federale Ueli Maurer ha incontrato oggi a Bellinzona il Governo ticinese per parlare dell'accordo sull'imposizione dei lavoratori frontalieri.

L'accordo, lo ricordiamo, era stato parafato da Svizzera e Italia nel dicembre del 2015. Da allora, però, l'accordo non è ancora stato firmato. 

Con Maurer, i vertici politici ticinesi hanno così potuto discutere degli approcci sviluppati negli scorsi mesi con l'Italia, per arrivare alla firma dell'accordo. Secondo Maurer, le richieste del Canton Ticino sono state presentate in modo costruttivo.

Il Direttore del Dipartimento federale delle finanze ha poi illustrato ai Consiglieri di Stato ticinesi i risultati emersi dai contatti più recenti con il Ministero delle Finanze italiano, ricevendo il parere del governo ticinese sui contenuti principali dell'accordo.

Secondo l'intesa, in futuro i frontalieri saranno tassati sia nello Stato in cui svolgono l’attività lavorativa sia in quello di residenza, in modo da semplificare le norme sull’imposizione.

Infine, durante l'incontro odierno, si sono discussi anche altri temi di attualità in ambito finanziario e fiscale, come le misure per arginare le conseguenze della crisi causata dal coronavirus.

Maurer dopo Cassis e Sommaruga - Lo scorso 28 settembre era stato il consigliere federale Ignazio Cassis a recarsi a Bellinzona per incontrare gli esecutivi cantonali ticinese e grigionese, indicando che negli ultimi mesi erano stati compiuti progressi in vista della conclusione dell'accordo.

L'indomani, la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga, dopo un incontro con il premier italiano Giuseppe Conte a Roma, aveva fatto stato di un «avanzamento» delle discussioni con l'Italia e indicato di aver potuto «concretizzare e definire i parametri di una soluzione». «Abbiamo constatato che esiste questa intesa per avanzare molto rapidamente, questo vuol dire anche firmare questo accordo prima della fine di quest'anno».

Dello stesso tenore le affermazioni del presidente del Consiglio italiano: «Con la presidente Sommaruga abbiamo salutato con favore i progressi fatti dal Ministero (italiano) dell'economia (e delle finanze) e dalla Svizzera per un negoziato sul trattamento fiscale dei lavoratori frontalieri: vogliamo un accordo quanto più possibile favorevole nel reciproco interesse e auspichiamo che possa essere raggiunto entro fine anno».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
18 ore
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
CENERI
21 ore
Testa-coda sul Ceneri
Incidente sulla Cantonale oggi a mezzogiorno. La polizia è sul posto
LUGANO
1 gior
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
1 gior
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CADENAZZO
1 gior
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
CANTONE
2 gior
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
2 gior
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
2 gior
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
2 gior
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
2 gior
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile